Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 23, 2020

Scroll to top

Top

Montezemolo, "La protesta degli indignati è comprensibile" - Diritto di critica

Montezemolo, “La protesta degli indignati è comprensibile”

“La protesta dei giovani indignati è per molti aspetti comprensibile”. A dirlo è Luca Cordero di Montezemolo a margine della conferenza nazionale di sanità pubblica.

Per il presidente della Fondazione Italia Futura “non c’è dubbio che il problema dei giovani oggi è il problema di questo paese: uno su quattro non ha lavoro, la non crescita colpisce i giovani. Sento parlare di precariato – aggiunge Montezemolo – ma non vedo azioni per affrontare veramente questo problema”. Secondo l’ex leader degli industriali e presidente della Ferrari quello dei giovani è un tema «fondamentale», auspicando  che proprio i giovani “che sono già straordinariamente impegnati nel volontariato, si avvicinino di più alla politica, nel senso di cosa pubblica. Questo perchè -il futuro è loro e devono dare un contributo”.

Poche battute per toccare più nervi scoperti della situazione politica italiana: l’impasse in cui ristagna il Paese e le parole di cui si riempiono la bocca i politici, salvo poi non fornire soluzioni a temi che stanno dividendo e affossando l’Italia come il precariato giovanile. Una disillusione che ha evidenti riflessi sul richiamo che la politica – intesa come cura del bene comune – ha sui ragazzi: i Palazzi vengono avvertiti come il nido della Casta e nulla più. Di contro mancano luoghi formativi né l’associazionismo non produce più esponenti culturalmente formati.

Comments

  1. Marztix

    Ci hanno fatto due scatole così, per anni, a declamare la necessità della flessibilità per la credcita e il progresso… e ora ci vengono a dire che il precariato è il problema. Sì, lo so, qualcuno dirà che la flessibilità non vuol dire necessariamente precariato, è la solita nenia con cui vogliono continuare a gabbarci. Il fatto è che storicamente, oggettivamente, in Italia la flessibilità è precariato per la maggior parte dei giovani (e meno giovani).Bisogna continuare a credere che coloro i quali sono gran parte delle cause dei problemi siano quelli che devono fornirne le soluzioni?

    • Sono scesi dal famoso “albero” eh? :(

  2. Michelemondo1

    buongiorno, credo che ad essere indignati non sono solo i giovani ma tutta la Nazione produttiva che sta’ vivendo in questi mesi con una grande instabilita’ economica, e che, la classe politica (tutta) non ha dato risposte. Pertanto dobbiamo partecipare tutti alle manifestazioni o quanto meno a far capire che l’Italia e’ viva.