Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 31, 2021

Scroll to top

Top

Il ministro Sacconi e il conflitto di interessi sull'influenza "suina" - Diritto di critica

Il ministro Sacconi e il conflitto di interessi sull’influenza “suina”

«Caro Berlusconi, chiedi cosa fa la moglie di Sacconi»;  era il titolo di editoriale uscito il 30 gennaio scorso. Il giornalista faceva notare al premier un enorme conflitto di interessi  presente nel suo attuale esecutivo: «Si dà infatti il caso che Sacconi sia coniugato con una donna talmente in gamba (Enrica Giorgetti n.d.r.) da essere stata assunta alla direzione generale di Farmindustria. Anche chi non ha dimestichezza con certi affari comprende che siamo di fronte a un gigantesco conflitto di interessi; il responsabile del dicastero (sia pure tramite il sottosegretario Fazio) controlla la Salute pubblica, e sua moglie è al vertice non di un’azienda di elettrodomestici  ma bensì di un colosso farmaceutico che, come dice la parola stessa, si occupa di farmaci».

Si potrebbe pensare alla solita stampa “di sinistra” o comunque schierata,  che tenta di far emergere uno dei tanti problemi dell’attuale governo, ma purtroppo in questo caso non è cosi. L’editoriale uscì sul quotidinoLibero“, scritto del suo direttore ,  Vittorio Feltri. Il giornalista,  sicuramente una delle  penne meno “bolsceviche” della stampa nostrana, sembrò  prevedere quello che sarebbe successo pochi mesi dopo. Infatti,  il 22 luglio scorso il Ministro Sacconi ha annunciato un piano di vaccinazioni gratuite in merito alla probabile diffusione del virus dell’ A/H1N1 (conosciuto erroneamente come influenza suina) anche nel nostro paese:

«Si sta considerando di vaccinare contro la nuova influenza anche la fascia di popolazione pari a 15,4 milioni di soggetti tra i 2 e i 27 anni, da gennaio 2010. Un ciclo vaccinale è costituito da due dosi di vaccino e, pertanto, verranno acquisite 48 mln di dosi di vaccino pandemico».

L’acquisto di 48 milioni di vaccini sarà una spesa non indifferente per le già malandate casse dello stato e addirittura probabilmente inutile, come ci spiega il farmacologo Silvio Garattini:

«Se il virus A/H1N1 della nuova influenza non muterà, acquisendo dunque una maggiore virulenza rispetto allo stato attuale, la vaccinazione di massa annunciata dal governo italiano e da quelli di molti altri paesi non è necessaria».

Garattini vede con perplessità questa “corsa al vaccino” e senza mezze parole  spiega che «c’é, certamente, una grande pressione da parte delle industrie, che da tale corsa trarranno molte risorse economiche». Il direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano invita anche a riportare l’attenzione sulle altre tragedie sanitarie in atto come l’Aids e la malaria, ultimamente sovrastate mediaticamente dalla A/H1N1.

Il farmacologo continua spiegando che questo virus ha una virulenza mite e che  il pericolo  é  per quelle persone  che vengono dalle zone colpite. Aggiunge in oltre che i farmaci antivirali utilizzabili avrebbero un basso impatto sul totale decorre della malattia,  creando  invece   il  problema degli effetti collaterali dati dal farmaco, al punto di definire la sua assunzine  «non un grande affare». Se il piano di vaccinazione invece verrà predisposto, come annunciato , potrebbe diventare realmente un grande affare, ma sicuramente non così reale per cittadini quanto per la moglie di Sacconi e le aziende della Farmindustria.

Comments

  1. Insomma, qualunque aspetto della vita dei cittadini, ora anche la salute, è una “giostra” dove i soliti noti cercano di lucrarci brutalmente senza pudore. Solo in Italia…

  2. Ade

    Purtroppo no, non solo in Italia…

    • Dopo i recenti scandali io mi sento in un paese del 3° mondo… al livello dell’Honduras.

