Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | November 21, 2019

Scroll to top

Top

diritti Archives - Diritto di critica

Eccr, “in Italia rom segregati e senza diritti”

16 Maggio 2013 |

Scritto da Francesco Rossi “I campi rom di Roma e Milano sono luoghi di segregazione che calpestano i dritti umani”. E’ una condanna senza mezzi termini quella del Centro Europeo per i Diritti dei Rom nei confronti delle politiche italiane per i nomadi. Secondo il rapporto, il nostro Paese non garantisce l’accesso all’istruzione, al lavoro […]Read More

La battaglia dei dipendenti di Amnesty International, il futuro è incerto

5 Dicembre 2012 |

Amnesty International sta attraversando uno stato di crisi. L’organizzazione, costituita nel 1961 per combattere le violazioni dei diritti umani sta conoscendo una fase di ristrutturazione nella gestione del personale e dei posti di lavoro. Circa 500 lavoratori londinesi potrebbero essere trasferiti all’estero nelle prossime settimane. I rappresentanti sindacali si sono riuniti, con i membri dell’organizzazione, […]Read More

Le donne d’Arabia voteranno nel 2015. Ma ancora non guidano l’automobile

27 Settembre 2011 |
http://www.youtube.com/watch?v=akQ4ftcvO3M”

Dovranno farsi accompagnare o prendere mezzi pubblici, ma tra qualche anno le donne dell’Arabia Saudita andranno a votare. Nel Paese dei diritti femminili negati, dove non è consentito prendere la patente o uscire da sole, una svolta epocale è all’orizzonte.Read More

Nepal: la “Mecca” dei matrimoni gay e del turismo omosessuale

20 Luglio 2011 |

Organizzare un matrimonio in un tempio Indù non è una cosa insolita in Nepal. La gran parte di coloro che si sposano, opta per una cerimonia tradizionale in uno dei luoghi di culto del paese. Anche se a convolare a nozze sono Courtney Mitchell e Sarah Welton, due donne di nazionalità americana, le prime lesbiche […]Read More

Afghanistan, la battaglia delle donne: “In tv per riconquistare i nostri diritti”

13 Luglio 2011 |

Cinema, programmi televisivi, soap opera in cui poter diventare protagoniste e documentare la loro vita. Per la prima volta, le donne afghane si raccontano e combattono per la propria libertà attraverso i mezzi d’informazione. Ma la loro battaglia resta difficile, in un paese in cui i casi di violenza sono in aumento e i diritti […]Read More

La lotta dimenticata dei Mapuche di Patagonia, soli contro le multinazionali

27 Giugno 2011 |

Il significato del loro nome è “popolo della terra”, ma da secoli i Mapuche lottano per vedere riconosciuto il territorio dei propri antenati. Abitanti da sempre della parte meridionale del Sud America, veri figli di quella terra unica e disarmante quale è la Patagonia, i Mapuche subiscono l’occupazione delle loro pianure già dalla fine dell’Ottocento, […]Read More

Così l’Egitto ricorda il giovane simbolo della rivoluzione

8 Giugno 2011 |

«Non preoccuparti Khaled, abbiamo vendicato la tua morte». Khaled Said: un nome diventato un simbolo e un volto che ha ispirato quella che è stata una delle prime rivolte dell’inverno di fuoco del mondo arabo, in Egitto.Read More

Nell’Italia dei tagli, sulle famiglie il peso dell’assistenza domiciliare

2 Maggio 2011 |

Nel paese dei Balocchi l’assistenza domiciliare viene garantita dal CAD (Centro di Assistenza Domiciliare) allestito e gestito dall’ASL di riferimento. Nell’Italia del reale, le ASL non hanno fondi a sufficienza per assicurare il funzionamento del servizio. Inutile presentare la domanda, non ci sono soldi, non c’è personale.Read More

Seconda generazione dei migranti, “presto un nuovo spazio per far valere i nostri diritti”

12 Aprile 2011 |

“Noi giovani immigrati crediamo in questo paese e lottiamo per rimanerci. Stiamo creando uno spazio dedicato alla G2 (seconda generazione), all’interno del Forum nazionale immigrazione del Pd: una rete che non si limiti a chiedere la cittadinanza, ma che possa creare un’alleanza con i ragazzi italiani, grazie alla mediazione di un partito capace di ascoltarci”.Read More

Libia, la lunga strada verso la democrazia

4 Marzo 2011 |

Se e quando Tripoli cadrà in mano ai rivoltosi, cosa succederà nella Libia post-Gheddafi? I partiti politici non esistono più dal 1972 quando una legge ha proibito con la pena di morte la loro costituzione. Quindi, il percorso verso la democrazia si fa arduo, ma necessario. E una Costituzione può essere l’antidoto al rischio di un colpo di statoRead More