Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | April 18, 2014

Scroll to top

Top

Ora Berlusconi “statista” aspetta che Bersani fallisca

Ora Berlusconi “statista” aspetta che Bersani fallisca
Paolo Ribichini

Berlusconi Ora Berlusconi statista aspetta che Bersani falliscaInsieme a Grillo è stato il vero vincitore. Ha salvato la nave che stava affondando. Si è battuto senza paura e alla fine è riuscito a non farsi “smacchiare”. Silvio Berlusconi è resuscitato per l’ennesima volta. Lasciando la sinistra a bocca aperta per la seconda volta. Nel 2006 si diede la colpa a Prodi, troppo remissivo nel confronto tv. Questa volta il dito è puntato su Grillo. Ma rimane un fatto. La sinistra ha problemi con la comunicazione. Mentre lui, il tycoon della tv, anche di fronte a risultati deludenti nell’opera di governo e nonostante palesi cadute di stile – come quella a Green Power – rimane sempre lì: nel cuore di un terzo degli italiani.

L’inossidabile Berlusconi. Il giaguaro non è stato smacchiato. Ma non c’è stata nemmeno la rivoluzione grillina del “Tutti a casa”. A casa, a parte Fini e Di Pietro, non c’è andato nessuno. Piuttosto, tutto è rimasto come prima. Berlusconi è ancora lì, determinante. Bersani si lecca le ferite e ancora non crede al risultato di lunedì. In tutto questo si è inserito Grillo come una crepa in un muro dopo un terremoto. Solo una grossa crepa del 25%, ma la casa è ancora in piedi.

Dopo l’Imu e il bunga-bunga, torna lo statista. Dopo la chiusura della campagna elettorale Berlusconi è rimasto in silenzio. Solo un video-messaggio di 40 secondi. Via le risate, i saltelli e le battute della campagna elettorale. Torna in video e affida al web la sua diffusione. Dimesso e impettito, eccolo di nuovo nei panni del grande statista. “C’è bisogno di un governo” e tende la mano a Bersani. Una stretta di mano che lo stesso segretario del Pd – nonostante l’insistenza di D’Alema – sa che potrebbe trasformarsi in un abbraccio mortale.

“Bersani dovrà parlare con me”. Il Cavaliere per ora lascia fare: “Bersani vuole un governo con Grillo? Faccia pure. Poi però dovrà tornare da noi”. Lui è convinto che il comico genovese “non si farà incastrare dalla sinistra” e che alla fine un governo si dovrà fare. E a quel punto – magari mandando avanti Angelino Alfano – riuscirà a pesare nelle trattative. Nei giorni scorsi si era parlato della necessità di un salvacondotto per i processi: Unipol, Ruby e ora anche la compravendita dei senatori. Certo, l’ultimo scandalo pone un’ipoteca sulle future trattative con il centro-sinistra ma poi quello che conterà saranno i numeri in Parlamento.

Le false promesse vincenti. Per ora l’unica certezza è che Berlusconi non dovrà ripagare l’Imu agli italiani. Né di tasca propria, né come premier. È stata una promessa che ovviamente non poteva mantenere ma che gli è valsa una vittoria, per quanto azzoppata. E la sua vittoria non era tornare a Palazzo Chigi, ma rimanere influente in Parlamento. Obiettivo raggiunto.

Twitter: @PaoloRibichini

Argomenti