Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 12, 2020

Scroll to top

Top

Il day after della politica. Chi vince e chi perde - Diritto di critica

«L’Italia non è la Francia». Esordiscono così oggi molti pensatori di sinistra alla luce dell’aspra lettura dei risultati elettorali. Non assomigliare ai cugini “amanti delle lumache” per una volta appare quasi come un dramma esistenziale, una brutta sorpresa. In realtà dietro a questa affermazione ci sono diverse riflessioni da fare. Sarkozy, alla luce di una gestione inefficiente del suo governo, ha incassato una sonora sconfitta perdendo un pò in tutte le aree della Francia. In Italia invece abbiamo assistito ad un fenomeno un pò atipico, unico nel suo genere. I delusi da Silvio, invece che riversarsi nell’elettorato di centro sinistra come vuole la natura democratica, hanno semplicemente disertato le urne o votato per un’altra soluzione, più estrema e più a destra: la Lega. V’è quasi una nota di comicità nella chiave di lettura di queste elezioni. Pur di non votare Pd l’elettorato quasi sfiora il ribaltone nelle regioni del nord, sostituendo i vertici del Pdl con altri uomini sempre legati alla maggioranza di governo. E se nei grandi centri vince la sinistra dove una cultura più internazionale e aperta domina la scena, nelle provincie e nelle realtà periferiche la destra populista porta a casa la vittoria, dimostrandosi più capace di seguire l’elettorato in una forma più capillare e profonda. Quasi da amministratore di condominio.

L’eredità fallimentare di Bassolino

La sconfitta in Campania, comunque la si voglia leggere, mette in luce una responsabilità forte. Il governo dell’intoccabile Bassolino, diretto responsabile dello scandalo dei rifiuti a Napoli, ha messo in crisi il progetto politico della sinistra che per più di 10 anni aveva investito in questa terra. Evidentemente le accuse di reati come frode in pubbliche forniture, truffa ai danni dello Stato, abuso d’ufficio, falso e reati ambientali, oltre ai cattivi odori della monnezza di Napoli, hanno influito pesantemente sull’esito delle urne.

L’incapacità di offrire un’alternativa vera

Vincere le elezioni significa convincere la popolazione a darti fiducia, proporre nuove soluzioni ed impegnarsi per risolvere i problemi irrisolti. Ancora è da appurare quali siano le scelte tattiche (o suicida) che hanno portato il Partito Democratico alla candidatura di Filippo Penati in Lombardia, di Emma Bonino nel Lazio, ma soprattutto dell’indagato Vincenzo De Luca in Campania. Penati in Lombardia è apparso come una squadretta dilettante che sfida il Milan, magari con qualche talento in panchina. La candidata radicale, peraltro stimata da molte parti, non è certamente un “volto nuovo” partorito dalla base del Pd, ma bensì un’evidente tappo d’emergenza per coprire la falla lasciata dallo scandalo di Marrazzo. Su De Luca c’è poco da dire. Proporre un candidato indagato per sconfiggere altri indagati è ai limiti del ridicolo. Tra un presunto cattivone e un cattivo di professione vince sempre l’originale.

La sconfitta del Popolo della Libertà

I giornali del centro destra hanno appellato queste elezioni come una grande vittoria di Berlusconi. Berlusconi poche ore fa ha dichiarato che «”L’amore ha vinto sull’invidia e sull’odio, gli elettori ci hanno dato ragione», ma i dati reali parlano di una sconfitta sonora per il Pdl. Tralasciando lo scontato successo di Formigoni impegnato a governare una delle regioni più ricche d’Europa e trascinato dai voti della Lega, il Pdl perde quasi 10 punti percentuali su base nazionale rispetto alle elezioni europee di solo un anno fa (circa 36%), attestandosi al 26%, lo stesso risultato ottenuto dal Pd. Il carisma del Premier non ha potuto nulla contro l’alleato “fedele” ma desideroso di potere negli enti locali. Gli elettori di centro destra in parte si sono astenuti e in parte sono passati sotto l’effige padana. Anche se il senatur scongiura ipotesi di lotte intestine, questo mutato assetto dei contrappesi nella maggioranza porterà sicuramente la Lega ad alzare più spesso la voce per ottenere le tanto promesse “riforme federali”. Una prospettiva che collima drammaticamente con la visione fortemente piramidale che solletica da anni i desideri di Berlusconi.

Il fenomeno Nichi Vendola

La sinistra che vince ha un nome e una faccia pulita, e in nessun casso assomiglia al vecchiume fossilizzato da tempo nel Pd. Paradossalmente il candidato più discusso proprio dal centro sinistra porta a casa una vittoria indiscutibile. Mentre a Roma la candidata radicale perde schiacciata dai voti dei cattolici (e dal tradimento della corrente rutelliana), la Puglia nel profondo Sud sorprende riconfermando a pieno titolo il suo governatore, dichiaratamente omosessuale e controcorrente. Evidentemente la mentalità meridionale è più aperta di quella capitolina. Stupefacente.