      • Sarà un caso che il presidente golpista dello Honduras sia bergamasco? :)

        • Io son bergamasco ma non faccio colpi di stato nei weekend :)

    • vvvvvvv

      Diego, perche´ prima degli scandali recenti era un´italietta diversa?

  3. V3N0M

    sono riusciti a far diventare una comunissima influenza come una piaga d’egitto,il tutto a favore dei colossi farmaceutici mondiali..in ogni caso basta non farsi vaccinare.
    mi ricordo anche l’aviaria,con morti stimati in 16-17 milioni di unità carbonio.un consiglio da amico:comprate solo medicine non pubblicizzate -che comunque contengono il principio attivo utile allo scopo-e soprattutto prendete medicinali SOLO se ne avete strettamente bisogno.

    p.s.
    per il mal di testa non servono aspirina,novalgina,moment etc, serve solo stressarsi meno..:-)

    • Ho letto che questa “pandemia” di fatto ha causato un numero di vittime inferiore alle percentuali che di solito si verificano per le influenze normali. Onestamente però questa paura diffusa rende molto confusi. Mi auguro che non stiano giocando con la paura della gente.

    • Condivido, Venom.

  4. Velvet

    A parte il merito del discorso, su cui sono d’accordo: mi spiegate come fate a stabilire, e su quali basi scientifiche che quella che viene chiamata ” pandemia” e che ha anche procurato un discreto numero di morti ( come ogni influenza che si rispetti, ma qui agiamo su grandi numeri ) sia innocua e non necessiti di vaccini?
    Come mai avrebbe una diffusione così veloce e come pensate di fermarne il contagio? Con gli anticorpi naturali del nostro corpo ?

    • Noi non siamo medici e pertanto non spetta a noi fare considerazione sulla pericolosità di un virus e delle conseguenze di questa pandemia. Al massimo possiamo aver un’opinione, arricchita dalle testimonianze di contatti che dall’estero parlano di una situazione “non così allarmante”. Ciò che premeva sottolineare Simone, l’autore dell’articolo, è il noto “gioco della politica” che porta “stranamente” introiti e favori di persone legate in qualche modo a figure istituzionali. Guarda caso la moglie del ministro della salute è a capo di un’azienda farmaceutica, che produrrà milioni di vaccini e incasserà utili da capogiro. Lo scopo di simone è stato semplicemente quello di portare alla luce una “casualità” che dovrebbe far riflettere. Aggiungici che i media italiani sono di proprietà del leader proprio di questo governo… e fai 2+2.
      Io di ciò che dicono in TV non mi fido più. Lei?

  5. Ringrazio Diego per aver risposto alla perfezione, e vorrei aggiungere un altra cosa. Anche ieri si è parlato di alcuni morti a causa di questo virus, e non vorrei che quancuno,leggendo questo articolo, pensasse di fregarsene totalmente. Sicuramente un pericolo c’è, come ha spiegato il farmacologo, ma per ora nei livelli di guardia, come qualsiasi influenza. “Non è tutto falso quello che ci dicono” come dice Grillo, ma bisogna andare cauti con allarmismi, e sicuramente ,come gia stanno capendo in altri paesi, informarsi sugli enormi guadagni delle industrie famaceutiche.

  6. Sono un giornalista medico-scientifico e non un medico, e questo è quello che ho capito della vicenda. Non ho letto l’articolo di Libero e non ho nessun legame/parentela con la Giorgetti, e poi sono di sinistra. Sono inoltre convinto che le aziende farmaceutiche mirino soprattutto al profitto e a volte fanno e hanno fatto cose non proprio pulite. Detto questo, farmindustria NON è un’azienda farmaceutica, la è la “confindustria” delle aziende farmaceutiche. Poi la Giorgetti potrebbe favorire un’azienda o un’altra, ma la farmindustria le rappresenta tutte. Per quanto riguarda la A/H1N1 per ora mi pare di avere capito che preoccupa ma non è ancora l’influenza che farà strage (tipo la spagnola a inizio 900). Potrebbe però mutare e allora sarebbero guai seri. Incrociamo le dita e vediamo che succede quest’inverno, ma se ci fosse il vaccino in autunno io mio figlio per precauzione lo vaccinerei…

    • Ciò che scandalizza le persone è un virus che si chiama “mala politica”. In Italia, destra o sinistra (una parte) che sia, i cittadini trovano infiniti riscontri tra interessi extraparlamentari che fanno rabbrividire.

