Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 27, 2020

Scroll to top

Top

Annozero sparisce dal palinsesto, Santoro verso La7? - Diritto di critica

Annozero sparisce dal palinsesto, Santoro verso La7?

Annozero sparisce dal palinsesto Rai di autunno. La notizia è stata diffusa poco fa dall’Agi che chiarisce come in mattinata la trasmissione diretta da Michele Santoro fosse ancora regolarmente prevista anche per l’anno prossimo.

“In sede di confronto in Cda – scrive ancora l’Agi – con l’intero dossier palinsesti nelle mani del direttore generale Lorenza Lei, ‘Annozero’ non sarebbe risultato presente. Tra le ipotesi c’è quella che sia legato al fatto che non è ancora chiaro se Santoro resti o meno dipendente Rai oppure si profili per lui una diversa soluzione professionale sempre in ambito Rai o, ancora, in altri ambiti della televisione italiana e quindi il format non avrebbe possibilità di restare sugli schermi della tv pubblica”.

Fonti vicine alla Rai parlano della possibilità di trasferimento di Santoro a La7. Con lui potrebbero venire via anche altri volti Rai lontani dall’attuale maggioranza di governo. Tra i nomi quello della Milena Gabanelli e di Fabio Fazio. Intanto Giovanni Stella, amministratore di La7, si dice sicuro di riuscire strappare a ‘mamma Rai’ almeno “uno o due” dei conduttori ancora senza contratto. Non solo, Stella avrebbe confermato addirittura l’esistenza di “accordi di massima con alcuni dei conduttori”, accordi questi che potrebbero chiudersi e ufficializzarsi subito dopo le decisioni Rai.

Comments

  1. Dany

    E’ la volta buona che non pagherò più il canone alla RAI.
    Mi auguro vivamente che Santoro prosegua la sua trasmissione su La7
    Vespa potrà ora contare su un budget di spesa più elevato per i plastici della casa di Avetrana, di Yara, ecc.
    Povera Italia!
    Ai dirigenti RAI che hanno avuto questa buona idea, auguro di andarsene in pensione con 480 Euro mensili senza buonuscità.
    Spero che i nostri figli che sono più intelligenti di noi e capiscano che per informarsi il mezzo migliore e Intenet.