Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | August 20, 2019

Scroll to top

Top

Scandalo appalti per la Coppa America, nuova grana per De Magistris

Scandalo appalti per la Coppa America, nuova grana per De Magistris

de magistrisNapoli ancora aspetta la tanto sbandierata rivoluzione arancione. E, mentre Luigi De Magistris incassa qualche piccolo risultato, la Procura di Napoli apre un fascicolo a suo carico per abuso d’ufficio e illecita selezione di socio privato. Il sindaco di Napoli, con l’ex presidente della provincia Luigi Cesaro e il presidente della regione Campania Stefano Caldoro, dovrà rispondere della gestione di due eventi della Coppa America di vela che si sono svolti negli ultimi due anni proprio nel porto di Napoli.

Le gare senza la gara. L’accusa di illecita selezione di socio privato fa riferimento alla scelta del Comune e degli altri enti territoriali di identificare nell’Unione industriali il partner privato dell’Acn, la società che ha gestito le due edizioni della Coppa America senza una gara pubblica. L’accusa di abuso d’ufficio, invece, riguarda l’ingresso nell’Acn della Camera di commercio di Napoli, che ha sostituito l’Unione degli industriali quest’anno, ingresso che non sarebbe potuto avvenire in quanto è vietata dalla legge la possibilità per gli enti territoriali di partecipare a società miste.

“Uso irregolare dei fondi europei”. L’inchiesta del procuratore aggiunto Francesco Greco e dei sostituti Graziella Arlomede e Marco Bottino riguarda una più vasta serie di presunte irregolarità nell’organizzazione dell’evento associato alla Coppa America. Secondo gli inquirenti, infatti, vi sarebbe un uso irregolare dei fondi europei e anticipazione delle somme alle società americane per i diritti.

Problemi con la giustizia. L’indagine, comunque in una fase preliminare, rischia di pesare anche questa sull’andamento della giunta De Magistris, aggiungendosi ad altre due inchieste che interessano due assessori. Il vice sindaco Tommaso Sodano stato recentemente convocato in Procura per alcune presunte irregolarità in un progetto per il miglioramento dell’aria in città. Stessa sorte è toccata all’assessore allo Sport Giuseppina Tommasielli per una presunta falsificazione di un verbale per evitare il pagamento di alcune multe per la violazione della ZTL napoletana.

Comments