Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | June 19, 2019

Scroll to top

Top

L'Economist su Berlusconi: "I suoi difetti? Le donne, gli imbrogli finanziari e il disprezzo per l'economia" - Diritto di critica

L’Economist su Berlusconi: “I suoi difetti? Le donne, gli imbrogli finanziari e il disprezzo per l’economia”

Ecco l’uomo che ha fregato un intero Paese“. Il titolo è dell’Economist, settimanale mai tenero l’attuale governo italiano. La copertina e il virgolettato di cui sopra sono dedicati – appunto – a Silvio Berlusconi. Seduto sulla poltrona del programma Rai “Porta a porta”, il nostro premier sorride e allarga le braccia.

“Silvio Berlusconi – scrive l’Economist – ha molto da sorridere. Nei suoi 74 anni, ha creato un impero mediatico che lo ha reso l’uomo più ricco d’Italia. Ha dominato la scena politica dal 1994 e ora è il premier più longevo d’Italia, dopo aver superato anche Mussolini. E’ sopravvissuto – prosegue il settimanale – a innumerevoli previsioni sulla sua imminente fine. Eppure, nonostante i suoi successi personali, è stato un disastro come leader nazionale“.

Tra i “difetti” di Berlusconi, secondo l’Economist c’è il “Bunga bunga“, ormai noto a livello planetario, “con lo spettacolo poco edificante di un primo ministro sotto processo a Milano per l’accusa di aver pagato per fare sesso con una minorenne. Il processo Rubygate – scrive – non ha infangato solo Berlusconi, ma anche il suo paese“.

Un altro difetto è poi quello legato agli “imbrogli finanziari“. “Nel corso degli anni – scrive il settimanale – Berlusconi è stato messo sotto accusa più di una dozzina di volte per frode, falso in bilancio o corruzione. I suoi difensori sostengono che non è mai stato condannato, ma questo è falso”. Secondo l’Economist, infatti, B. se la sarebbe cavata solo grazie alle leggi “ad personam” fatte su misura o cambiate in corso d’opera per evitare le condanne. “Motivo per cui – sottolineano – nel 2001 scrivemmo che era una personalità inadatta a governare l’Italia”. E dal 2001 ad oggi sono passati dieci anni. Nessuno dei difetti appena visti, secondo l’Economist, è stato sufficiente a far ricredere gli italiani.

Più grave di tutti, però, sarebbe un terzo difetto: “il suo (di Berlusconi, ndr) totale disprezzo per la condizione economica del suo Paese“. Come risultato – concludono – si lascerà alle spalle un Paese in difficoltà.

Comments

  1. Sebastiano

    Pochi si sono accorti chi il il B+B,una strana coppia che sta o ha gia rovinato l’italia nel mondo.Ii Berlusconi dara a Bossi quello che vuole purchè lui regni ancora sulla nostra vergogna d’ italiani, sottomessi e strabbici delle sue nefandezze politico giudizziari.

  2. cicciolino

    MA SEBBASTIANO! COME SCRIVI!!!