    • Daniel

      Giusto vaccini suo figlio un po, di mercurio,alluminio e formaldeide non fa male a nessuno, :lol: lei è un vero padre di famiglia che non navica sul web. :oops: E quindi non conosce gli altri infiniti mondi.
      Buon vaccino. :lol:

  7. Stefano

    Farmindustria è un’associazione di imprese e non un “colosso farmaceutico” (andate a vedere lo statuto su http://www.farmindustria.it).
    Chi intasca cosa, allora?

    • “La nomina di Sacconi a ministro della salute è stata criticata all’estero dalla rivista Nature come un possibile conflitto di interessi, dato che questa è avvenuta mentre la moglie del neoministro ricopriva la carica di direttore di Farmindustria, l’associazione che promuove gli interessi delle industrie farmaceutiche.” (Wikipedia)

      Il ministro può influenzare l’economia di tutte le aziende del settore sanitario semplicemente dando direttive in merito.

      Te li immagini a cena la sera?
      a) “Caro, non è che ci compri un 30 milioni di vaccini a quell’azienda lì che mi sta tanto simpatica?”
      b) “Certo amore”.

      E’ il solito magna magna all’italiana. In America han fatto processi alle farmaindustrie per milioni di dollari. Qua tutti zitti come pecore.

    • L’abbiamo scritto sopra. Quel link è tra i primi ad essere stati visualizzati. E’ una questione di interessi Stefano. La moglie di Sacconi ricopre un ruolo che può essere decisivo per l’assegnazione della produzione del vaccino alle aziende.

    • Art.1 E’ costituita, tra le aziende dell’industria farmaceutica operanti in Italia, la Farmindustria, Associazione delle imprese del farmaco, organizzazione di categoria e di settore.
      L’Associazione è apartitica e non ha fini di lucro.
      L’Associazione aderisce alla Confindustria e ne adotta il logo e gli altri segni distintivi assumendo così il ruolo di componente nazionale di categoria del sistema di rappresentanza dell’industria italiana, quale definito dallo Statuto della Confederazione stessa.
      In dipendenza di ciò essa acquisisce i diritti e gli obblighi conseguenti per sé e per i propri soci.
      L’Associazione ha sede legale in Roma e Uffici in Roma e Milano.
      La Giunta può costituire altri Uffici o rappresentanze in altre località, anche all’estero, nonché organismi per lo studio di particolari problemi del settore, o, per l’attuazione di servizi, oppure convenzionarsi con organizzazioni aventi tali finalità.

      Interessi primari
      Art.2 La Farmindustria rappresenta tutte le aziende che si occupano di farmaci.
      La Farmindustria attribuisce al farmaco valore centrale e primario della propria attività.
      Devono considerarsi interessi primari lo sviluppo scientifico e industriale dei farmaci ed i valori etici ad essi connessi.

