Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 16, 2019

Scroll to top

Top

Niente black list dei commercianti evasori. Il governo si arrende ai partiti - Diritto di critica

Niente black list dei commercianti evasori. Il governo si arrende ai partiti

Ancora una volta ha vinto il Pdl. Non ci sarà più la black list antievasione. I commercianti segnalati dagli utenti per mancata emissione dello scontrino non finiranno nella lista dei “cattivi” e non subiranno controlli specifici. La decisione di favorire controlli stringenti da parte dell’Agenzia delle Entrate era stato previsto dal decreto legge sviluppo approvato dal governo. Ma le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno cancellato la norma attraverso un emendamento specifico.

Niente black list, solo accertamenti con segnalazione. L’emendamento era stato presentato da Gilberto Pichetto Fratin del Pdl e poi, secondo quanto si apprende, è stato riformulato dal governo, che ha cancellato le “liste selettive” per non arrivare ad un muro contro muro in Parlamento. Di conseguenza, la norma ora prevede solamente che “le agenzie fiscali e la Guardia di Finanza, nell’ambito dell’attività di pianificazione degli accertamenti, tengono conto anche delle segnalazioni non anonime di violazioni tributarie, incluse quelle relative dell’obbligo di emissione della ricevuta o dello scontrino fiscale ovvero del documento certificativo dei corrispettivi”. In pratica, l’Agenzia delle Entrate non farà specifici accertamenti su commercianti che siano stati segnalati, ma terranno in conto negli accertamenti, anche questo aspetto. Niente liste e controlli di conseguenza meno stringenti.

Destra e sinistra, le lobby al lavoro. Così, alla fine il governo ha ceduto. Era chiaro che in Parlamento su quel punto non ci sarebbe stata una maggioranza. La Lega e, soprattutto, il Pdl avevano dimostrato la loro intenzione di ammorbidire la norma per recuperare consenso tra le partite Iva. Ma anche nel Pd qualche senatore aveva lanciato il sasso e nascosto la mano. “Il Pd appoggia con convinzione la norma proposta dal governo”, avevano fatto sapere i democratici. Ma la mano oscura delle lobby non si è fatta attendere, anche a sinistra.

Twitter: @PaoloRibichini

Comments

  1. LE LOBBIES VINCONO SEMPRE, IL PARLAMENTO DEI PRIVILEGIATI PRIVILEGIA I FURBASTRI

  2. Leonardo Stocco

    Non sono un ricco, ma una black list dei commercianti che non emettono lo scontrino mi pare troppo! Sì ai controlli a tappeto, ma una black list sarebbe stato troppo.