Il problema dell’informazione e il controllo delle Tv

Grande merito della vittoria del centro destra va anche alla censura voluta proprio dal leader Berlusconi. E’ la prima volta che si assiste ad una campagna elettorale incentrata solo su attacchi personali, accuse ed ingiurie. Chi conosce il programma di governo dei candidati alle regionali? Chi è andato alle urne conoscendo veramente i candidati? Sono pronto a scommettere diverse cene che la maggioranza degli italiani ha votato il simbolo, a memoria, senza nemmeno documentarsi più di tanto. Chi non ha potuto conoscere cosa e per chi stava votando ha disertato le urne: il 35% della popolazione. Purtroppo l’astensionismo ha giovato a chi governa, forte del controllo delle Tv (mediaset) e di diversi telegiornali nazionali, tra cui il caso più eclatante è certamente il Tg1 di Minzolini, noto alle cronache per le telefonate con il Premier.

La sconfitta della politica vera e il futuro che ci aspetta

Perfetta a mio avviso la sintesi di Contita De Gregorio, direttore de l’Unità, che dallo spazio dedicato al suo editoriale del giorno esprime un’analisi aspra e critica sui risultati elettorali: «Quelli che hanno votato erano, in maggioranza, animati dalla rabbia. Hanno vinto i partiti con la voce roca e la schiuma alla bocca, la Lega a destra, un trionfo assoluto, il neonato partito di Beppe Grillo che con percentuali dal 3 al 7 per cento – altissime, per un debuttante – conferma quel che sappiamo: urlare «tutti ladri tutti in galera» è un abito ampio e comodo, una taglia unica che si adatta a tutte le taglie». Ma se da un lato il fenomeno Grillo mette in luce l’avanzata del web nel palcoscenico della politica, evento storico per l’Italia, dall’altro la vittoria leghista mette in luce come la politica della chiusura e del populismo, finalizzata a guardare solo nel proprio orticello, è ancora predominante in tutto il nord d’Italia. A me hanno raccontato che quelli chiusi vivevano nelle regioni meridionali. Fiabe d’infanzia forse.

Comments

  1. V3N0M

    “Chi conosce il programma di governo dei candidati alle regionali? Chi è andato alle urne conoscendo veramente i candidati? Sono pronto a scommettere diverse cene che la maggioranza degli italiani ha votato il simbolo, a memoria, senza nemmeno documentarsi più di tanto.”

    le cene le vinceresti tutte perchè quelle liste elettorali, di qualunque partito siano, servono solo a piazzare amici, parenti e conoscenti in regione. a quel punto o sono inserito io stesso in una lista e vado a votarmi d a solo, o sto a casa..evidentemente sto giro c'è stato un 8% in più di italiani che non si sono fatti prendere per il noto deretano.

    • Da questo risultato elettorale si evince ancora di più che le prospettive di battere il Pdl ci sono tutte. Se, e dico Se il Pd cambia rotta una grande fetta di incerti può attirarla dalla propria parte. Basta un 5/10% per cambiare volto all'Italia.

      • V3N0M

        va beh, non ne dubito..la domanda che mi faccio però è -come sempre^^- un'altra:dov'è tutta sta certezza che un'eventuale vittoria del pd cambierebbe (addirittura) volto al nostro paese?non si tratterebbe come sempre di cambiare colore a lottizzazioni e poltrone varie?perchè un partito che non riesce a cambiare volto a se stesso dovrebbe riuscire a farlo con un'intera nazione?ai poster elettorali l'ardua sentenza..

        • Lo so, stanno aspettando un Obama. Solo che io odio l'abbronzatura, mi dovranno accettare pallido ;)

          • V3N0M

            aspetta, prima dell'obama di turno il silvio ci deve far diventare come minimo una repubblica presidenziale!

            • Silvio ci porterà a livelli di debito pubblico argentini e disoccupazione greci. Poi di colpo gli italiani si riscopriranno “comunisti”. Paese di ipocriti.

