Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 8, 2020

Scroll to top

Top

pena di morte Archives - Diritto di critica

La denuncia di Amnesty: ”Esecuzioni mai così alte come nel 2015”

7 Aprile 2016 |

Circa 1.634 persone sono morte del 2015 per mano del boia. A nulla valgono le moratorie internazionali, gli appelli del Pontefice e l’azione di gruppi di pressione affinché la tendenza diminuisca. Anzi. Amnesty International denuncia la “situazione allarmante e profondamente preoccupante” – per voce del Segretario generale Salil Shetty alla CNN – , un trend […]Read More

Tre impiccagioni: il Giappone sfida la comunità internazionale sulla pena di morte

22 Febbraio 2013 |

Chi pensava che il governo guidato dal premier Shinzo Abe potesse invertire rotta, in tema di politiche sulla pena capitale, è rimasto deluso. All’annuncio del ministro della Giustizia giapponese Sadakazu Tanigaki è seguita la protesta della comunità internazionale per una pratica che le associazioni dei diritti umani considerano “barbara” e “antiquata”. Le tre impiccagioni, disposte […]Read More

Stati Uniti, quando la pena di morte è ‘‘nera’’

4 Maggio 2012 |

Il vento della rivoluzione sta iniziando a soffiare nelle aule di giustizia statunitensi, una brezza destinata a scardinare antichi pregiudizi e storiche sentenze. Molti studi hanno dimostrato, negli ultimi decenni, come vi sia una significativa polarizzazione razziale nell’amministrazione della pena di morte. Gli imputati di pelle nera, secondo gli esperti, hanno, tuttora, maggiori probabilità di […]Read More

Anche il Connecticut dice no alla pena di morte

17 Aprile 2012 |

E cinque (ma con riserva): dopo New Jersey, New York, New Mexico e Illinois, anche il Connecticut dice no alla pena di morte. Sale così a cinque il numero di Stati americani che dal 2007 hanno fatto un passo indietro circa la pena capitale. Un risultato al quale le organizzazioni per i diritti umani guardano con […]Read More

In Giappone il boia riprende a lavorare

30 Marzo 2012 |

Quasi due anni senza esecuzioni avevano fatto sperare che anche il Giappone sarebbe stato ben presto inserito nella lista di Stati che hanno abolito ufficialmente la pena capitale dalla loro legislatura. Una speranza che si è rivelata vana: proprio in questi giorni, infatti, nel paese nipponico sono riprese le esecuzioni, con l’impiccagione di tre detenuti […]Read More

Se un tweet può condannare a morte

13 Febbraio 2012 |

«Nel tuo compleanno, dirò che ho amato il ribelle che è in te, che sei sempre stato una fonte di ispirazione per me, e che non amo l’alone di divinità intorno a te. Non pregherò per te». «Nel giorno del tuo compleanno, ti trovo ovunque mi giri. Dirò che ho amato alcuni tuoi aspetti, odiato […]Read More

Gli Usa criticano la giustizia italiana, ma da loro è peggio

17 Ottobre 2011 |

Hanno definito il nostro sistema giuridico “medievale e bizantino”. Dopo il rilascio di Amanda Knox, i giornali americani hanno criticato il sistema giuridico italiano colpevole di aver incarcerato una ragazza innocente. Ma dall’altra parte dell’Oceano è anche peggioRead More

Pena di morte nel mondo, la lunga strada verso l’abolizione

30 Marzo 2011 |

Luci e ombre quelle che emergono dal rapporto Amnesty International 2010 sulla pena di morte nel mondo, diffuso il 28 marzo. Da un lato, il 2010 ha confermato che la pena di morte è ormai  un’eccezione piuttosto che una regola, ma dall’altro c’è un fenomeno che continua ad esistere e, in molti casi, a mietere […]Read More

Anestetico importato. E i prigionieri nel braccio della morte fanno ricorso

7 Febbraio 2011 |

Se l’anestetico per l’iniezione letale non c’è, si importa. Anche se non è legale. E i prigionieri fanno ricorso presso la corte federale. E’ quanto è accaduto negli Stati Uniti, dove sei prigionieri nel braccio della morte hanno contestato la US Food and Drug Administration perché ha permesso ad alcuni stati l’importazione del farmaco dall’Europa a fronte del fatto che le scorte in America si stanno esaurendo.Read More

Cina: il business delle condanne a morte e del traffico d’organi

29 Dicembre 2010 |

Un colpo secco. Il corpo si accascia a terra. Mentre i sanitari si avvicinano, le convulsioni lo scuotono ancora. Pochi istanti e il cadavere viene caricato su un’ambulanza la cui targa è stata preventivamente coperta con nastro adesivo e i vetri oscurati con fogli di giornale. Una busta e un po’ di spago e la […]Read More