Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 16, 2019

Scroll to top

Top

Monti promette ossigeno alle imprese: "smaltiremo 20-30mld di debiti" - Diritto di critica

Monti promette ossigeno alle imprese: “smaltiremo 20-30mld di debiti”

Venti-trenta miliardi di debiti con le imprese, da ripianare entro la fine di quest’anno. Ad annunciare una boccata di ossigeno per le tante aziende italiane che ancora vantano crediti con lo stato è il premier Mario Monti che ha ribadito come il governo intenda “recepire la direttiva europea sui ritardati pagamenti entro fine anno”, in anticipo quindi rispetto ai tempi previsti per marzo 2013.

Quattro i decreti del governo per venire incontro alle imprese e rilanciare l’economia: due («decreti certificazione») riguardano la certificazione dei crediti scaduti nei confronti rispettivamente delle Amministrazioni centrali (inclusi gli enti pubblici nazionali) e uno per le Regioni e enti locali, inclusi gli enti del Servizio Sanitario Nazionale. Si tratta, è stato detto, di due decreti «fotocopia», uno immediatamente operativo (quello che riguarda le amministrazioni centrali), l’altro che necessita del parere della Conferenza Stato-Regioni ma auspicabilmente operativo nel più breve tempo possibile. Vi è poi un terzo decreto («decreto compensazioni») che riguarda le compensazioni dovute a seguito di iscrizione a ruolo, in attuazione della legge n. 78 del 2010; un quarto decreto infine riguarda il Fondo Centrale di Garanzia, che prevede agevolazioni per le imprese creditrici della Pubblica amministrazione, in attuazione della legge «salva Italia».

Il premier ha poi fato spiegato che «il recupero del credito è una questione importante. Sono le aziende più piccole e innovative che in questa fase non hanno abbassato la testa e stanno affrontando la crisi con determinazione. E sono queste imprese che hanno bisogno di liquidità e di riaccendere il motore».

Dove non osano le banche – con una stretta del credito che non s’allenta, nonostante i prestiti della BCE – tenta di osare l’Esecutivo Monti, accusato nelle ultime settimane di aver messo in campo poche misure per la crescita.

Comments

  1. bancocrazia

    Ma dai, giuuura…come mai si e’ svegliato solo ora?!?!?!  Questo e’ il primo risultato positivo da attribuire a grillo, complimenti!

  2. Serf

    Come al solito un articolo che si dimentica di puntualizzare il fatto che , la maggioranza delle aziende che vantano un credito con lo stato per lavori  eseguiti (appalti per opere pubbliche) o forniture sanitarie , sono in mano alle MAFIE o ad AMICI dei nostri bravi politici o del vaticano ,TAV docet
    E questo non servirà neanche lontanamente a rilanciare l’economia anzi la affosserà ancora di più ,
    altri 20/30 miliardi rubati alla nazione .