Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 27, 2020

Scroll to top

Top

discriminazione Archives - Diritto di critica

Lavoro e disabilità, l’Europa condanna le discriminazioni italiane

5 Luglio 2013 |

Scritto da Francesco Rossi L’Italia si è beccata l’ennesima condanna in sede europea. Stavolta la Corte di Giustizia ha bocciato la normativa nazionale che disciplina l’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro. Secondo l’organismo comunitario la legge italiana è discriminatoria ed inefficace. La condanna trova un’indiretta conferma nei dati diffusi dall’Organizzazione Internazionale per il Lavoro, […]Read More

Fa dietrofront l’azienda che voleva licenziare solo le donne

12 Luglio 2011 |

Dietrofront per la MaVib: non licenzierà le donne.  Il 29 giugno scorso, infatti, l’azienda costruttrice di motori elettrici per gli impianti di condizionamento e fondata 25 anni fa, aveva annunciato di voler lasciare a casa dai 10 ai 13 dipendenti (su un totale di 30) a causa dello stagnamento nella produzione provocato dalla crisi economica: peccato […]Read More

Donne e lavoro, lo studio di Sda Bocconi: differenze nella retribuzione e pochi posti di responsabilità

7 Luglio 2011 |

Donne e lavoro: un connubio che non ha mai smesso di far discutere, nonostante le lotte sull’emancipazione femminile e le leggi attuali che – almeno in teoria – dovrebbero proteggere le conquiste a cui queste battaglie hanno portato. Eppure i risultati dello studio sul cosiddetto “gender pay gap” (Gpg) – organizzato dalla Sda Bocconi School […]Read More

C’è la crisi? Allora si licenziano solo le donne

29 Giugno 2011 |

Se la crisi colpisce l’azienda, si licenziano solo le donne. Motivazione? «Così possono stare a casa a curare i bambini». Non è una battuta, ma la spiegazione portata dall’azienda Ma-Vib di Inzago, nell’est milanese, per giustificare l’annuncio di oggi di voler licenziare 10-13 dipendenti su 30. Dipendenti rigorosamente ed esclusivamente  donne. A denunciare la discriminazione è […]Read More

Mondiali antirazzisti: quando lo sport supera ogni barriera

28 Giugno 2011 |

Il calcio protagonista della lotta al razzismo e non solo: tutto il mondo dello sport è impegnato a combattere una piega sociale che in Italia assume dei connotati preoccupanti. I mondiali antirazzisti, in programma dal 6 al 10 luglio a Castelfranco Emilia (Modena), hanno l’obiettivo di superare le differenze di ogni genere: linguistiche, etniche e […]Read More

Italia e diritti umani, la denuncia di Human Rights Watch: «credibilità dipende da politica interna»

17 Giugno 2011 |

«La credibilità dell’Italia presso il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite dipenderà dalle sue politiche domestiche. Il governo italiano deve realizzare fino in fondo le promesse fatte di rispetto dei diritti umani». A dirlo è Judith Sunderland, ricercatrice senior per l’Europa occidentale dell’associazione Human Rights WatchRead More

Rom e Sinti, tra povertà e pregiudizi (I parte)

8 Aprile 2011 |

L’8 aprile ricorre la Giornata Internazionale della nazione Rom, “Romano Dives”: una data scelta per ricordare il primo congresso internazionale del popolo Rom, tenutosi a Londra l’8 aprile del 1971, che vide nascere la Romani Union, la prima organizzazione internazionale Rom riconosciuta dall’ONU nel 1979. Ma la situazione del popolo Rom in Europa continua a […]Read More

Calcio: il razzismo non conosce confini, stavolta tocca a Roberto Carlos

25 Marzo 2011 |

E Ci risiamo. Il razzismo nel calcio sembra non conoscere crisi e battute d’arresto. Questa volta è toccato al brasiliano Roberto Carlos, in forza alla squadra russa dell’Anzhi di Makhachkala, al quale è stata mostrata una banana mezza sbucciata da parte di un tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Il supporter bianco-azzurro lunedì scorso ha proteso il frutto al difensore, come si vede in una foto pubblicata sul sito russo Sovietski Sport, attraverso un’inferriata degli spalti fra l’ilarità generale degli spettatori presenti.Read More

Berlusconi: “meglio essere appassionati di belle ragazze che gay”

2 Novembre 2010 |

«Meglio essere appassionati di belle ragazze che gay – [silenzio] – quindi, eh eh, credo…[timidi applausi]». La nuova, tremenda, frase del Presidente del Consiglio pronunciata al salone delle moto di Rho è molto più che una delle sue classiche scivolate. E’ un’espressione di rara volgarità che testimonia, invece, uno dei punti forti del Berlusconi-personaggio, ovvero […]Read More