      Principi fondamentali
      Art.3 La Farmindustria tutela i legittimi interessi delle associate.
      Riconosce il valore della persona e della solidarietà nei confronti della società civile, della comunità scientifica, del mondo del lavoro e di quello della salute nel suo complesso.
      Persegue lo sviluppo del settore, affrontandone i problemi scientifici, etici ed economici. Promuove il valore del farmaco da un punto di vista terapeutico, industriale, economico e sociale.
      Considera l’evoluzione del sapere scientifico come risorsa fondamentale per tutti gli operatori impegnati nel mondo dell’industria e della salute con la finalità di concorrere a migliorare l’assistenza dei malati nell’ambito della prevenzione, cura e riabilitazione.
      Promuove, nel quadro dei principi dell’Unione Europea, politiche di settore che favoriscano la crescita e la competitività dell’industria all’interno dei dettami della Costituzione della Repubblica e delle leggi che la regolano.
      L’Associazione si propone, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, con particolare riguardo a quella disposta a tutela del mercato e della concorrenza:

      a) la promozione della ricerca scientifica nel campo farmaceutico ad ogni livello;

      b) la promozione, il rafforzamento e la tutela legislativa, nel settore farmaceutico, della ricerca scientifica e delle tecnologie correlate alla nuova economia;

      c) il completamento di un mercato basato sui principi della libera concorrenza e del pieno riconoscimento della funzione economica dell’istituto brevettuale per lo sviluppo della ricerca, tramite, in particolare, l’attivazione di adeguate politiche dei prezzi e il riconoscimento del valore dell’innovazione;

      d) il reciproco rispetto della proprietà industriale nonché il pieno riconoscimento dello sviluppo della sua protezione quale fattore fondamentale per la crescita della ricerca scientifica;

      e) l’orientamento degli associati al generale rispetto delle norme di deontologia e alla piena osservanza dei doveri loro imposti dall’etica professionale e dalle leggi;

      f) la collaborazione con le Autorità competenti per lo studio, la formazione e le modalità di attuazione delle norme di interesse del settore, allo scopo di contribuire al costante miglioramento della produzione, all’efficiente controllo dei medicamenti e al riconoscimento normativo dei comportamenti etici vitali del settore;

      g) la stipula di contratti o accordi con altre categorie, sia imprenditoriali che professionali o con organismi dei lavoratori o comunque interessati ai problemi del settore farmaceutico.
      Tali accordi o contratti avranno per oggetto la regolamentazione dei rapporti di lavoro e dei rapporti intercategoriali al fine di conseguire la certezza dei diritti e dei doveri delle imprese nel rispetto dei principi della competizione e della corretta concorrenza, con particolare riferimento alle disposizioni normative della legge n. 287/1990 e successive modifiche ed integrazioni.

      L’Associazione persegue le finalità e assolve alle funzioni sopra descritte nel rispetto delle disposizioni confederali in materia di ripartizione dei ruoli e delle prestazioni fra le componenti del sistema.

      Ferma restando l’assenza di fini di lucro, per raggiungere le finalità di cui sopra, l’Associazione può dare vita, partecipare o contribuire a fondazioni, a istituzioni specializzate o alla promozione di attività ausiliarie.

      La Farmindustria adotta il Codice Etico confederale e la carta dei valori associativi, ispirando ad essi i suoi comportamenti organizzativi.

      Cosi uno può leggerselo e farsi un’idea. :-) io la mia me la sono gia fatta scrivendo l’articolo.

  8. Lorenzo

    Signori svegliamoci… che il mondo gira solo per un’unico scopo… il DENARO.
    C’è gente che fa attentati, corrompre e rovescia governi minori solo per i suoi sporchi giochi.. ed è tranquillamente al governo.

    Ora ci stiamo domandando se questa “nuova” influenza sia davvero pericolosa o no?
    Ma signori le malattie si combattono e si prevengono con l’alimentazione corretta e un apporto corretto e costante di vitamine.. non con la merda dell’industria farmaceutica.
    Il sistema immunitario del nostro corpo esiste proprio x questo.

    Malattie come il Cancro e i Tumori sono già stati sconfitti anni fa… eppure ci fanno credere ancora oggi che sono mali incurabile e ci vogliono le “loro” costosissime Chemio-Terapie… ma guarda un pò.. per non parlare della Bufala Mondiale targata “AIDS”.

    • La tua considerazione è condivisibile.

