Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | April 25, 2014

Scroll to top

Top

Così cambia il mercato del lavoro, la proposta del Governo Monti – SCHEDA

Così cambia il mercato del lavoro, la proposta del Governo Monti – SCHEDA
Redazione
  • 21 marzo 2012
  • http://www.dirittodicritica.com

fornero monti large e1332290961765 Così cambia il mercato del lavoro, la proposta del Governo Monti   SCHEDADi seguito, per punti, la riforma del mercato del lavoro proposta dal governo Monti:

- CONTRATTI: Il contratto a tempo indeterminato sarà «dominante» e verrà rafforzato l’apprendistato. Di contro, saranno penalizzati i contratti a termine (ad esclusione di quelli stagionali o sostitutivi) con un contributo aggiuntivo dell’1,4% da versare per il finanziamento del nuovo sussidio di disoccupazione (oltre all’1,3% attuale). Per i contratti a termine non saranno possibili proroghe oltre i 36 mesi. Aboliti anche i contratti di stage gratuiti in presenza di una formazione universitaria o postuniversitaria già acquisita. Vietate anche le cosiddette “dimissioni in bianco”.

  – AMMORTIZZATORI: Il nuovo sistema andrà a regime nel 2017, ma se il nuovo sussidio di disoccupazione (l’Aspi) entrerà in vigore da subito, l’indennità di mobilità (che vale oggi per i licenziamenti collettivi e può durare fino a 48 mesi per gli over 50 del Sud) sarà eliminata definitivamente solo nel 2017. Per il nuovo sistema sono previste risorse aggiuntive per 1,7-1,8 miliardi.

- ASPI: l’assicurazione sociale per l’impiego sarà universale, sostituirà l’attuale indennità di disoccupazione. Durerà 12 mesi (18 per gli over 55) e dovrebbe valere il 75% della retribuzione lorda fino a 1.150 euro, e il 25% per la quota superiore a questa cifra, con un tetto di 1.119 euro lordi per il sussidio. Si riduce dopo i primi sei mesi. Sarà quindi più alta dell’indennità attuale che al suo massimo raggiunge il 60% della retribuzione lorda (e dura 8 mesi, 12 per gli over 50).

- CASSA INTEGRAZIONE: si mantiene per la cassa ordinaria e la straordinaria con i contributi attuali, ma viene esclusa la causale di chiusura dell’attività (resta possibile solo quando è previsto il rientro in azienda). Esisterà, inoltre, un Fondo di solidarietà – su base assicurativa e pagato dalle aziende – per i lavoratori anziani licenziati a pochi anni dalla pensione.

- ARTICOLO 18: Il Governo ha annunciato la diversificazione delle tutele sui licenziamenti con il reintegro nel posto di lavoro nel caso di licenziamenti discriminatori e il solo indennizzo (fino a 27 mensilità di retribuzione) nei licenziamenti per motivi economici (giustificato motivo oggettivo) considerati dal giudice illegittimi. Nel caso di licenziamento cosiddetto disciplinare (giusta causa o giustificato motivo soggettivo) considerato dal giudice ingiustificato sarà possibile per il magistrato decidere tra il reintegro e l’indennizzo economico con il pagamento al lavoratore ingiustamente licenziato tra le 15 e le 27 mensilità.

  • fabio

    DISGUSTO. AVETE LEGALIZZATO LO SCHIAVISMO MODERNO.