Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | January 19, 2019

Scroll to top

Top

Il Mourinho di La7 minaccia le dimissioni e strizza l'occhio alla Rai - Diritto di critica

Il Mourinho di La7 minaccia le dimissioni e strizza l’occhio alla Rai

Enrico Mentana annuncia le dimissioni ma la lettera di rinuncia all’incarico da parte del direttore nessuno l’ha vista. Così come non esiste alcuna denuncia da parte del Comitato di Redazione del tiggì né della Federazione Italiana della Stampa (Fnsi), mentre l’Associazione Stampa romana ha fatto sapere che «non ha denunciato Mentana, ma ha dato mandato ai legali di sporgere denuncia contro di lui per una violazione contrattuale che è avvenuta, è palese: in base al contratto Mentana era tenuto a leggere il comunicato della Fnsi». Verrebbe da dire: tanto rumore per nulla. Il titolo Telecom, intanto, dopo la notizia delle dimissioni ieri ha perso il 6,59% in borsa, un tonfo mitigato in serata ma che si è attestato su un rosso -3,74 per cento.

Le malelingue, però, non si sono fatte attendere e hanno bofonchiato: Mentana vuole la poltrona di Minzolini. Un’indiscrezione rafforzata anche dalle dichiarazioni di alcuni politici come Flavia Perina (Fli) e Roberto Rao (Udc) che hanno chiesto alla tv pubblica di approfittarne.

Il direttore del tiggì di La7, però, si è affrettato a smentire: «Se non potrò proseguire al TgLa7 non accetterei mai di andare in un Tg Rai. Se dovessi fare le valigie sarebbe interessante fare esperienze fuori dai circuiti tradizionali, come quella di Santoro. Se un prodotto è seguito, lo può essere anche al di fuori delle tv più seguite». Già, peccato che Mentana non abbia – per stile e per scelta – la verve polemica che da sempre contraddistingue e fa fare audience all’ex direttore di Annozero,  alle prese con una crisi di ascolti.

Ma c’è un altro dato da tener presente ed è quello temporale: se è vero che Mentana nega di mirare alla poltrona più alta del tiggì di Rai 1, non bisogna dimenticare che l’interim della direzione terminerà a fine gennaio, un tempo lungo (ma non troppo) per mettere in campo qualsiasi trattativa. E il primo segnale Mentana l’ha già inviato: in mancanza delle condizioni, sarebbe pronto all’addio del Tg di La7 anche subito. E non certo per finire sul web, ritrasmesso dalle televisioni locali.