Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 14, 2020

Scroll to top

Top

Berlusconi denunciato alla Corte europea dei diritti dell'uomo: silenzio dei media italiani - Diritto di critica

Nell’ultimo mese, sui quotidiani e in televisione, si è letto e visto di tutto. Molto spazio, come naturale che sia, è stato dedicato alle elezioni regionali. Tra le notizie principali, in mezzo alle solite questioni politiche, ai “coccodrilli” che ricordano persone come Maurizio Mosca e il giudice di “Forum” Santi Licheri, ai tragici anniversari (polemici) di terremoti, si affiancano le particolari eliminazioni dall’ “Isola dei Famosi” o le sfide di  “Amici“.

Non solo: è stata incentrata l’attenzione su “casi congelati“, sulla pedofilia e sulla delicata questione dell’aborto. Il filo conduttore dei tre argomenti è la Chiesa. Che, proprio in corrispondenza della Quaresima, ha vissuto davvero un periodo di “passione”. Ancora più recenti sono le rivolte popolari in Kirghizistan e in Thailandia. Mentre, in Italia, qualcuno fa la voce grossa su potenziali censure in seno al principale telegiornale nazionale, con la curiosa rimozione di alcuni tra i più noti anchormen. Malignamente c’è chi osa paragonare le vicissitudini della Repubblica ex URSS e della regione siamese con quelle del Bel Paese.

Ma, si sa, la Penisola è uno Stato civile. Altrimenti non si avrebbe un “legittimo impedimento”, “finalmente” sottoscritto due giorni fa dal Presidente della Repubblica, capace di sospendere per 18 mesi i processi riguardanti i membri dell’intero Esecutivo. Tralasciando le singole e specifiche questioni, si può notare un’informazione allargata e molteplice, sia in pareri che argomenti. I direttori spaziano dal serio al faceto, sforzandosi di integrare cronaca e curiosità locali. Certo, errori e “buchi” sono impossibili da evitare e, per chi è senza peccato, resterebbe da scagliare la proverbiale prima pietra. Difficile che qualcuno lo faccia. Tuttavia, mettere in evidenza opportune “lacune” si può.

Come detto, nessuno mette in discussione la pubblicazione di una scaletta a discrezione dei responsabili delle testate. Di conseguenza, perché si deve venire a sapere dai blog, notoriamente media indipendenti e non soggetti a restrizioni editoriali, che il Capo del Governo, da quasi un mese a questa parte, è stato denunciato alla Corte Europea dei Diritti Umani? Non si parla di una querela, che deve essere analizzata preliminarmente in Procure, o una mera citazione al fine di ottenere un risarcimento danni riguardante individui circoscritti. La CEDU, ossia la stessa che si è occupata tempo fa della rimozione del crocifisso dalle aule italiane, ha comunque un peso non indifferente in materia legale, occupandosi, guarda caso, di libertà e diritti fondamentali. Quelli a cui il Primo Ministro terrebbe molto.

Paradossalmente, tale violazione riguarderebbe proprio il Cavaliere. Quest’ultimo, secondo la “Open Society Justice Initiative”, ente affiliato ad un altro personaggio controverso come George Soros, è reo di aver impedito il corretto flusso democratico e pluralista dei mezzi informativi. Una dimostrazione concreta avanzata alla Corte, oltre alla circostanza che vede il principale membro del Governo proprietario di più network, è il conflitto Rete 4 – Europa 7. Per sommi capi, la seconda delle due emittenti ebbe diritto a sostituire il canale Mediaset nei palinsesti. Con l’introduzione della Legge Gasparri del 2003 (facile immaginare chi sedesse a Palazzo Chigi) e nonostante i ricorsi al TAR del Lazio e Consiglio di Stato, nonché i pareri duri e fermi della Corte di Giustizia Europea, la rete ben identificata dai TG di Emilio Fede e dai film di Bud Spencer e Terence Hill rimane tuttora, e contro le originarie decisioni, su quelle frequenze che dovevano essere cedute. Ancora più in breve, Rete 4 sarebbe “abusiva”.

È comprensibile che i giornalisti di un certo livello non vogliano parlare sempre e solo della solita persona. Non si sa mai: qualcuno potrebbe scambiare il diritto di cronaca per persecuzione politica e sociale.

Approfondimento: Legality of Berlusconi’s Television Monopoly Challenged (Open Society Justice Initiative).

Comments

  1. Scoprire certe cose da un "blog" è al contempo sconvolgente ma anche motivo d'orgoglio per la categoria!

  2. caprano maurizio

    anche in europa vige il leggittimo impedimento?????

    • No. L'unico problema è che l'Europa è un fantoccio creato per la gestione dell'economia comunitaria. Politicamente non può decidere nemmeno il colore dei calzini del portaborse in nero di Mastella.

      • riccardo

        Cioè mi state dicendo che contro questo mostro costruito da Gelli non può nulla nemmeno l'europoa???? ma allora…………………………………………………………………..che è meglio………………………..e tutti i suoi discepoli……………………………se non c'è altro mezzo…………………………………………….bisogna perforza trovare il metodo……………………………………………………………………………………………………altrimenti fra 2 anni siamo tutti in ginocchio…………………………………………………………………….o no???????????

  3. L'altro mezzo? Un'opposizione. Punto (e non sta ai blogger o giornalisti farla).

  4. Preciso pubblicamente a qualcuno:

    a) Non sono un giornalista, né mi definisco come tale.
    b) Trattasi di un "post", un "editoriale", considerazioni distaccate e (anche) personali su fatti reali; non di un articolo di cronaca in senso stretto. Oltretutto trattasi di un blog, non di carta stampata.
    c) Le "5 W" sono state rispettate comunque e in toto. Non necessariamente bisogna seguire la scaletta della manualistica per l'esame dell'Ordine. Secondo me, prima di spingersi in pareri polemici, in un pezzo vanno letti anche i contenuti delle parentesi.
    d) Sia chiaro, apprezzo l'intervento sullo stile, pur non condividendolo. Cercherò, quindi, di essere più "limpido" in occasioni successive.