Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 15, 2019

Scroll to top

Top

Obama, la vittoria passa anche dai social network - Diritto di critica

Obama, la vittoria passa anche dai social network

di Carmine Apice

Partecipazione dal basso e nuove tecnologie. Sembra sia stato questo il “trade-off” dell’ultima campagna elettorale per le presidenziali americane. La conferma di Obama ha infatti un sapore più che digitale. L’utilizzo dei new-media sui binari della corsa alla Casa Bianca è stato infatti fondamentale per entrambi gli schieramenti in campo. Percezione quest’ultima realizzata anche da chi ha vissuto il momento del voto dall’altro lato dell’oceano.

«Durante il primo dibattito in televisione che ha visto contrapporsi  Obama e Romney ci sono stati circa nove milioni di tweet». Con queste parole il Console Generale degli Stati Uniti d’America di stanza a Napoli, Donald L. Moore, ha introdotto la serata organizzata nella sede del Consolato per seguire l’Election Night.
«L’utilizzo delle nuove tecnologie è stato, mai come stavolta, di particolare rilevanza sia per Barack Obama che per Mitt Romney – le parole del Console -. Coloro che si occupano della campagna elettorale – i cosidetti “spin doctor” – hanno voluto fare numerosi investimenti in pubblicità sulla rete, e hanno cercato di studiare quali fossero le esigenze dell’elettorato americano partendo proprio dalle informazioni raccolte da internet».
Nel corso della serata numerosi interventi di esperti di nuove tecnologie hanno messo  in risalto le diverse sfaccettature della campagna elettorale vista dalla rete. Uno su tutti: il ricercatore dell’Università di Napoli “L’Orientale”, Gianna Fusco, ha messo in evidenza gli aspetti comici e le “gaffes” di Obama e Romney nel percorso di avvicinamento alla Casa Bianca. Come dimenticare il tormentone, rimbalzato milioni di volte sulla rete, “Horses and bayonetes”, che altro non è che una risposta del Presidente afro-americano allo sfidante repubblicano che lo aveva accusato di aver riportato la flotta navale ai livelli del 1916. «Abbiamo anche meno cavalli e baionette caro Mitt, oggi ci sono le portaerei e i droni», la risposta laconica del Presidente Obama.
Diretta via Twitter dell’intero evento realizzato da un gruppo di studiosi della comunicazione digitale, BeConversant, che si sono occupati di “retwittare” le dichiarazioni del Console e di scandire “cinguettando” i momenti salienti della serata.

Argomenti