Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | May 26, 2020

Scroll to top

Top

Ocse, gli immigrati salvano il welfare italiano

Ocse, gli immigrati salvano il welfare italiano

rosarno_lavoratori_immigrati

Scritto da Francesco Rossi

Il dibattito italiano sull’immigrazione è popolato da pregiudizi duri a morire. Il rapporto Ocse sulle migrazioni, però, potrebbe metterne a tacere più di qualcuno. L’organismo internazionale, infatti, dimostra, dati alla mano, che l’Italia conta sempre più emigranti e sempre meno immigrati. E gli stranieri residenti non pesano sul nostro welfare, piuttosto ci aiutano a sostenerlo.

Chi viene e chi va. L’immagine di masse crescenti di disperati che sbarcano sulle nostre coste è quanto mai fuorviante. I dati Ocse ci dicono che, dal 2007 al 2011, il numero di nuovi immigrati arrivati in Italia è crollato, fino a dimezzarsi: -44%. E sono moltissimi anche gli stranieri che, stanziatisi in Italia in passato, decidono di lasciarla per cercare fortuna altrove. La causa è da ricercarsi nella crisi economica internazionale che, da una parte, ha provocato una regressione globale delle migrazioni e, dall’altra, ha reso il nostro paese molto meno appetibile. In compenso, negli ultimi anni, proprio le difficoltà economiche hanno costretto gli italiani a fare le valige ed andare all’estero: 85mila solo nel 2011. Stiamo tornando un paese di emigranti, e la meta preferita è la Germania, dove il flusso di italiani in entrata è cresciuto del 35% tra il 2011 ed il 2012.

Il peso sul welfare. L’altro falso mito che il rapporto abbatte a picconate è quello dell’insostenibilità economica dell’immigrazione. Non è vero che gli stranieri pesano sul welfare italiano fino a metterlo a rischio, piuttosto lo sostengono. L’Ocse, mediante calcoli complessi, ha ricostruito quanto gli stranieri “prendono” e “danno” allo stato sociale italiano. Si scopre così che il bilancio, per il nostro paese, non è in passivo ma in attivo. Gli immigrati contribuiscono a tenere in piedi il nostro welfare per una cifra pari allo 0,9% del PIL. E a beneficiarne è soprattutto il sistema pensionistico. La spiegazione è semplice. Ad arrivare in Italia sono prevalentemente giovani lavoratori che vanno ad ampliare la platea di coloro che versano i contributi e frenano il progressivo invecchiamento della popolazione, che mina le fondamenta della previdenza. Addirittura, se tutti gli stranieri lavorassero regolarmente, il loro impatto positivo sull’economia sarebbe ancora maggiore, ed il welfare l’avremmo davvero messo in salvo.

La realtà capovolta. I dati dell’Ocse dovrebbero spingere la classe politica ad una seria riflessione. Continuare a trattare l’immigrazione come un flagello è antistorico. Ed è altrettanto fuori luogo atteggiarsi a vittime nei confronti dei partner continentali, visto che le cifre del rapporto ci collocano tra i più fortunati. Ci va molto meglio della Svezia, ad esempio, sul cui bilancio gli immigrati “pesano” davvero, per un valore prossimo al 2% del PIL. Stessa sorte per molti paesi scandinavi. Quindi non siamo il brutto anatroccolo d’Europa. Non siamo i più accoglienti ma piuttosto quelli che hanno bisogno di accoglienza. E i “nostri” immigrati non sono poi così brutti, sporchi e cattivi (come qualcuno pensa e dice). Numeri alla mano.