      • Patrizio Tassone

        condivisibile su cosa? ma via, basta parlare di complotti ad ogni angolo della strada. I tumori sono stati sconfitti, e i potenti – bada caso – si curano come tutti gli altri idioti con la stessa chemioterapia e si ammalano degli stessi mali?

        usate l’intelligenza, invece di sparare tutte ste frottole, ovviamente mai sostenute da un fatto che sia uno.

        Secondo voi se ci fossero le cure, gente come Berlusconi, Kennedy, gli Agnelli, si sarebbero curati come fanno tutti?
        l’AIDS poi una bufala mondiale, ma io mi dico se la distribuzione dei cervelli ha funzionato a dovere, sono offese per i veri malati.

        • Nessuno è depositario della verità assoluta, e in tempi in cui i politici sono anche gli stessi che controllano l’informazione, questa frase assume maggiormente valore.

          In ogni caso la invito a portar rispetto per i commenti e le opinioni altrui. Grazie

          • Patrizio Tassone

            Mi dispiace, ma si può commentare che 2+2 fa 5, ma se uno dice che è vero e uno che è falso i due non stanno sullo stesso piano.

            Non basta dire genericamente “ci sono esperti che dicono” quando sono due o tre contro 15.000. Poiché parlare è semplice, servono citare fonti, e il peso dei commenti è dato dal valore della fonte, dell’autorevolezza della stessa. Altrimenti sono solo chiacchere, e servono solo a distruggere quella poca informazione di interesse che c’è, come l’articolo in questione.

            Ma sostenere che ci sono le cure per malattie come i tumori, e dovrebbero essere in mano a non si sa bene chi, quando chi ha il POTERE MUORE come tutti gli altri, beh, o si è idioti o si prende per idioti gli altri.

            • Ho espresso il mio parere sull’affermazione di Lorenzo, condividendo la parte sull’alimentazione corretta e gli anticorpi. Avrei dovuto specificare meglio che una parte del reply era da rispettare, ma non era direttamente il mio pensiero.

              In ogni caso, non sono così ingenuo da pensare che i miliardari e potenti della terra si curino come me, cioè con le ricette del medico di base.

              • Patrizio Tassone

                OK, la prima parte del post di Lorenzo è sacrosanta, ma attenzione a fare della contro-informazione fine a se stessa, personalmente ne ho le scatole piene dei libri sull’11 settembre e sul complotto mondiale, ora sarebbe il colmo iniziare con i complotti medici – per quanto ci siano casi reali che però non sono universali.

                Si rispettano le espressioni che non abusano della stupidità degli altri: quelle insostenibili si contestano con forza, specialmente quelle senza alcun fondamento scientifico e contro ogni logica: uno degli Agnelli è morto di tumore, andandosi pure a curare in America. Berlusconi è stato malato di tumore alla prostata e si è curato all’istittuto dei tumori di Milano,
                Steve Jobs è stato curato di tumore al pancreas come tutti gli altri.
                Ted Kennedy, solo per citare l’ultimo, è morto di tumore al cervello…

                Se questa gente sapesse – visto il loro ENORME potere – di una cura, comprerebbero domani una società farmaceutica ALMENO per curare loro stessi e i loro cari.

                Così non è, segno evidente che l’idea che la cura esista ed è nel cassetto per far fare più soldi ai soci di una società non regge neppure un istante.

                Senza considerare che fare queste considerazioni – ed è la cosa che mi fa imbufalire – è veramente irrispettoso per chi è veramente malato.

                • Ho seguito con attenzione alcune battaglie legali negli USA condotte da cittadini contro le case farmaceutiche. La nefandezza di questo ambiente, in quanto fonte di lucro, è tutt’altro che un’ipotesi infondata o contro-informazione. Sono carte alla mano.

