Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | March 5, 2021

Scroll to top

Top

Che cos'è il Fiscal Cliff?

del prof. Ugo Fourier (Ph.D)

Caro Obama, ti è piaciuto essere rieletto? Beh, adesso risolvi il problema del fiscal cliff. Potremmo sintetizzare così le attese dei mercati finanziari nei confronti del presidente Usa. Già, il fiscal cliff, un’espressione che negli ultimi giorni è sulla bocca di tutti, anche se molti non ne conoscono il significato.

LE SCHEDE: TUTTI GLI ARTICOLI SUL VOCABOLARIO ECONOMICO <–LEGGI

Cliff in inglese significa “scogliera” (si pensi alle famose White Cliffs of Dover, le “bianche scogliere di Dover”); l’espressione fiscal cliff può quindi essere approssimativamente resa in italiano con “precipizio fiscale” o “burrone fiscale”. In effetti con questa locuzione si fa riferimento ai drastici tagli alla spesa pubblica statunitense e all’innalzamento di alcune tasse, che scatterebbero automaticamente qualora non venisse raggiunto un accordo fra il presidente e il Congresso su cosa e dove tagliare. In assenza di questo accordo, per limitare il deficit è infatti attualmente previsto in USA un sistema di tagli automatici pesanti, che potrebbero avere effetti molto negativi sul tasso di crescita economica statunitense nei prossimi anni.

Sembra peraltro che anche i repubblicani siano intenzionati a evitare questo pericoloso burrone, negoziando un accordo con i democratici e il presidente, che dovrebbe prevedere alcuni tagli alla spesa pubblica e un innalzamento della pressione fiscale, soprattutto mediante una tassazione diretta dei redditi più alti. Al momento (21 novembre 2012) la trattativa è ancora apertissima: se si dovesse raggiungere un accordo, il problema del fiscal cliff sarebbe, se non risolto, per lo meno temporaneamente allontanato. E così gli Usa eviterebbero di finire nel precipizio (e, data l’influenza dell’economia statunitense su quella italiana, anche noi tireremmo un sospiro di sollievo).