Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 13, 2019

Scroll to top

Top

Adesso il Pd teme di perdere Roma

Adesso il Pd teme di perdere Roma

PD: MARINO, NON INTENDEVO OFFENDERE, MA RICONOSCIAMO ERRORE.  PARTITO E' SANO, MA E' SUCCESSO QUALCOSA CHE NON DOVEVA ACCADEREIL GRAFFIO – Adesso il Pd teme di perdere la poltrona di primo cittadino della Capitale e nelle stanze della sede romana del Partito democratico il nervosismo è alle stelle. Sulla graticola proprio il candidato sindaco e la gestione della comunicazione durante la campagna elettorale: Ignazio Marino sarebbe infatti troppo pacato, troppo attento e poco aggressivo, con il risultato di far riguadagnare punti a Gianni Alemanno e all’outsider delle amministrative romane, Alfio Marchini. A peggiorare tutto, anche l’attacco degli animalisti, vero e proprio fulmine a ciel sereno. In più non aiuta la cittadinanza “genovese” di Marino, tallone di Achille del candidato Pd.

Il Pd sarebbe quindi troppo arroccato su se stesso, nella convinzione di prendere la Capitale a mani basse, solo per la gestione non proprio vincente portata avanti da Alemanno in questi anni. Marino, infatti, si sta sottraendo a quasi tutti i confronti con gli altri candidati. Non è andato a Porta a Porta, probabilmente non andrà nemmeno a Ballarò martedì, ci saranno solo il primo cittadino uscente, Gianni Alemanno, e Alfio Marchini, in crescita costante nei sondaggi, proprio a danno del Pd.

La campagna elettorale “alla Bersani”, dunque, sembra non aver insegnato nulla. Il Pd continua a dare se stesso e i cittadini per scontato. L’impressione è che Marino voglia perdere le elezioni. Tutto già visto. Salvassero almeno le apparenze.

Comments

  1. Marica

    Io aggiungerei anche che Marino sia un po’ codardo visto quanto accaduto durante
    la protesta pacifica degli animalisti e sono sempre più convinta che per
    governare Roma ci voglia qualcuno che la città la conosca (e non che se ne esca
    dicendo di voler far pagare ai turisti 5 euro di biglietto .. salvo poi
    ripensarci: ed in effetti l’idea era assurda per non dire altro).. ci vogliono
    le palle per governare Roma!!!! speriamo che tutti se ne rendano conto!

    • Daniele

      Io invece credo che per governare Roma serva intelligenza ed ascolto. La polemica animalista è stata pilotata (guarda onlus che ha organizzato molti eventi per la giunta Alemanno) e di cattivo gusto (Marino, che anche voleva intervenire, non ha potuto esprimere la sua). Se poi rivogliamo altri 5 anni di amici e parenti assunti, buche con le strade attorno, piste ciclabili inondate sul Tevere al posto di una sana politica per il trasporto sostenibile (e mi fermo qua), beh, rivotiamo Alemanno.

  2. toroazul

    …ma quale graffio, questo è solletico per Marino. Marino non è la solita politica; Marino è un candidato diverso che non fa la sua campagna elettorale attaccando l’avversario a prescindere.

    Marino, a differenza di Bersani, sta facendo “campagna elettorale” e lo si vede e lo si sente ogni giorno in un quartiere diverso di Roma, raccogliendo idee, ma soprattutto, e troppo spesso, problemi veri delle persone che incontra.