Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 21, 2020

Scroll to top

Top

Pedalare per uscire di galera

Più pedali prima esci. È il nuovo progetto di sviluppo durevole previsto per i detenuti della prigione di Santa Rita do Sapucaì nello Stato di Minas Gerais in Brasile, secondo cui chi, pedalando produce energia, in cambio ottiene una riduzione della pena. A rivelare la novità è stato il portale di notizie brasiliano G1 Globo.

Ridurre la pena producendo elettricità. Nato da un’idea del giudice Josè Henrique Mallmann, il progetto è stato inizialmente accolto con diffidenza prima di ottenere l’entusiastica adesione dei 130 detenuti che ogni sei ore di pedalata guadagnano un giorno di riduzione della pena. Per il momento però, possono partecipare solamente i carcerati che hanno commesso reati minori.

Illuminando la città. L’elettricità ottenuta viene immagazzinata in alcune batterie ed utilizzata per illuminare le vie della città rendendole così più sicure. Attualmente, il numero di bici presenti nel centro penitenziario permettono l’ alimentazione di sei lampioni. Non appena la struttura di detenzione riuscirà a dotarsi di almeno dieci bici collegate ad un generatore, sarà possibile illuminare un intero viale della città.

Sentirsi utili per la comunità. I detenuti possono liberamente scegliere se partecipare o meno all’originale iniziativa che rappresenta non solo un sistema per ridurre la pena ma anche un modo per intrattenersi e mantenersi in forma. Questo progetto favorisce inoltre un importante aspetto psicologico: “pedalando si sentono utili” come sottolinea il direttore del carcere Gilson Rafael Silva. Questo fattore ha permesso di creare – spiegano i responsabili – un’atmosfera decisamente migliore e più rilassata all’interno del centro di detenzione.

Argomenti

Comments

  1. Max

    Un idea geniale…