Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | March 24, 2019

Scroll to top

Top

cosa nostra Archives - Diritto di critica

Peppino Impastato, 40 anni fa la fine nello stesso giorno di Moro

9 Maggio 2018 |

9 maggio 1978. Non è un giorno qualunque. Quella mattina tutta l’Italia è scioccata alla vista, in diretta televisiva, del corpo senza vita dell’onorevole Aldo Moro (rapito dalle Brigate Rosse quasi due mesi prima), riverso nel bagagliaio di una macchina in via Caetani, a Roma. Mentre Peppino Impastato, a trent’anni appena, viene trovato assassinato lungo […]Read More

Placido Rizzotto, il simbolo delle vittime nascoste della mafia

28 Maggio 2012 |

10 Marzo 1948: a Corleone il sindacalista Placido Rizzotto viene sequestrato e ucciso dalla mafia e scompare nel nulla. 24 Maggio 2012: alla vittima, i cui resti vengono ritrovati solo nel 2009, sono concessi i funerali di Stato. In mezzo, 64 lunghi anni durante i quali la mafia ha allungato le mani sulla Sicilia fino […]Read More

Omicidio Rostagno, si apre il “processo alla mafia”

27 Giugno 2011 |

Scritto per noi da Antonella Iacobino* “Questo è un grande regalo”. Sono le parole con cui Maddalena Rostagno apre quasi tutte le sue interviste. Il “regalo”, per quanto paradossale possa sembrare agli occhi di chi crede ancora nella Giustizia, è il processo che si è aperto per la morte di Mauro Rostagno. Ci sono voluti […]Read More

Calcio pulito: da Losanna il manifesto per uno sport più etico e credibile

2 Marzo 2011 |

Scritto per noi da Fiorenzo Fabio Palumbo È il rapporto tra sport e scommesse, un binomio capace di smuovere cifre da manovra economica finanziaria, il tema centrale del convegno che l’AIPS (Associazione Internazionale dei giornalisti sportivi) con il patrocinio del Comitato Olimpico Internazionale, ha organizzato ieri mattina a Losanna. Alla tavola rotonda, cui ha partecipato […]Read More

New York, Cosa Nostra padrona di porti e cantieri

31 Gennaio 2011 |

Le autorità americane sono tornate a colpire la criminalità organizzata. In una delle più grandi operazioni antimafia della storia statunitense sono finiti in manette, a New York e dintorni, centinaia di boss affiliati alle cinque famiglie italo-americane più potenti del Paese. Tra i capi d’accusa estorsioni, omicidi (alcuni compiuti negli anni Ottanta), traffico di droga, gioco d’azzardo e infiltrazioni in cantieri e porti.Read More

29 luglio 1970, Cosa Nostra sbarca a Milano

29 Novembre 2010 |

29 luglio 1970. Durante un’estate di quarant’anni fa, a Milano si svolge uno dei summit più importanti per Cosa Nostra. Ad organizzarlo è Joe Adonis, uno dei boss della mafia siciliana trasferitosi da New York nel capoluogo lombardo quattordici anni prima, nel 1956. Amico di Luky Luciano, Adonis era nato a Montemarano nel 1902 ed […]Read More

Il volto «disonorevole» delle mafie (al Nord), intervista a Giulio Cavalli

24 Novembre 2010 |

Ha 33 anni, è un attore ed è sotto scorta dal 2008. La mafia – la ‘Ndrangheta – non gradisce gli attacchi che lancia dal palco, le verità che racconta al pubblico di quel Nord dove per molti ancora vale il ritornello: «qui la mafia non esiste». E non gradisce nemmeno quei suoi modi dissacratori […]Read More

Tre giorni per un eroe forse non bastano

18 Luglio 2010 |

Quant’è difficile di questi tempi chiamare qualcuno con il titolo più alto che la società civile possa attribuire. Gli eroi – persone di straordinarie capacità che lottano contro il crimine e le ingiustizie – sembrano davvero scomparsi, relegati in un passato di storiche battaglie, con scudi, elmi e spadoni a due mani. Il mondo contemporaneo […]Read More

Niente cannoli per Cuffaro: condannato a 7 anni per le talpe alla Dda

23 Gennaio 2010 |

Niente cannoli questa volta. Totò Cuffaro, ex governatore della regione Sicilia, senatore dell’Udc e membro del consiglio di amministrazione della Rai, è stato condannato dalla Corte d’Appello di Palermo a sette anni, nell’ambito del processo sulle talpe alla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano. I giudici hanno riconosciuto dunque l’aggravante del favoreggiamento a Cosa Nostra, […]Read More