  2. Rita Pasqualetto

    Bersani e il PD non hanno perso le elezioni, hanno fatto quello che hanno potuto con quello che avevano a disposizione, elettorato “dissidente” compreso. Le facce nuove, così tanto invocate da più parti, non sarebbero state una garanzia per vincere dove abbiamo perso. Per vincere le Regioni perse, bisognava che gli assentesti al voto avessero avuto un maggiore senso civico… e fossero andati a votare. Questa categoria io non la stimo assolutamente. E' formata da quelli che vogliono vincere rimanendo alla finestra. TROPPO COMODO, TROPPO PERICOLOSO. Infatti, anche loro hanno perso, ma forse non se ne rendono ancora conto…Il mio grazie non lo avranno MAI!
    Per quanto riguarda la sconfitta del Piemonte, non è certo da attribuirla a Bersani e alla Bresso, ma a Grillo e ai NO TAV, senza se e senza ma. Aspiranti suicida che non hanno capito che con il loro NON voto o con il voto di “dissenso”, avrebbero dato in mano ai loro finti amici l'alibi per dividere il Piemonte dal resto d'Italia. COMPLIMENTI! Adesso spero siano contenti.
    Inutile prendersela anche con la Bonino per la sconfitta nel Lazio. La Bonino avrebbe potuto vincere se fosse stata aiutata anche dai “prevenuti” nei suoi confronti. Prevenuti senza motivi validi… La Bonino avrà tanti difetti ma non si possono mettere in dubbio la sua serietà, le sue capacità, la sua onestà intellettuale dimostrate sul campo.
    Per quanto rigarda la Campania e la Calabria. C'era da aspettarselo come sarebbe finita. Lì è un macello. Deve ancora nascere qualcuno in grado di fare una seria pulizia a fondo. Figurati se può riuscirci la destra che non ha nessun interesse a farlo…
    MAH! Adesso il DUCE al governo avrà mille alibi per riuscire a portarsi a casa le riforme che gli stanno a cuore PERSONALMENTE: LA SCURE SULLE INTERCETTAZIONI TELEFONICHE , LA RIFORMA, AD PERSONAM, DELLAGIUSTIZIA E IL FISCO A FAVORE DEI SUOI AMICI!
    Good luck Italia!

    • Bersani e il Pd hanno perso 2 milioni di voti. Solo un segretario sconsiderato e miope potrebbe definire questo esito elettorale come una “non sconfitta”. Ai limiti del patetico i risultati nel nord, dove invece che avvicinarsi alla classe operaia il Pd ha fatto crescere a dismisura la componente più becera della Lega.

      Rita, non posso tollerare che elettori del 2° partito d'Italia diano la colpa della sconfitta elettorale della Bresso ad un comico. E' una mentalità da perdenti. E' con questa mentalità che volete battere Berlusconi? Seriamente?

      • Rita Pasqualetto

        Diego, vai dire tu ai grillini che sono capeggiati da un comico?….Sarei curiosa di sentire cosa ti dicono. E' la percentuale di voti che i “grillini-comicini” piemontesi hanno ottenuto in queste elezioni che dicono che anche loro hanno contribuito a far perdere la Bresso.
        Per tutto il resto che hai scritto, ho capito che tu non sei di sicuro un simpatizzante del PD, per cui, qualsiasi cosa potrei dirti io non ti farei cambiare idea e neanche lo voglio. Io e te analizziamo la “sconfitta” del PD in queste ultime elezioni regionali partendo da un'ottica diversa. Io sono iscritta al PD, e, nel bene e nel male, intendo continuare a dare il mio fattivo contributo perché il PD possa crescere e anche cambiare, in meglio. Criticandolo ma anche riconoscendogli sia la fatica, sia il coraggio di andare avanti, malgrado tutto, malgrado il fuoco “amico” che sembra non mancare mai.
        Per fare un piccolo accenno anche all'attuale centro-destra, concorrente del PD: hai notato anche tu che nel totale dei voti ricevuti dal Partito dell'amore, che racchiude in sè due anime: FIeAN ha avuto solo un punto percentuale in più rispetto al PD senza l'IdV? Non è cosa da poco, o no …
        Con stima e simpatia. rita ;-)

        • Perdonami Rita ma, alla luce dei dati sull'astensionismo che parlano inoltre di 2 milioni di voti netti in meno per il Pd, trovo assurdo concepire che sia stata la spallata di Grillo a far cascare la Bresso. I voti di Grillo sono stati in proporzione ai votanti! Ciò significa che, qualora i delusi del Pd fossero andati a votare i propri candidati come al solito, la percentuale “enorme” (3%) che ha preso il candidato del movimento a cinque stelle sarebbe crollata vistosamente.

          Io in verità l'Ulivo l'ho pure votato nel 2006, perciò sbagli. Non tollero sono gli incapaci e le ingiustizie. Quando Di Pietro ha appoggiato De Luca questo blog ha analizzato la vicenda e l'ha criticato. Quando Bersani ha vinto le primarie abbiamo fatto un plauso al sistema democratico del partito.

          Ora, alla luce del fallimento del modello Bersani, è onestà intellettuale mettere nero su bianco ciò che NON ha fatto: vincere.

          P.S. Il Pdl lo conosco bene.

    • V3N0M

      invece di prendertela con 'noi' astenuti prova a pensare che quando avete 'vinto' le elezioni avete liberato in tutta fretta 25 mila detenuti per salvare previti.