Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 25, 2017

Scroll to top

Top

Gas azero in Italia? Forse, ma il cappio russo resta

Gas azero in Italia? Forse, ma il cappio russo resta

tapIl premier Letta vola a Baku in piena semi-crisi di governo per gloriarsi di una mezza rivoluzione energetica: sarà l’Italia a ricevere il gas azero attraverso il gasdotto Tap, a partire dal 2019. Con buona pace per il Nabucco, progetto che privilegia i Balcani e l’Austria come terminal per il gas europeo, alternativa alle forniture russe. Ma Putin non si preoccupa: la mano sul rubinetto europeo ce l’ha ancora lui.

La stretta di mano tra Letta e Aliyev è quasi commovente: il dittatore azero da dieci anni al potere si congratula con un premier a tempo, pacato e spaventato dai malumori degli alleati. Certo, Enrico Letta rappresenta il cliente: quell’Italia (e l’intera Europa Mediterranea) che comprerà il gas naturale dell’Azerbaijan facendo affluire nelle casse di Baku miliardi di euro. E un cliente pacato è l’ospite migliore. Ma se per Aliyev (salito al potere proprio grazie alla compagnia di stato Socar, madrina del progetto Tap) la nuova pipeline è decisiva, per l’Italia cambia poco. Almeno a dar retta ai russi.

Il gasdotto batte il progetto Nabucco, ormai parcheggiato da 4 anni negli studi tecnici. Il tracciato parte da Baku, sul Mar Caspio, attraversa la Georgia e versa il gas nei depositi turchi di Erzurum; poi, dopo un tratto anatolico di circa 2000 km, sbarca in Grecia e punta l’Albania. E da Tirana il balzo verso Lecce è breve: appena 115 chilometri di placido adriatico, un prolungamento da niente. In tutto, il consorzio Tap (dominato da norvegesi, svizzeri, francesi, tedeschi, azeri e non un solo gruppo italiano) dovrà costruire 800 km di condotti e due stazioni di compressione per fornire 10 miliardi di metri cubi l’anno, aumentabili a 20 miliardi in una seconda fase.

E’ poco. Dieci miliardi di metri cubi significano il fabbisogno annuo di 3 milioni di consumatori domestici: meno della stessa popolazione pugliese. La Russia ci manda 63 miliardi di tonnellate l’anno, al netto di quanto consuma l’inaffidabile Ucraina. Putin non sembra affatto preoccupato della concorrenza: secondo i suoi analisti, la domanda europea di gas è troppo bassa per innescare vere corse concorrenziali. E poi va detto: qualsiasi gasdotto che passa a breve distanza dal territorio russo, è automaticamente ricattabile. Non sono più i tempi di Bush Junior, che voleva mettere lo scudo spaziale sulla Russia e proteggere militarmente la “rivoluzione delle rose” a Tbilisi. Oggi Putin può premere su Aliyev, su Nazarbayev o Lukashenko: il suo soft power (e a volte hard power, come dimostra l’invasione della Georgia nel 2008) dirige il mercato del gas da oriente a occidente. 

Cosa resta del “successo Letta”? Poco. Il Tap, secondo molti analisti, resterà sulla carta. Se anche dovesse essere completato, andrà a basso regime, differenziando solo di poco l’approvvigionamento di gas europeo: i prezzi non cambieranno sensibilmente. Non per niente Paolo Scaroni, patron dell’Eni, non commenta e non interviene: non vede minacce per i suoi affari, legati tutti all’accordo con Gazprom per South Stream.