Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 16, 2014

Scroll to top

Top

Berlusconi all’attacco dei media: «trasmissioni micidiali, interverremo in Parlamento»

Berlusconi all’attacco dei media: «trasmissioni micidiali, interverremo in Parlamento»
Erica Balduzzi

Silvio Berlusconi11 e1306961758704 Berlusconi allattacco dei media: «trasmissioni micidiali, interverremo in Parlamento»Silvio Berlusconi torna all’attacco dei media: quelli che sono stati per lungo tempo gli alleati della sua campagna elettorale ora si rivelano «una tenaglia mediatica» contro di lui e la celebre trasmissione Annozero condotta dall’odiato presentatore Michele Santoro torna di nuovo ad essere, improvvisamente, lo spauracchio del Premier. Le parole di Berlusconi infatti – pronunciate durante una conferenza stampa che ha seguito la nomina di Angelino Alfano a nuovo segretario politico del Pdl – indicherebbero tra i responsabili della sconfitta del centrodestra a Milano i programmi televisivi come Annozero, «trasmissioni micidiali che hanno dato una visione distorta della realtà di Milano e delle città in cui si votava».

Il Premier avrebbe infatti ribadito come la Rai – a differenza di Mediaset che in questo periodo ha evitato trasmissioni politiche – abbia «messo in campo dieci trasmissioni che non si sono fermate durante i ballottaggi. Ho visto dei servizi micidiali, tra cui uno di Annozero […] E’ chiaro che chi non avesse equilibrio critico vedendo quel servizio non avrebbe mai potuto votare per noi a Milano». Una situazione che il Premier promette di risolvere a breve: «Ci impegneremo in Parlamento perché questo non si ripeta».

Comments

  1. laura

    chi non avesse equilibrio critico vedendo quel servizio non avrebbe mai potuto votare a Milano». secondo b. sono equilibrati solo coloro che votano come lui? esistono persone e forse lui non se ne rende conto che hanno pensieri diversi da lui

  2. remo cimini

    portatelo a Lourdes!

  3. Silvio

    ma se tanto quelli che votano a sinistra “non hanno cervello”, di cosa si preoccupa?