Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 23, 2020

Scroll to top

Top

dimissioni Archives - Pagina 4 di 4 - Diritto di critica

“Cesare” non si dimetterà

12 Settembre 2010 |

I tumultuosi pomeriggi di fine estate che hanno interessato la penisola italiana sono stati la degna prefazione di un autunno che sarà  rovente, proprio come l’anno scorso. Sembra un miraggio frutto di troppo sole della Puglia quello che travolge il cittadino attento che legge i giornali e si documenta su ciò che accade nelle “stanze […]Read More

Il valore delle parole di Capezzone

10 Agosto 2010 |

Si pensa sempre che il destino sia beffardo nei riguardi delle persone e alle volte non si sbaglia. Nei riguardi di un partito e in questo caso del Popolo della Libertà, ne si è quasi certi. Lo dimostra ancora una volta un politico come Daniele Capezzone con le sue dichiarazioni da attuale portavoce del PdL […]Read More

Brancher dimissionario a tempo di record

5 Luglio 2010 |

Aldo Brancher, Ministro senza portafoglio per pochi giorni con delega ancora ignota, è un caso clamoroso di un politico che per sottrarsi al giudizio del tribunale ha usufruito, seppur per poco tempo, dello scudo di protezione di cui godono i Ministri. Sconosciuto ai più, Branchér o Bràncher, si è dimesso oggi paradossalmente salvando il Pdl […]Read More

Il “No Berlusconi Day” e la politica dei cittadini

7 Dicembre 2009 |

no b day 001
«Wow, ma è già piena?»
. Inizia così il mio ingresso a bocca spalancata in Piazza San Giovanni sabato scorso, in occasione della manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni del Premier Berlusconi. Partito nella notte di sabato da Bergamo sono arrivato alla stazione di Roma Termini pochi minuti prima dell’inizio del No Berlusconi Day. Presente all’evento anche Emilio Torsello, co-editor del blog Diritto di critica. Il corteo è partito da Piazza della Repubblica e si è poi diretto verso il palco allestito nella piazza più grande di Roma, scenario tradizionale di tanti eventi culturali e politici, come il concerto del 1° maggio e perfino il “Berlusconi day del 2006“. Gli organizzatori speravano di raggiungere almeno i 350 mila presenti, come ci si aspettava dalle adesioni sulla pagina di facebook dove è nata l’idea di questa manifestazione. La partecipazione è stata invece  molto più vasta, ricoprendo ogni centimetro quadrato di Piazza San Giovanni e le vie laterali. La questura ha parlato di 90.000 presenti, mentre le foto e i video in rete parlano di una marea di gente, almeno 10 volte tanto. Nel 2006 la manifestazione organizzata dall’allora Casa della Libertà per far cadere il governo Prodi portò (così dissero gli organizzatori) ben 2 milioni di persone nella stessa piazza. Forti critiche arrivano dai media filo-governativi che, usando i dati della questura, contestano la cifra diffusa dagli organizzatori che parlano di almeno 1 milione di partecipanti al No B Day. Qualcuno ci deve dei chiarimenti. Hanno per caso rimpicciolito piazza San Giovanni e non ce lo hanno detto? Read More