Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 20, 2019

Scroll to top

Top

mafia Archives - Pagina 9 di 9 - Diritto di critica

Il Belpietro della domenica: “Ciampi parla come Spatuzza”

1 Giugno 2010 |

Non a tutti son piaciute le parole dell’ex capo di Stato Carlo Azelio Ciampi in merito alle stragi mafiose del ’92 e ’93. Uno di questi è il direttore di Libero Maurizio Belpietro che nel suo editoriale domenicale ha attaccato il senatore a vita accusandolo di «sembrare Spatuzza», il mafioso pentito artefice materiale di quelle […]Read More

La domanda scomparsa sulle Stragi di mafia

31 Maggio 2010 |

Italia Paese delle stranezze. Dei silenzi. Delle stragi dimenticate, riscoperte, mai risolte. In questa terra delle mezze verità sembra si stia accendendo una tenue luce, meno di una lampadina vecchio stampo, poco meno che moderna, sulle stragi di mafia. Grazie ai giornalisti. Grazie a magistrati zelanti. Grazie – ma un po’ meno – a politici […]Read More

La fine di Gomorra. Per chi non ha “Fede”

11 Maggio 2010 |

Molti internauti, in particolare su Facebook e su diversi blog, hanno mostrato indignazione per le frasi espresse da Emilio Fede nell’edizione serale del TG4 di domenica scorsa. Sono note le simpatie verso il Presidente del Consiglio da parte del direttore, che, in questo caso, ne ha ricalcato pienamente le orme, prendendo spunto da dichiarazioni rilasciate […]Read More

Governo contro la Mafia. Quella raccontata

16 Aprile 2010 |
http://www.youtube.com/watch?v=6a5aCX628po”>Full

Sicuramente “distratto” dalle pericolose diatribe interne al suo partito, con tutte le perplessità di contorno espresse dal Presidente della Camera a seguito dei risultati delle ultime elezioni, il minimizzante Capo del Governo («sono piccoli problemi») devia le attenzioni su un tema già trattato da lui stesso qualche mese fa. Rapporto Stato-mafia. Sarà un caso, ma […]Read More

Il Governo del dire

23 Marzo 2010 |
http://www.youtube.com/watch?v=lhA_HxYDFKw”>sembra

In un’epoca dominata da Twitter, Facebook, chat e i tanti altri servizi che internet ci offre, ricevere una lettera cartacea fa un certo effetto. L’aprire la busta, con tagliacarte o strappi secchi, l’odorare inevitabilmente il foglio, staccare il francobollo per provare a riciclarlo e così via sono azioni che hanno sempre fatto parte della nostra […]Read More

Dell’Utri lo ammette: «in politica ci son entrato per scappare all’arresto»

10 Febbraio 2010 |

Sul Fatto quotidiano di oggi la giornalista Beatrice Borromeo ha intervistato l’On. Marcello Dell’Utri, fondatore di Forza Italia e condannato in primo grado a 9 anni per mafia. L’intervista ha quasi del surreale e ci si chiede se sia stata realmente rilasciata in maniera libera e non sotto minaccia. Scrivo ciò perchè ironicamente ritengo, sfogliando […]Read More

Il governo s’inchina

6 Febbraio 2010 |

Prima lo scudo fiscale per il rientro dei capitali sporchi e frutto del riciclaggio poi la norma che permette ai clan di ricomprarsi i beni confiscati se non immediatamente assegnati e la sentenza della Cassazione che invia alla Corte d’assise i processi con condanne superiori ai 24 anni ed infine il disegno di legge sui […]Read More

Niente cannoli per Cuffaro: condannato a 7 anni per le talpe alla Dda

23 Gennaio 2010 |

Niente cannoli questa volta. Totò Cuffaro, ex governatore della regione Sicilia, senatore dell’Udc e membro del consiglio di amministrazione della Rai, è stato condannato dalla Corte d’Appello di Palermo a sette anni, nell’ambito del processo sulle talpe alla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano. I giudici hanno riconosciuto dunque l’aggravante del favoreggiamento a Cosa Nostra, […]Read More

Rosarno: se la Chiesa denuncia la mafia e Maroni gli immigrati

8 Gennaio 2010 |

«Il problema dell’immigrazione in Calabria va inquadrato nel grande problema della liberazione dall’oppressione mafiosa». Le parole sono di mons. Pino Demasi, vicario generale della diocesi di Oppido-Palmi che, intervistato da Radio Vaticana sull’episodio di Rosarno, questa mattina ha parlato apertamente di una ‘ndrangheta che opprime e ha denunciato «l’assenza totale del Governo centrale, della Regione e delle amministrazioni locali». Read More

Il “No Berlusconi Day” e la politica dei cittadini

7 Dicembre 2009 |

no b day 001
«Wow, ma è già piena?»
. Inizia così il mio ingresso a bocca spalancata in Piazza San Giovanni sabato scorso, in occasione della manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni del Premier Berlusconi. Partito nella notte di sabato da Bergamo sono arrivato alla stazione di Roma Termini pochi minuti prima dell’inizio del No Berlusconi Day. Presente all’evento anche Emilio Torsello, co-editor del blog Diritto di critica. Il corteo è partito da Piazza della Repubblica e si è poi diretto verso il palco allestito nella piazza più grande di Roma, scenario tradizionale di tanti eventi culturali e politici, come il concerto del 1° maggio e perfino il “Berlusconi day del 2006“. Gli organizzatori speravano di raggiungere almeno i 350 mila presenti, come ci si aspettava dalle adesioni sulla pagina di facebook dove è nata l’idea di questa manifestazione. La partecipazione è stata invece  molto più vasta, ricoprendo ogni centimetro quadrato di Piazza San Giovanni e le vie laterali. La questura ha parlato di 90.000 presenti, mentre le foto e i video in rete parlano di una marea di gente, almeno 10 volte tanto. Nel 2006 la manifestazione organizzata dall’allora Casa della Libertà per far cadere il governo Prodi portò (così dissero gli organizzatori) ben 2 milioni di persone nella stessa piazza. Forti critiche arrivano dai media filo-governativi che, usando i dati della questura, contestano la cifra diffusa dagli organizzatori che parlano di almeno 1 milione di partecipanti al No B Day. Qualcuno ci deve dei chiarimenti. Hanno per caso rimpicciolito piazza San Giovanni e non ce lo hanno detto? Read More