Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 13, 2019

Scroll to top

Top

violenze Archives - Diritto di critica

E adesso sui caschi delle Forze dell’ordine si mettano gli identificativi

16 Novembre 2012 |

IL GRAFFIO – Va bene, siamo d’accordo che chi si scaglia contro le forze dell’ordine con i caschi neri, il passamontagna, le spranghe, i picconi e i sanpietrini non è esattamente uno “studente” ma è piuttosto uno spaccatutto fancazzista. Altrimenti noto come black block. Siamo d’accordo che le manifestazioni si fanno in ben altro modo […]Read More

India: avanza il movimento SlutWalk contro la violenza sulle donne

2 Agosto 2011 |

A Nuova Delhi, in India, non è facile per una donna camminare per strada senza essere molestata o importunata. Una prassi divenuta consuetudine negli anni, ma ora scardinata grazie alla ‘SlutWalk Delhi’, versione indiana di una serie di marce di protesta in tutto il mondo, contro la violenza sessuale praticata sulle donne.Read More

Afghanistan, la battaglia delle donne: “In tv per riconquistare i nostri diritti”

13 Luglio 2011 |

Cinema, programmi televisivi, soap opera in cui poter diventare protagoniste e documentare la loro vita. Per la prima volta, le donne afghane si raccontano e combattono per la propria libertà attraverso i mezzi d’informazione. Ma la loro battaglia resta difficile, in un paese in cui i casi di violenza sono in aumento e i diritti […]Read More

Egitto, ancora violenze: il regime di Mubarak non vuol morire

4 Luglio 2011 |

Il governo, rovesciato – in teoria – pochi mesi fa. Al potere restano gli stessi uomini, le stesse violenze: la polizia risponde alle proteste con proiettili di gomma, gli abusi vengono giustificati ufficialmente e la giustizia rinvia i processi “purificatori” contro gli aguzzini del servizio segreto. Ma il popolo egiziano non si arrende, vuole ancora […]Read More

Sri Lanka, il Presidente attacca l’Onu: “Danneggia l’immagine del Paese”

28 Aprile 2011 |

Il Presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapakse, protesta contro il rapporto dell’Onu, non ancora pubblicato, che denuncia i crimini di guerra che sarebbero stati commessi dal governo cingalese nell’ultima fase della guerra civile.Read More

La rivoluzione sulla strada di Damasco: è la volta della Siria

5 Aprile 2011 |

Mentre gli occhi del mondo sono puntati sulla Libia, la rivoluzione araba continua, raggiungendo un’altra fase molto delicata per il Medio Oriente. La nuova protagonista è la Siria. Il delicato equilibrio di questa regione, che è stato già scosso più volte negli ultimi mesi, è nuovamente messo in pericolo dalle proteste del poolo siriano intenzionato a mettere fine al regime oppressivo della famiglia Asad.Read More

Rivolte anche in Siria. Molti morti negli scontri

28 Marzo 2011 |

Le forze di sicurezza del governo siriano stanno reagendo con le armi alle proteste che si sono estese in tutta la Siria contro il regime della famiglia Assad, che governa il paese da quarant’anni. Secondo Amnesty International, i morti dell’ultima settimana sarebbero 55 soltanto a Daraa, circa 150 in tutto il paese. E cominciano ad […]Read More

Lo tsunami delle proteste investe l’Oman

8 Marzo 2011 |

L’onda delle proteste che sta scuotendo il mondo arabo è arrivata anche nell’estrema punta orientale della penisola arabica, in Oman. Il sultano Qaboos è amato dagli anziani ma non dai giovani. Che scendono in piazza: «lavoro e democrazia». Per ora, però, nessuna nuova rivoluzione all’orizzonteRead More

L’esercito dei baby-soldati, mandati a morire a 14 anni

2 Marzo 2011 |

Ragazzini tra i quattordici e i diciassette anni, sotto effetto di stupefacenti per far sì che non pensino alle atrocità che stanno commettendo: le  testimonianze dirette dalla Libia hanno parlato anche di bambini tra i mercenari africani al soldo del regime di Gheddafi. Parole che riportano alla mente un dramma per niente nuovo, già sentito […]Read More

I “Perché” della rivolta libica. E perché l’Occidente non interviene

22 Febbraio 2011 |

Le rivolte nel mondo arabo sono iniziate in paesi che versano in situazioni economiche disperate. Perché ora si stanno estendendo anche a Paesi più ricchi come il Bahrein e la Libia? La ricchezza del Paese di Gheddafi è superiore a quella della Turchia, della Romania o del Brasile. La Libia è due volte più ricca della Tunisia. Come spiegare allora quello che sta accadendo?Read More