Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 22, 2019

Scroll to top

Top

Quell'accordo segreto sui rimborsi elettorali - Diritto di critica

Quell’accordo segreto sui rimborsi elettorali

IL RETROSCENA – Bersani l’ha detto chiaro: i rimborsi elettorali non si toccano, senza finanziamenti “ci sarebbe solo un dibattito tra miliardari”. E chi negli altri partiti tace, in realtà la pensa come lui. Quello dei rimborsi è un argomento bipartisan, un po’ come le decisioni sull’aumento degli stipendi dei parlamentari che negli anni hanno sempre visto coese e unite tutte le forze politiche. “Gia’ 50 anni prima di Pericle si era deciso di finanziarli”, sottolinea sicuro il leader Pd. Diversi secoli dopo – in Italia – si finanziano anche i partiti “morti”.

Più che sull’articolo 18 – liquidato in pochi giorni con una pantomima sindacati/partiti tra riunioni da sottoscala – il vero accordo sotteso alla tenuta del governo Monti sembra essere proprio quello sui rimborsi ai partiti: i tagli ai costi della politica (già caduti nel dimenticatoio) non dovranno intaccare i rimborsi elettorali, benzina “pubblica” della partitocrazia e voce di bilancio già bocciata dai cittadini in un (ignorato) referendum. La permanenza di questo obolo sarebbe comunque subordinata – secondo una proposta del Piddi’ – a una forte manovra di trasparenza nei bilanci dei partiti, per render conto ai cittadini dell’utilizzo dei soldi pubblici. Una buona volontà che cozza con la cronaca recente e la vicenda Lusi: è vero che si trattava di un altro partito – la Margherita – ma l’inchiesta rischia di far percepire come gemelli l’attuale Pd e l’ormai defunta formazione guidata da Francesco Rutelli. Parlare di mantenimento dei rimborsi elettorali non è stata dunque una mossa troppo azzeccata.

Le parole di Bersani e i silenzi degli altri leader, comunque, sono più chiari di qualsiasi diktat: “a noi piace cosi'”. Monti e’ avvertito, per tacer degli italiani.

Comments

  1. Fui uno dei 31.225.867 italiani che nel ’93 chiesero l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. 
    Sto ancora aspettando…