Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | April 7, 2020

Scroll to top

Top

nucleare Archives - Pagina 7 di 7 - Diritto di critica

Emergenza nucleare in Giappone, un tecnico spiega cosa sta accadendo

12 Marzo 2011 |

“Sui giornali si sta parlando di emergenza e fusione nucleare con una facilità sconcertante, spesso senza sapere neanche di cosa si parla”. A spiegare a Diritto di Critica cosa stia accadendo nelle centrali atomiche nipponiche è un ingegnere tra i pochi esperti di edifici nucleari in Italia. Non un politico ma un tecnico che si […]Read More

Il Giappone in ginocchio, esplode la gabbia di un reattore a Fukushima – photogallery

12 Marzo 2011 |

Immagini terrificanti, notizie sconcertanti e il pericolo nucleare che cresce ogni minuto. Poche ore fa è crollata la gabbia di contenimento del reattore 1 di Fukushima. Le radiazioni nell’area hanno già raggiungo, in poche ore, i valori normalmente assorbiti in un intero anno. Le autorità sono in massima allerta nonostante i sistemi di sicurezza stiano […]Read More

A chi piace il nuovo decreto rinnovabili?

4 Marzo 2011 |

Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto sulle rinnovabili: salta il tetto di 8 gigawatt, ma si conferma il taglio degli incentivi da giugno. Un’occhiata al mondo imprenditoriale fa capire bene chi ci guadagna: la Confindustria dei big applaude, Rete Imprese Italia (Pmi) lo considera peggio della bozza. Perchè tagliare gli incentivi non aiuta la […]Read More

Prodi, i dubbi atomici e lo «spot subliminale»

29 Gennaio 2011 |
http://www.youtube.com/watch?v=R29l7GkBl64&feature=player_embedded”>httpv://www.youtube.com/watch?v=R29l7GkBl64&feature=player_embedded

Lo spot che imperversa sia in Tv che in rete sul Forum Nucleare continua a destare polemiche. Le domande ancora inevase degli EcoDem, i senatori Pd Francesco Ferrante e Roberto Della Seta in merito a chi pagasse questa pubblicità sono state il primo passo: «La cosa grave è che i 6 milioni stanziati per questa operazione sono in realtà uno dei primi costi che i cittadini e le imprese pagano all’avventura del ritorno al nucleare perché è del tutto evidente che le aziende elettriche scaricheranno tali costi sulle nostre bollette»Read More

Africa, il prolifico traffico di materiale nucleare

13 Gennaio 2011 |

Nucleare sì o nucleare no? Mentre in Italia è ripreso con vigore il dibattito sulla possibile costruzione di centrali atomiche, esiste una realtà sconvolgente e totalmente sconosciuta: l’incontrollato traffico quotidiano di materiale radioattivo nel cuore dell’Africa.Read More

Il Governo del dire

23 Marzo 2010 |
http://www.youtube.com/watch?v=lhA_HxYDFKw”>sembra

In un’epoca dominata da Twitter, Facebook, chat e i tanti altri servizi che internet ci offre, ricevere una lettera cartacea fa un certo effetto. L’aprire la busta, con tagliacarte o strappi secchi, l’odorare inevitabilmente il foglio, staccare il francobollo per provare a riciclarlo e così via sono azioni che hanno sempre fatto parte della nostra […]Read More

Nucleare elettorale

23 Febbraio 2010 |

Raccontavamo pochi mesi fa che la data in cui il governo deciderà i siti in cui sorgeranno le centrali nucleari è fissata per il 10 ottobre 2010. Nel frattempo però visto l’avvicinarsi del voto alle regionali molti candidati, anche del centrodestra si dicono «favorevoli al ritorno del nucleare in Italia, ma non nelle loro regioni», […]Read More

Craxi, il denuclearizzatore

14 Gennaio 2010 |

Giunti all’apice del revisionismo su Craxi, toccato ieri sera dal direttore del TG1 Minzolini nel suo ultimo editoriale, sarebbe ora il momento di parlare di un fatto nella vita politica dell’ex segretario del Psi che inspiegabilmente nessun dei suoi attuali estimatori osa però ricordare con la dovuta forza. Non ci riferiamo alle sentenze accertate come quelle per le tangenti alla Eni-Sae e alla Metropolitana Milanese e neanche al periodo politico ’83 – ’87 quando il Governo Craxi, come ha ricordato anche enfaticamente il deputato leghista Fedrigo «produsse il tasso di disoccupazione più elevato del dopoguerra e contribuì in misura di oltre venti punti percentuali all’aumento del debito pubblico in rapporto al PIL». Read More