Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 20, 2019

Scroll to top

Top

Morti senza risposte. Al di là di "Guerra è pace". - Diritto di critica

Morti senza risposte. Al di là di “Guerra è pace”.

Questa mattina, come preannunciato già negli ultimi due giorni, si sono svolti a Roma i funerali dei giovani militari morti in Afghanistan. Di scena, in quel di Santa Maria degli Angeli, sgomento, dolore e strazio. Come da programma. Immagini che chiunque vorrebbe risparmiarsi, soprattutto quando le vittime sono così giovani. Inutile aggiungere altro, sarebbe nuovamente pleonastico. I pronostici futuri vedono persino un aumento di presenze in quelle zone e, da qualche ora a questa parte, sembra che alcuni, prima scettici, siano maggiormente convinti della necessità della missione, continuamente definita “di pace”.

Altre considerazioni a margine: stante il fatto che una “missione di pace”, per assioma, teoricamente non dovrebbe causare macabri decessi (ciò presagisce che lo Stato asiatico sia tutt’altro che quieto dal punto di vista della tranquillità), quei soldati sono lì, fondamentalmente, per una operazione comunque nobile, come ha ricordato nell’omelia Monsignor Pelvi. E solo chi vive quelle situazioni può sapere e sentire realmente le sensazioni di pericolo o i rapporti umani con la gente del luogo. Chi parte non dev’essere definito un mercenario che, per il piacere meramente economico (come afferma qualche detrattore), sostiene comunque di voler “onorare la Patria”, nonostante essa sia effettivamente lontana migliaia di chilometri.

Infatti, sarebbe infamante appellare con questa apposizione chi viaggia per giorni e sa di rischiare la pelle una volta giunto a destinazione. Chi va in quei posti, tra l’altro, non è un eroe di “default”. Specie se dovesse ritornare  nel Paese di origine all’interno di una bara. Una qualifica offensiva per il caduto. L’origine mitologica della parola spinge ad azioni al di là delle proprie possibilità. Nell’immaginario collettivo, l'”eroe” è chi salva in prima persona delle vite, che talvolta sacrifica la sua in maniera sì consapevole, ma senza alcun compenso. Insomma, chi diventa “leggenda”.

Nel caso specifico, Massimiliano e Luigi (quanti si ricorderanno i loro nomi, fra qualche settimana?) potrebbero essere, verosimilmente, giudicati martiri: già un’attribuzione degna di più motivata gloria. Non hanno avuto occasione di diventare eroi, ma stavano svolgendo un loro preciso dovere. In ogni caso, sicuramente avrebbero preferito rivedere da vivi le loro famiglie che un metro di paragone postumo, spesso ottenuto a causa di un’emozione tanto generale quanto momentanea.

Traendo ulteriori somme, definire “mercenario”, “eroe” e pure “martire” queste persone è manicheo. Sono semplicemente Uomini; così meritano di essere ricordati. Uomini che inseguivano un obiettivo (ora non importa se idealista o egoista, generoso o fanatico). Uomini che vivevano una pillola di quotidiano, parlottando all’interno di un veicolo che, di lì a poco, sarebbe saltato in aria. Uomini che eseguivano ordini. Uomini che avevano fidanzate, mogli e figli. Uomini che sarebbero tornati “tali” una volta chiuso il loro ciclo. Uomini che ridevano nel vedere le foto dei loro cari. Uomini che ballavano sulle note di Lady Gaga per scaricare la tensione. Uomini che non avevano nulla di più rispetto ad un lavoratore scivolato in una cisterna piena d’acido e che ha visto svaniti i suoi sogni per sempre.

Anche soffermarsi unicamente sul rapporto “guerra e pace”, così ben disegnato da Orwell nel 1948, non è sufficiente per analizzare quanto di introspettivo ci possa essere in simili ambiti. Sono molte le incertezze, troppi i dubbi. Impossibili da decifrare persino per chi è costretto a risiedere in un edificio interrato, magari nel bel mezzo di città soggette ad una continua guerriglia. Proprio perché Uomo.

Letto come “umano”, “normale”. Esserlo è la qualifica migliore che possa essere pronunciata.

Comments

  1. @ “quei soldati sono lì, fondamentalmente, per una operazione comunque nobile, come ha ricordato nell’omelia Monsignor Pelvi”

    Quei soldati sono li, fondamentalmente, per fare la guerra. Perche’ se si vogliono costruire ponti si mandano ingegneri e se si vogliono curare i malati si inviano dottori. Come d’altronde fanno tanti altri paesi.
    Quei soldati sono li, fondamentalmente, perche’ il governo italiano non vuole scendere di gradino da ultimo delle ‘grande potenze’ a staterello di media potenza, e per farlo bisogna partecipare da ‘attori protagonisti’ alle missioni internazionali, che si tratti di guardare le coste somale dai ‘pirati’ o di fare le guerre dove la combriccola di Washington decide di farle.
    Quei soldati sono li, fondamentalmente, per fare la guerra agli insorgenti afgani, per difendere il governo Karzai, un governo corrotto che e’ al potere grazie all’appoggio di Washington, grazie a massicci brogli elettorali e che senza 100mila soldati stranieri non reggerebbe Kabul nemmeno due settimane.
    [ to be continued…]

  2. -2-
    Quei soldati sono li, fondamentalmente, per motivi non dissimili da quelli che avevano portato soldati nordamericani, australiani, neozelandesi, canadesi, sudcoreani, thailandesi eccetera a ammazzare 1,5-3 milioni di vietnamiti per difendere i dittatoruncoli del governo fantoccio di Saigon per piu' di 10 anni contro i terribili comunisti.
    Non ci vedo niente di nobile, in queste azioni, gentile monsignor Pelvi, a meno di non voler riabilitare tutte le guerre coloniali dei secoli passati che erano anch'esse mosse da 'nobili motivi' quali liberare Gerusalemme dagli infedeli, portare la civilta' ai selvaggi, governare popoli che non sapevano governarsi, liberare le donne indiane che venivano bruciate sul rogo al funerale del marito e via dicendo.
    [ to be continued…]

  3. – 3 –
    Monsignor Pelvi, i governi occidentali detengono gia' il potere economico e la maggioranza dei mezzi di informazione e riescono cosi' a darla a bere alla gente in tutti i modi, non si vede il motivo del suo aiuto dall'alto del suo altare. Magari, la prossima volta si limiti a pregare per i due soldati morti e per tutti gli afgani (di ogni etnia e credo religioso o poliioco) che vengono ammazzati quotidianamente. Esseri umani anche loro. E che magari hanno ragioni migliori dei nostri soldati italiani per fare quello che fanno. D'altronde, sono a casa loro.
    Con rispetto e con amore cristiano,
    Alessio Fratticcioli