Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | June 14, 2019

Scroll to top

Top

Come Fiat, la Roma diventerà americana: Di Benedetto presidente a marzo - Diritto di critica

Come Fiat, la Roma diventerà americana: Di Benedetto presidente a marzo

Due giorni e la vendita della Roma alla cordata statunitense capeggiata dal magnate americano, di chiare origini italiane (abruzzomolisane), Thomas Di Benedetto entrerà nella fase più calda. Unicredit e l’advisor Rothschild, scelto per la cessione della società giallorossa, a partire da venerdì prossimo inizieranno le trattative in esclusiva.

Come nelle previsioni, gli investitori americani rileveranno il 67% della società per una cifra che non supererà i 120-130 milioni di euro ai quali dovrà essere aggiunta l’opa (offerta pubblica d’acquisto) ed un piano industriale di 3-5 anni. C’ è chi sostiene che il rilancio della società possa compiersi in un termine ancora più lungo, intorno ai 5-8 anni, con la costruzione di un nuovo stadio di proprietà, i cui incassi possano essere messi a bilancio.

Ancora da chiarire sarà l’esposizione finanziaria della banca Unicredit, che nei giorni scorsi attraverso l’amministratore delegato Federico Ghizzoni non aveva escluso la possibilità di continuare a detenere parte delle quote societarie in un primo periodo.

Sarà, inoltre, da chiarire se parte del pacchetto di minoranza della società giallorossa, detenuto dalla stessa Unicredit, verrà ceduto ad imprenditori romani, Francesco Angelini o la famiglia di costruttori Parnasi, che in quel caso sarebbe in prima fila per l’appalto del nuovo impianto sportivo romanista.

Una volta divenuti proprietari, gli americani lanceranno l’offerta pubblica di acquisto (Opa) e, insieme a Unicredit, dovrebbero subito ricapitalizzare il club per circa 50-60 milioni di euro, in modo da coprire le perdite societarie di questa stagione.

Ancora incertezza, invece, sulla Newco Roma, la nuova società che sarebbe dovuta nascere già da diverso tempo per segnare un distacco del controllo del club giallorosso dalle altre attività petrolifere e immobiliari della famiglia Sensi. Gli addetti ai lavori assicurano che sarà costituita nei prossimi giorni e le scadenze prestabilite non dovrebbero risentire di eventuali ritardi.

La fase di trattazione esclusiva dovrà durare fino ad un massimo di 30 giorni e per metà marzo la cordata americana avrà acquisito la maggioranza del club giallorosso. A quel punto l’Antitrust italiano dovrà pronunciarsi su eventuali elementi lesivi della concorrenza.

Intorno alla metà di aprile si dovrebbe riunire l’assemblea della nuova società e lì Thomas DiBenedetto potrebbe essere già il nuovo presidente della Roma.

Tra i progetti a medio-lungo termine ci saranno degli investimenti, come detto, sullo stadio di proprietà del club, con all’interno megastore, ristoranti, cinema e servizi vari, per consentire al tifoso di vivere l’impianto sportivo tutti i giorni della settimana.

Ad essere ristrutturato sarà anche il settore giovanile, anche se il lavoro fin qui svolto da Bruno Conti e dal suo staff è stato egregio negli ultimi anni. Dal vivaio giallorosso negli ultimi 20 anni sono usciti campioni del calibro di Francesco Totti, Daniele De Rossi e Alberto Aquilani, solo per citarne qualcuno.

Sarà completamente da rivedere la politica societaria in tema di merchandising, capace attualmente di fruttare nelle casse giallorosse ‘solamente’ 7 milioni di euro all’anno. Specie se si pensa alle potenzialità infinite del brand ‘Roma’, che associa il nome della città a quello della squadra di calcio, spendibili in tutto il pianeta.

In occasione della partita Roma-Inter (25 settembre dello scorso anno) a cui assistette, DiBenedetto si meravigliò del fatto che all’interno dello stadio non ci fosse uno store per la vendita delle maglie e dei gadget ufficiali della società.

Capitolo sponsor. Attualmente la società giallorossa ha firmato accordi milionari Robe di Kappa fino al 2017 e con la Wind fino al 2013. L’eventuale rescissione dei contratti si tradurrebbe in delle penali da pagare per la nuova proprietà. Le intenzioni di Thomas DiBenedetto e dei suoi soci sarebbero di affidarsi a marchi sportivi e sponsor più spendibili sul mercato.

Una nuova realtà sportiva, quella della nascente As Roma, che avrà un respiro internazionale. A cominciare dal tecnico che probabilmente sarà Carlo Ancelotti, attuale coach del Chelsea.

E proprio in Inghilterra quest’anno c’è stato il record di club acquisiti da magnati stranieri. Il 50% delle società d’oltremanica, infatti, sono in mano ad investitori esteri, spaziando da russi e sceicchi per finire ad indiani e americani.

In Italia l’acquisizione di una società da parte di una cordata estera rappresenterebbe una novità ed un incentivo per attirare capitali stranieri nel bel paese, dove la passione per il calcio potrebbe generare ingenti ricavi per gli imprenditori capaci di investire.

Comments