Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 16, 2019

Scroll to top

Top

laurea Archives - Diritto di critica

Se i giovani non credono più nell’università

11 Marzo 2014 |

La laurea ormai vale poco, di certo non è più il titolo di studio che assicura una fulgida carriera lavorativa appena usciti dall’università. Un tempo chi otteneva una corona d’alloro era considerato portatore di una formazione superiore, utile alle aziende e a quanti volessero scommettere su un sapere frutto di studi superiori. Oggi la situazione […]Read More

“Laurea inutile, la vendo”: provocazione o realtà?

4 Febbraio 2013 |

Sembra una spacconata, ma racconta bene l’Italia. Un dottorando in Filosofia, 26anni e cameriere in un locale torinese, mette in vendita la propria laurea su Ebay, perché inutile. Rassegnato? Non sembra, a leggere l’annuncio: ”raggiungerò i miei traguardi senza la laurea, quindi prendetevela”. Non è l’unico. Almeno 6 giovani su 10 (dati del gruppo Sanpellegrino) […]Read More

La lenta agonia dell’Università italiana

1 Febbraio 2013 |

EDITORIALE – I laureati non trovano lavoro. Così diminuiscono le immatricolazioni. Segno del declino del nostro PaeseRead More

L’impietoso elenco dei mestieri che i nostri laureati rifiutano

11 Settembre 2012 |

C’è un’Italia che vorrebbe lavorare ma assolutamente e solo nel campo per cui ha studiato. Salvo poi lamentarsi della disoccupazione. Secondo un recentissimo studio pubblicato dalla Confartigianato nel luglio scorso, infatti, sono migliaia i posti di lavoro liberi e le professioni che lamentano carenze di organico. A fronte di una difficoltà che riguarda un’assunzione su quattro nel […]Read More

L’Editoriale – Giovani e lavoro, il sogno infranto

30 Maggio 2011 |

In Italia ormai trovare un lavoro, soprattutto a tempo indeterminato, sta diventando un’utopia e allo stesso tempo un’ansia angosciante per milioni di ragazzi. I giovani italiani sono continuamente alle prese con contratti che scadono e con annunci di lavoro che tolgono ogni speranza a chi li leggeRead More

Giovani in Italia, tra crisi e “inattività volontaria”

18 Maggio 2011 |

Sempre meno, sempre più scoraggiati  e pure sempre più impigriti: il dato sulla gioventù italiana che emerge dall’ultimo studio del Censis non è certo incoraggiante. Se da un lato infatti i giovani in Italia sarebbero “in via d’estinzione” – in calo del 12,7% negli ultimi 10 anni e dimezzati negli ultimi 20 – dall’altro quelli […]Read More

La professione del futuro? Il servo

16 Febbraio 2011 |

Cuochi, camerieri, uscieri. Ma anche fattorini, giardinieri, badanti e vigilantes. Da qui al 2018 sono questi i lavori che tireranno di più, in America e in Occidente. C’è chi applaude: è la rivincita dei “buoni vecchi lavori manuali”. Invece no. E’ il ritorno del conflitto generazionale: i “vecchi” si tengono stretti i posti di comando […]Read More

Vite migranti – «Noi, straniere laureate, non ci accontentiamo di essere badanti»

2 Febbraio 2011 |

“Così, insegniamo alle immigrate a credere in loro stesse”. Arlen Haideé Aquino, venezuelana, lavora come mediatrice della Provincia di Cagliari ed è presidente dell’associazione Arcoiris, impegnata a supportare le donne immigrate nell’integrazione. Badanti, colf, babysitter: sono gli unici lavori concessi a straniere, spesso laureate ma costrette a ripartire da zero, perché i loro titoli non vengono riconosciuti.Read More

Vite migranti – Naima, «Bibbia e Corano, una ricchezza per la mia famiglia»

31 Gennaio 2011 |

Naima, 43 anni, marocchina, vive a Busachi (Oristano), con la sua famiglia. Lei è musulmana, suo marito e i loro due figli, Omar e Karim, sono cattolici. Ma questo non è certo un problema: “Loro adorano la carne di maiale, ma io non ho mai pensato di assaggiarla. E finalmente Omar ha smesso di chiedermi perché non mangio durante il Ramadam”.Read More

Università, crollano le immatricolazioni. “La laurea non serve più”

27 Gennaio 2011 |

Diploma o laurea? Poco cambia. Il lavoro manca per tutti. Anzi, con una laurea si rischia addirittura di essere esclusi da certi impieghi. Allora meglio smettere di studiare a 19 anni, senza perderne altri 5 o 6, e provare a raggranellare qualche spicciolo da subito. L’Università italiana, la decima al mondo per qualità e la quinta in Europa, ha perso appeal negli ultimi anni.Read More