                  Ho vissuto direttamente la perdita di parenti per patologie connesse a quelle sopracitate. Ciò che posso dire è che, come persona intelligente, mi baso sui fatti per esprimere una mia opinione. Ciò però, alla luce degli eventi politici italiani, non mi impedisce di far supposizioni o dubitare della serietà di chi governa un ministero, come quello della salute.

                  L’articolo di Simone non dice “non vaccinatevi”, dice “ecco chi ci guadagna sulla nostra salute”. E’ ben diverso.

                  • Patrizio Tassone

                    Il sistema USA fa acqua da tutte le parti, almeno per la sanità.
                    E l’articolo iniziale è molto interessante, ma io non ho mai fatto riferimento a quello, e non ha caso ho fatto reply al post di Lorenzo, dove avevi già risposto confermandone – di fatto – il messaggio, dove si indicava come esistenti cure per tumori e si metteva in discussione l’aids.

                    Non mi pare che la maggioranza degli studiosi in tutto il mondo sia d’accordo con questa tesi, anzi, lo è una sparuta minoranza che si conta sulle dita di una mano di un falegname distratto.

                    Detto questo – se non si era capito – niente da dire dell’articolo iniziale, ma solo di certi commenti troppo indirizzati verso un complotto dei cosiddetti “potenti”, e verso una denigrare a casaccio di pratiche mediche.

                    • Ok, ti riconosco la ragione sul punto del “complotto”. Io stesso posso essere o meno di quell’avviso ma senza prove posso solo esternare la mia sfiducia o i miei dubbi :)

  9. V3N0M

    @velvet
    in italia ogni anno crepano circa 9000 persone per l’influenza e in europa un numero variabile fra 50 mila e 200 mila.non vedo cosa potrebbe aggiungere di cosi sconvolgente a questi dati l’H1N1..
    la diffusione veloce dipende dal fatto che il gene del virus è nuovo e non abbiamo gli anticorpi.io personalmente conto di essere infettato, in modo da sviluppare un mio sistema di protezione e non se ne parla più…come per tutte le altre influenze bisogna stare attenti agli anziani e ai bambini,in questi casi può essere utile l’eventuale vaccinazione,ma anche li bisognerebbe informarsi bene: vaccinazione non è sinonimo di sicurezza e gli esseri umani non hanno molto idea di come e perchè funziona il sistema immunitario anche se amano fare i dottoroni stile “i geni li ho inventati io e mò li metto sotto copyright”.

    comunque mi rendo conto di vivere in un mondo portato al catastrofismo:ogni virus nuovo viene venduto come potenziale sterminatore della razza umana,se la temperatura della terra si alza di mezzo grado abbiamo 7 anni di vita,ogni giorno che fa caldo al tg dicono “caldo record,mai temperature cosi alte da 7000 anni” quando 10 anni fa era lo stesso se non peggio…se piove 2 giorni “precipitazioni record dagli anni ’30” quando il mese prima di giorni piovosi ce ne sono stati magari 4 ,ogni meteorite sembra abbia sempre qualche possibilità orbitale extra per schiantarsi sulla terra,se fanno un test atomico “siamo sull’orlo della guerra nucleare”.
    vorrei rassicurare i terrestri che,purtroppo,nei prossimi anni non accadrà nulla..attendiamo con ansia la prossima era glaciale.

    • “vorrei rassicurare i terrestri che,purtroppo,nei prossimi anni non accadrà nulla..attendiamo con ansia la prossima era glaciale.”

      Eheheh, direi che salvo eccezioni non hai tutti i torti (speriamo).

  10. mau

    non è che ci voleva tanto a capirlo che era tutta una montatura per vendere qualche farmaco scaduto… non vi ricordate dell’aviaria?? chissa’ quel pollo bulgaro se poi è guarito!

