Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 21, 2019

Scroll to top

Top

Berlusconi? Potrebbe ricandidarsi. Parola di Alfano - Diritto di critica

Berlusconi? Potrebbe ricandidarsi. Parola di Alfano

Berlusconi potrebbe di nuovo scendere in campo, in quello stesso orto in cui ha arato e piantato a vario modo per quasi vent’anni. La voce, nelle stanze del PdL gira da tempo ma non tutti la reputano credibile. Secondo i sondaggi, un PdL (o chi per esso) a guida Berlusconi, raggiungerebbe il 30%, ma in molti temono l’effetto boomerang. Sullo sfondo, una classe politica piddiellina incapace di esprimere una vera novità e un segretario da sempre tenuto a briglia corta dal padre fondatore.

Alfano su Twitter rilancia e conferma che in caso di ricandidatura del Cav., non gli farà mancare il suo sostegno. Già, ma non potrebbe fare altro. L’alternativa sarebbe tornare nel sottobosco dei deputati piddiellini e delle cicliche comparsate in tv. Per lui potrebbe profilarsi forse la possibilità di un ministero ma nulla più: tutto già visto. Il mite Angelino tenta di defilarsi per un presunto senso di giustizia sottolineando che a Berlusconi la ricandidatura “la chiedono in molti”. Senza soffermarsi sul fatto che quella candidatura avrebbe dovuto essere sua, non di altri.

“In tanti – ha detto Alfano – glielo stanno chiedendo ed io sono tra questi. Del resto per chi come lui ha governato in anni così complessi ha ceduto il passo a un nuovo governo tecnico senza mai essere stato battuto in aula e senza avere perso le elezioni, per chi come lui è stato il protagonista di questi anni, credo sia giusto e legittimo chiedere un giudizio al popolo italiano sulla storia di questi anni e su una nuova chance di governo. In tanti glielo stanno chiedendo e credo che alla fine lui deciderà di scendere in campo”. Glielo stanno chiedendo, ha concluso, “tanti cittadini e tanti del Pdl”.

Già peccato che – prima di lasciare il passo al Governo dei tecnici – Berlusconi avesse affidato lo scettro del partito proprio ad Alfano che invece glissa, quasi che questo interludio non ci fosse mai stato.

Certo, il dubbio sulle reali capacità di far riemergere il PdL dal gorgo in cui è caduto, ci sono. Solo qualche settimana, infatti, un sondaggio effettuato dalla Digis per il Retroscena e rilanciato sulla Pagina Facebook del sito, metteva in evidenza come l’83% degli italiani non volesse il ritorno di Berlusconi. Che le cose siano cambiate in così poco tempo – e senza alcun annuncio elettorale in stile “vi tolgo l’Ici” – sembra assai strano. Più probabile che sia tutto un bluff, una sorta di prova generale per vedere come reagiscono cittadini ed elettori. Con Berlusconi tutto può essere.

Comments

  1. Poveri noi.

  2. vai presidenteeeee