Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 10, 2019

Scroll to top

Top

Referendum, quorum raggiunto. Adesso non prendeteci in giro - Diritto di critica

Referendum, quorum raggiunto. Adesso non prendeteci in giro

Quorum raggiunto. Bello. Bellissimo. E’ la volontà popolare che decide di farsi valere. Adesso sta alla politica rispettare i cittadini italiani, prendendo atto dell’esito del referendum – qualsiasi esso sia – e agendo di conseguenza. Troppe volte, infatti, “il popolo” si è pronunciato sulle decisioni prese dal Governo e un minuto dopo è stato ignorato.

E’ successo con il referendum del 1985 sulla responsabilità civile dei magistrati. Vinse il “SI” all’80,2% ma nei fatti la politica si comportò come se tutti si fossero pronunciati per il NO.

Nel 1987, sull’onda emotiva del panico causato da Chernobyl, un altro referendum decise la fine dell’avventura nucleare italiana. Circa vent’anni dopo il governo Berlusconi varò una legge per il ritorno all’atomo, costringendo gli italiani a tornare aesprimersi sull’argomento.

Stessa questione nel 1993, con uno dei referendum più sentiti degli ultimi anni, quello sul finanziamento pubblico ai partiti. Il 18 e 19 aprile di quell’anno il 90,3% degli italiani si pronunciò per il “SI” contro questo tipo di sovvenzione ma la politica cambiò semplicemente nome alla legge e chiamò i vecchi finanziamenti “rimborsi elettorali”, attribuendo ai partiti molti più soldi rispetto a quanto accadeva prima: 5 euro per ogni elettore.

Sempre nel 1993, infine, si votò per l’abolizione del Ministero dell’Agricoltura. Stessa dinamica: gli italiani ne approvarono la cancellazione (il SI prese il 70,2%) ma come se nulla fosse il Ministero venne riproposto con la dicitura in “Risorse agricole”. Una poltrona è sempre una poltrona.

Prima di qualsiasi valutazione, dunque, la politica italiana deve prendere atto – nei fatti – dell’esito di quest’ultimo referendum. Una delle ultime occasioni per capire se un simile istituto abbia ancora senso o se si sia invece ridotto ad un hobby di qualche stravagante cittadino col vizietto del voto.

 

Comments