Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 17, 2020

Scroll to top

Top

debito Archives - Diritto di critica

L’Islanda contro l’austerity internazionale: congelate le trattative per entrare nell’Ue

23 Settembre 2013 |

L’Islanda, isola ribelle all’austerity internazionale, chiude le trattative con Bruxelles. L’Ue non offre nulla di buono: solo quote di pesca restrittive, debiti miliardari da pagare, pesanti limiti ad internet e alla proprietà individuale. E l’islandese medio, che è sceso in piazza a protestare contro la nazionalizzazione del debito delle banche private, non vuole aver nulla […]Read More

Derivati bomba per l’Italia, un debito da 8 miliardi di euro

26 Giugno 2013 |

Sembra il remake dello scandalo Montepaschi, ma in grande. Secondo un documento riservato pubblicato dal Financial Times, il Governo italiano avrebbe aggiustato i conti tra il 1995 e il 1998 con contratti capestro su derivati: oggi, il costo dell’operazione è di 8 miliardi di euro. Ad avvalorare la soffiata, le indagini della Guardia di Finanza, […]Read More

Debito e inflazione, la coperta è troppo corta

15 Aprile 2013 |

Non abbiamo lasciato scoperto nulla: cassa integrazione e missioni sono finanziate. Il ministro dell’Economia Grilli cerca di difendere il lavoro del governo Monti, Bankitalia sembrerebbe sostenerlo: il debito pubblico sarebbe sceso a febbraio di 5 miliardi di euro, prima controtendenza dopo anni di crescita. Ma la crisi c’è ed è reale: la spesa per consumi […]Read More

Se siamo al capolinea, perché vanno a ruba i Btp?

29 Agosto 2012 |

Se una mela è marcia, non la compri. Anche se te la offrono a metà prezzo. Questo semplice principio economico (da fruttivendolo) dovrebbe valere anche per l’alta finanza, cioè per i titoli degli Stati. Se un Paese con le casse vuote mi vende una cambiale, può anche promettermi la Luna, io non la compro. Allora, […]Read More

Assumificio Sicilia, la regione da 5 mld di debito

18 Luglio 2012 |

Il Governatore siciliano Raffaele Lombardo incontrerà molto presto il premier Mario Monti. Il presidente del Consiglio preoccupatissimo dalla “possibilità che la Sicilia possa andare in default” ha scritto a Lombardo per avere la conferma delle sue dimissioni, già annunciate per il 31 luglio. Ricevuta la lettera il presidente siciliano ha chiesto di essere ricevuto martedì […]Read More

Fiscal Compact, i conti in equilibrio ci costano caro

7 Marzo 2012 |

L’Italia firma il “Trattato diStabilità e Coordinamento economico” insieme ad altri 24 Paesi dell’Unione Europea. Con esso, ogni membro s’impegna a mantenere i conti in equilibrio: se va in rosso, nuove tasse o tagli alla spesa scatteranno automaticamente. La paura di nuovi casi Grecia è forte, a Bruxelles non si vogliono più correre rischi. Ma […]Read More

Roma con i conti in rosso, il Campidoglio si vende i palazzi

2 Febbraio 2012 |

Tecnicamente è stata chiamata “valorizzazione dei beni“, nella pratica il Campidoglio si prepara a vendere o a mettere a rendita i suoi palazzi più importanti. Con un debito pari a 9,1 miliardi di euro accumulato – e nonostante il piano di ripianamento, ancora ben presente – negli anni e nei decenni passati, l’amministrazione romana conta […]Read More

Standard & Poor’s declassa l’Europa: complotto o cattiva politica?

16 Gennaio 2012 |

L’ANALISI – Venerdì 13 gennaio l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha di nuovo calato la sua mannaia sui debiti sovrani di nove Paesi europei, fra cui l’Italia (ora giudicata BBB+) e Francia (che ha perso la tripla A dopo diciassette anni). Subito sono scattate le solite reazioni da parte sia di esponenti politici che […]Read More

Gli Eurobond spaccano Bruxelles, manca la fiducia

25 Novembre 2011 |

Monti, Sarkozy e Merkel. A Bruxelles i guai italiani si confondono nel vero braccio di ferro tra euroscettici e revanscisti, velatamente ai ferri corti sul tema eurobond. Due visioni diverse si contrappongono nella capitale Ue: la federazione monetaria di Angela Merkel, figlia della sfiducia degli “onesti”, e la grande alleanza finanziaria di Sarkozy, colonna portante […]Read More

Spread, debito e Pil, la Francia non è più la prima della classe

16 Novembre 2011 |

Dopo la crisi greca e l’impasse di Italia e Spagna, di una cosa i mercati sono sicuri: la Francia non è più la prima della classe. Anzi, forse non lo è mai stata, a dispetto del Merkozy tanto sbandierato. Dei due consoli dell’economia europea, infatti, forse solo uno è in buona salute, e non si […]Read More