Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 23, 2020

Scroll to top

Top

misurata Archives - Diritto di critica

Gheddafi è morto, finisce il regime libico (video)

20 Ottobre 2011 |

Secondo una prima ricostruzione, un raid Nato avrebbe ferito alle gambe il Colonnello mentre era in fuga, poco prima di essere raggiunto dai ribelli e giustiziato. Intanto gli insorti hanno conquistato la città di Sirte e nel paese è già esplosa la gioia della popolazione. Leggi anche gli approfondimenti e i dossier di Diritto di critica […]Read More

Le trappole della guerra umanitaria. Il caso libico

10 Maggio 2011 |

Qualsiasi intervento militare porta sempre con sé numerose critiche, dividendo costantemente l’opinione pubblica tra sostenitori e contrari. Il problema è che il confine tra legittimità e legalità è difficile da individuare e allo stesso tempo facile da aggirare.Read More

“Bambini violentati a Misurata”, la denuncia di Save the Children

27 Aprile 2011 |

Sono piccoli e in molti casi non riescono più nemmeno a parlare. Hanno anche otto o nove anni e hanno già assistito a scene che un bambino non dovrebbe vedere mai, hanno passato esperienze che segnerebbero l’uomo più temprato. Sono l’altra faccia – quella debole e nascosta, silenziosa, impaurita – della guerra in Libia. Quella […]Read More

L’ultimo rullino, la guerra di Libia uccide i fotoreporter Hetherington e Hondros

22 Aprile 2011 |

L’ultimo scatto l’hanno raccolto a Misurata, in quella città scenario della carneficina libica, dove padroni e ribelli continuano a scontrarsi senza sosta. Fotoreporter per professione, la loro è stata l’estrema fotografia di una vita trascorsa a documentare angoli di mondo dove guerra e libertà diventano due facce della stessa, contraddittoria medaglia. Tim Hetherington e Chris […]Read More

A Londra si discute, a Misurata si muore

28 Marzo 2011 |

Parte per Londra il “gruppo di contatto” della Nato: Frattini-Westerwelle e Sarkozy-Cameron si scontrano sul post-Gheddafi. Il Pentagono rivendica fieramente di aver bombardato più degli altri: 883 raid dal 19 marzo ad oggi, “il 62% del totale”. Intanto a Misurata il massacro prosegue, otto morti e 24 feriti soltanto oggi.Read More

La scheda – L’arsenale bellico di Gheddafi

18 Marzo 2011 |

Da giorni si parla di rischio rappresaglia libica nei confronti dei Paesi del Mediterraneo (Italia in primis), in caso di attacco da parte di una coalizione che agisca su mandato Onu. Molto poco, però, è stato detto sul potenziale bellico del rais. Prima delle rivolte, infatti, secondo i dati in possesso della comunità internazionale, Gheddafi […]Read More

La scheda – Libia: il potenziale bellico della Coalizione

18 Marzo 2011 |

Gheddafi continua a bombardare le città in mano ai ribelli e la coalizione internazionale – su mandato delle Nazioni Unite – si prepara ad intervenire. Dopo aver pubblicato una scheda sul potenziale bellico stimato di cui dispone la Libia, Diritto di Critica fa il punto sulle forze dei Paesi che si sono detti disponibili a […]Read More

Libia: basi militari e caccia italiani a disposizione

18 Marzo 2011 |

Amendola, Gioia del Colle, Sigonella, Aviano, Trapani, Decimomannu e Pantelleria. Sono queste le basi dell’Aeronautica militare messe a disposizione della coalizione internazionale dal ministro della Difesa, Ignazio La Russa, per un’eventuale operazione da lanciare sui cieli della Libia. Pronti a decollare anche i nostri caccia. Il ministro della Difesa ha anche sottolineato che le tecnologie […]Read More

Un testimone da Tripoli: “rubati i cadaveri dagli ospedali”

25 Febbraio 2011 |

Una mail agghiacciante giunge dalla Libia a Diritto di Critica. Ci siamo limitati a tradurla. Ecco il testo: “In Libia e nel nuovo mondo arabo liberato, il venerdì è un giorno di preghiera. A Tripoli si prega per gli scomparsi, fatti sparire dai mercenari e dai miliziani drogati. Oggi a Tripoli, Misratah e Zawiah non […]Read More

«Ci stanno uccidendo con machete e coltelli»: il grido d’aiuto dei profughi africani bloccati in Libia

22 Febbraio 2011 |

«Ci stanno uccidendo con coltelli e machete»: questo l’sms ricevuto ieri da Don Mussie Zerai, presidente dell’Agenzia Habeshia. Una richiesta d’aiuto disperata che svela un retroscena delle rivolte in Libia: la sorte di tutti quei profughi somali, eritrei, etiopi e in generale africani presenti sul territorio libico, molti dei quali respinti a suo tempo dall’Italia […]Read More