Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | November 21, 2019

Scroll to top

Top

amministrative Archives - Diritto di critica

E ora? La politica italiana dopo amministrative e referendum

17 Giugno 2011 |

CORSIVO – Sono stato contento del risultato delle amministrative di Napoli e Milano, ho tirato un bel sospiro di sollievo quando ho visto che il quorum era stato raggiunto e sono felice di respirare l’aria di uno straripamento, lento ma inesorabile, di tutta la pazienza mostrata nei confronti di questo esecutivo e del modo di fare politica che incarna.Read More

L’editoriale – Così Bossi e Berlusconi abbandoneranno Milano

20 Maggio 2011 |

Bossi e Berlusconi abbandoneranno Milano al suo destino. Che governi Pisapia e non se ne parli più. L’accanimento sul ballottaggio è solo aria fritta, un pur parlè politico di riempimento. Fuffa. La sinistra conquisterà Milano – forse anche Napoli – ma il governo non cadrà e tutto tornerà come prima. Con buon probabilità, infatti, il […]Read More

Cagliari al ballottaggio, i giovani rifiutano “clientelismo e vecchi poteri”

17 Maggio 2011 |

Classe ’76, vendoliano e candidato ufficiale del Pd, Massimo Zedda è la scoperta delle ultime elezioni amministrative sarde. E sì, perché, se a Cagliari (dove ha votato il 71, 41%, il 3,87% in più rispetto al 2006) si va al ballottaggio, già quest’ultimo è un risultato che merita di essere segnalato, in una città da […]Read More

L’analisi – A Napoli il ciclone De Magistris travolge tutti

17 Maggio 2011 |

De Magistris contro tutti. Si può provare a sintetizzare così il risultato del primo turno delle consultazioni a Napoli. Il magistrato del Vomero ha bruciato il prefetto Morcone, candidato di Pd e Sel, e sarà lo sfidante del pidiellino Gianni Lettieri al ballottaggio. A sorpresa, per qualche analista politico. Non troppo, secondo noi. I dati […]Read More

Amministrative – Arcore al ballottaggio, Berlusconi perde il “suo” fortino

16 Maggio 2011 |

Tra tutti i fortini ce n’è uno che Berlusconi ha perso: il suo. Ad Arcore si andrà al ballottaggio. Secondo i dati del ministero degli Interni, infatti, il territorio che ospita la villa del Cavaliere vede il candidato sindaco della sinistra in vantaggio di oltre sei punti percentuali. Piera Rosalba Colombo, candidata del centrosinistra, ha […]Read More

Elezioni 2011: come e cosa si vota

13 Maggio 2011 |

Il 15 e il 16 maggio si voterà in 1.177 comuni e in 9 province per le elezioni amministrative. Domenica si potrà esprimere la propria preferenza dalle 8 alle 22, mentre lunedì dalle 7 alle 15. Anche alcune grandi città al voto: Milano, Torino, Napoli e BolognaRead More

Come nel dopoguerra, a Napoli sotto elezioni pane gratis per tutti

12 Maggio 2011 |

Pane gratis per tutti. Sotto elezioni, la pagnotta significa voti. A Napoli alcuni candidati del partito Noi Sud e de La Destra hanno deciso di distribuirla gratis, una mossa che non è piaciuta ai negozianti partenopei che denunciano: «Almeno li avessero portati loro di persona, sarebbe sembrato un gesto ironico. Così invece – proseguono – […]Read More

Rifiuti a Napoli, per Berlusconi è colpa dei magistrati. Ma il ragionamento non regge

10 Maggio 2011 |

“Ora che ci sono le elezioni i pm di Napoli hanno chiuso le discariche, io porterei i rifiuti da loro in Procura”. Le parole sono del premier Silvio Berlusconi che però questa volta ha sbagliato pronostico. Fallito il colpo di scena con i militari inviati a raccogliere i sacchetti dell’immondizia, Silvio Berlusconi cerca di limitare i danniRead More

No all’Election Day, il Parlamento brucia 300 milioni

18 Marzo 2011 |

L’Italia poteva risparmiare 300 milioni di euro. L’equivalente dello stipendio annuo di 25mila ricercatori universitari o di 18mila insegnanti delle scuole. Ma poco importa. Lo chiamano “costo della democrazia”. In realtà si tratta di un vero e proprio spreco per venire incontro alle esigenze (economiche) dei soliti noti. Niente election day a giugno.Read More

Il day after della politica. Chi vince e chi perde

30 Marzo 2010 |

«L’Italia non è la Francia». Esordiscono così oggi molti pensatori di sinistra alla luce dell’aspra lettura dei risultati elettorali. Non assomigliare ai cugini “amanti delle lumache” per una volta appare quasi come un dramma esistenziale, una brutta sorpresa. In realtà dietro a questa affermazione ci sono diverse riflessioni da fare. Sarkozy, alla luce di una […]Read More