Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | August 3, 2020

Scroll to top

Top

Cie Archives - Diritto di critica

La truffa sulle spalle dei migranti. “Spariti 3 milioni di euro”

27 Marzo 2014 |

Secondo gli inquirenti sono sparite anche bottigliette d’acqua, stecche di sigarette e ricariche telefonicheRead More

Guantanamo d’Italia, la vita dentro i CIE. Intervista a Raffaella Cosentino

28 Dicembre 2013 |

L’INTERVISTA – Un’emergenza che fa comodo a molti: l’immigrazione in Italia è ormai una questione che non si sa o – peggio – che non si vuole risolvere, in un eterno rimpallarsi di responsabilità tra la politica nazionale e le istituzioni europee che – di contro – delegano il “problema” ai governi nazionali. Ma quello […]Read More

Bocciate le politiche italiane sull’immigrazione: costose e disumane

5 Giugno 2013 |

Scritto da Francesco Rossi Dati alla mano, le politiche italiane di contrasto all’immigrazione clandestina si rivelano inefficaci e costose. Senza contare le numerose condanne europee per violazione dei diritti umani all’interno dei CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione). L’intero sistema è da ripensare, con urgenza. Flop completo. Doveva essere il mix perfetto per garantire la […]Read More

Cie in rivolta, ma è la politica ad accendere la miccia

19 Febbraio 2013 |

Un nigeriano resiste all’ordine di espulsione e scoppia la guerriglia nel Cie di Ponte Galeria (Roma), provocando due feriti e otto fermi. A 11 anni dalla legge Bossi-Fini e una settimana sola al voto per il Parlamento, nessun politico ha affrontato il tema dell’immigrazione clandestina e delle espulsioni. Nemmeno i “tecnici” di Monti. E, soprattutto, […]Read More

Il limbo dei Centri di Identificazione ed Espulsione, dove il diritto è sospeso

3 Luglio 2012 |

“Diciotto mesi vissuti lì dentro sono alienanti, annichiliscono le persone e fanno perdere la percezione della propria identità”. A raccontare la realtà di uno dei Centri di Identificazione ed Espulsione italiani – quello di Milano, in via Corelli – è il direttore della Caritas, don Roberto D’Avanzo. “Chi è trattenuto nei Cie -afferma il sacerdote-, ha […]Read More

Lampedusa esasperata, scontri tra isolani e migranti

21 Settembre 2011 |

A forza di nascondere la polvere sotto il tappeto, c’era da aspettarselo. Prima i migranti, quasi tutti tunisini, hanno inscenato una manifestazione di protesta al porto vecchio, poi i lampedusani si sono scagliati contro di loro con pietre. Poi agli isolani si è sostituita la polizia che ha caricato.Read More

In fiamme il Cie di Lampedusa, cronaca di una rivolta annunciata

21 Settembre 2011 |

Nella giornata di ieri, il centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Lampedusa è stato dato alle fiamme da un gruppo di immigrati tunisini che protestavano da mesi contro i rimpatri di massa, effettuati dalle autorità italiane verso il paese nordafricano.Read More

L’inchiesta dell’antimafia di Palermo sui “viaggi” organizzati dal Raìs

12 Settembre 2011 |

Ormai sono diventate immagini abituali: barconi carichi, volti segnati dalla salsedine e dalla sete, persone confuse in una massa di disperati quasi senza più identità. E un nome, ripetuto come un’eco: Lampedusa. Li abbiamo chiamati “viaggi della speranza”, quando di speranza era rimasta solo quella di giungere vivi da qualche parte, di toccare nuovamente terra, […]Read More

Lampedusa, la faticosa convivenza tra turismo e migrazioni

7 Settembre 2011 |

REPORTAGE – Due mondi che si incontrano. Lì sorge Lampedusa, luogo di sbarchi e migranti, luogo di vacanze e divertimento. Due realtà che talvolta si scontrano. “Picchiateli! Sono solo bestie”, urla una donna bionda con un chiaro accento lombardo. È lunedì 29 agosto e 600 migranti rinchiusi nel Cie di Contrada Imbriacola decidono di fuggire. Ed esplode la rabbiaRead More

Lampedusa, l’isola che non c’è

7 Settembre 2011 |

REPORTAGE – quando si parla in tv di Lampedusa si parla di migranti. L’attenzione dei media è tutta per loro di cui spesso è data l’immagine di invasori e di violenti criminali. Per questo il turismo sull’isola è fortemente calato. Pregiudizi e paure si sono radicate in chi viene dal “Continente”, spaventato dall’idea di “fare il bagno con i clandestini” o di incontrarli per strada.Read More