Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 17, 2019

Scroll to top

Top

Dopo Spider Truman arriva Asperamundi, una "spia" denuncia dall'interno dei Palazzi - Diritto di critica

Anonimo. Come Spider Truman. Con un blog su cui pubblicare “i conti” della Casta. Come Spider Truman. Impiegato della Camera dei Deputati. Come Spider Truman ma non proprio: il primo è stato licenziato e dopo 15 anni di silenzio si vendica, il secondo lavora ancora “a Palazzo”.

Il fenomeno della denuncia anonima prende piede anche all’interno dei palazzi del potere e sul web vengono pubblicati rendiconti e note spese della “Casta”, ad opera di anonimi segretari di questo o quel deputato.

Il proprietario del blog Asperamundi – ad esempio – spiega: “Sono un impiegato, con incarico di segreteria per un onorevole della Camera dei Deputati (al secondo mandato). Il mio stipendio è, in media, di 2.400 euro il mese“. A differenza di Spider Truman che nel suo estro vendicativo pare quasi aver dimenticato stipendio e privilegi di cui lui stesso – per quindici anni – ha usufruito, Asperamundi lo spiega chiaramente: prendo 2.400 euro al mese, “in media”. In molti gridano allo scandalo eppure è solo uno dei tanti stipendi dei palazzi del potere, di sicuro non tra i più alti.

Come Spider Truman ma senza l’eco mediatica che lo ha contraddistinto, Asperamundi pubblica diversi estratti conto e note spese della Camera. Ad iniziare da “un dettaglio delle spese sanitarie dei nostri eroici rappresentanti. Da notare le spese (in un anno) per fisioterapia (a stare seduti nei banchi di Montecitorio si soffre…) quelle per gli apparecchi acustici ( spiegato il motivo perchè non sentono la voce del popolo…) e quelle dal dentista (con tutto quello che mangiano soffrono di carie…)”.

A differenza di Spider Truman, però, Asperamundi non “monetizza” l’indignazione popolare, non inserisce pubblicità sul blog. né si nasconde dietro un dito: “faccio parte della Casta”, lo dice chiaramente. Ecco quanto scriveva ieri:

Chiunque, con mezzi civili e democratici, prosegue la campagna per denunciare i costi ormai insostenibili (moralmente ed economicamente) della politica italiana a tutti i livelli ha il mio rispetto e la mia adesione. Ho aperto questo blog dopo la, giusta, mobilitazione della rete sui temi denunciati da spidertruman e perchè, essendo cmq parte della Casta, cerco di portare, spero, il mio piccolo contributo di critica e denuncia. Non è mio interesse fare concorrenza o delegittimare qualcuno ma quello che non condivido è il monetizzare la giusta indignazione di tanti che in questi giorni e ore cercano un modo di esprimere, liberamente, la propria rabbia.

AsperaMundi non si limita a pubblicare qualche pass scolorito della “Ztl-Camera dei Deputati” ma mette on line anche la busta paga dei consiglieri regionali della Regione Lombardia, aggiornate al febbraio dello scorso anno. E i numeri non sono certo quelli di un impiegato.

“Molte cose – riconosce l’anonimo segretario – erano già note ma l’indignazione sembra durare come un ghiacciolo nel deserto. Ma non solo deputati e senatori sono la Casta ma anche i consiglieri regionali di cui pubblicherò le buste paga“.

Come Spider Truman, anche Asperamundi ha una pagina Facebook ma con appena 13 iscritti (per ora). Gli/le consigliamo però di non scrivere post come: “devo finire una relazione per la deputata sulle energie fotovoltaiche” pena la possibilità di essere individuato.

L’impressione, dunque, è che l’antipolitica sia entrata anche nei Palazzi del Potere dove la percezione dello scollamento tra comuni cittadini e chi lavora nelle strutture di Camera e Senato (ma non solo) si avverte come ormai incolmabile. Al di là dei privilegi, dunque, c’è la coscienza e la consapevolezza di essere dei “fortunati”, a fronte di un’Italia sempre più lontana e precaria, ignorata da politici chiusi e blindati “a Palazzo”.

Nell’ultimo post pubblicato, AsperaMundi fa una promessa: “Tra 48 ore sarà attivo il server off e allora pubblicherò filmati e documenti riservati con nomi e cognomi“. To be continued…

Comments

  1. claudio maffei

    La mia impressione è che un impiegato che percepisce un buon stipendio (2400 euro al mese) difficilmente possa identificarsi con chi ne percepisce 25.000, senza gli ulteriori privilegi di cui godono i parlamentari.
    E neppure immagino abbia voglia di mettere in discussione il proprio stipendio.
    Ho scritto qualcosa in favore di Spider Truman, ma ora non posso tacere che l’anonimato che dovrebbe coprire i sobillatori dentro il palazzo, potrebbe invece colpire impiegati, funzionari o segretari che con la Casta hanno da spartire solo di esserne al servizio.
    Senz’altro nel transatlantico di Montecitorio, sarà già in corso un’inchiesta per scoprire chi pubblica queste informazioni e posso immaginare il clima di sospetto verso persone che non centrano con ciò che sta succedendo.
    Pertanto dalle pagine di questo blog, invito gli autori che non sono dentro il palazzo, a fare attenzione, perchè per difendere una giusta causa non c’è bisogno di mettere in difficoltà persone che probabilmente hanno uno stipendio inferiore a chi si firma Asperamundi.

  2. alver

    ANCORA più tragico è il fatto che dalla pubblicazione dei libri di Stella e Rizzo
    fino ad ora non si sia mai fatto nulla ; chi sono i politici ,gli esenti su tutto ?
    direi di si e noi siamo sempre crucchi a non prenderli uno per uno e cacciarli
    via

  3. Mimi

    Che fine ha fatto “AsperaMundi” con le sue promesse ;-))