    • Non ricordo polli bulgari, ma ho recepito il messaggio :)

  11. Lolly

    Auspichiamo che questa influenza non colpisca noi o i nostri cari, magari prendendo di mira chi è più debole o più esposto a contrarre questa influenza definita da molti ma non da tutti “banale”.
    Se venissimo in contatto con questa malattia credo che non avremmo il tempo di fare delle congetture su poitica e affari e correremo in capo al mondo per procurarci anche a prezzo impossibile, il vaccino.
    Non facciamo moralismi sulla salute specie quando, come in questo e in tanti altri casi tutto è da chiarire. E la pillola RU non sarebbe un affare d’oro per l’industria ?

    • Ogni cosa che può essere monetizzabile crea degli interessi economici. Lo squallore è quando la salute umana è diventata un business. Oramai si vendono farmaci ovunque, per ogni patologia possibile, solo per l’esigenza di “vendere”.
      Gli scandali dei gruppi farmaceutici esistono da decenni, solamente che sono poco pubblicizzati in questo paese. La vicenda riportata da Simone, che per altro è un richiamo ad un articolo già pubblicato, non fa altro che mettere in evidenza anche interessi politici.

      Io stesso sono preoccupato per questa influenza, dato che dovrei andare a Parigi in questo periodo. La speranza è sicuramente quella di restar fuori da questa problematica.

    • Lolly

      La Signroa Giorgettia alis moglie di Sacconi ha un ruolo di altissimo livello nell’associazione delle industrie farnaceutiche, ma non è titolare di akcuna aziendae che producono il vaccino o altro medicinale. Tanto per essere precisi.
      Gli interessi li fanno tutti e la visione romantica ed ottocentesca delle aziende che non fanno profitti ( e come fanno poi ricerca?) è demagogica, irreale e vecchia come il cucco.
      Bisogna imparare a leggere con serietà i titoli e gli articoli dei giornali, anche di quelli meno seri.
      Ma non scherziamo sulla pandemia per favore. Potrebbe essere peggiore di quello che sembra

      .

      Mi

  12. V3N0M

    i colossi farmaceutici sono molto più subdoli di quello che si possa anche solo lontanamente immaginare…basta vedere come sono stati modificati i limiti della “sanità” fisica di una persona: per esempio i livelli di colesterolo considerati normali negli anni ’80 erano di 280mg/dl, oggi sono di 200mg/dl e sembra che debbano essere ulteriormente abbassati.se uno fa una ricerca può notare come TUTTI questi limiti siano stati abbassati considerevolmente e come siano state invece permesse sostanze -che troviamo anche negli alimenti comuni- in grado di farci ammalare più o meno gravemente.
    lo scopo di queste persone non è eliminare le malattie,ma eliminare i sintomi mantenendo vive e vegete le malattie che li provocano,magari cercando nel contempo di crearne delle nuove.

  13. Claudio Bertuzzi

    l’ennesimo conflitto d’interessi di questo governo!!!

  14. marta

    Sinceramente penso che qualcuno ci vi stia un po’ prendendo in giro,io mi trovo in nuova zelanda per diversi mesi e qui l ‘influenza suina è molto diffusa,ma non è l unica..diversi miei conoscienti l’ hanno presa e son semplicemente stati a casa sotto qualche antivirale o antibiotico,i dottori(poichè attualmente mi trovo anche io ammalata)nn fanno altro che prelevare la tua saliva e darti qualche farmaco più preciso se si tratta di quella suina!…inoltre mi han detto che puo’ essere seriamente grave solo per coloro che soffrono di gravi problemi respiratori(asma ecc,.)parlare di pandemia mi sembra un po’ azzardato!ma come sempre viviamo o no italia?Tutto è possibile,non mi trovò però affatto d’ accordo con “Lorenzo”scusa per quale motivo aids sarebbè una bufala?

  15. poperusco

    …io infatti non mi farò vaccinare. Alla faccia dis acconi, della “signora” giorgetti e di tutti sti maiali che si arricchiscono sulle nostre spalle con mille scuse !! :evil:

    • Il problema non è la vaccinazione in se, che potrebbe essere anche utile. é chi si prodiga per fartela fare e il modo. Esamina tutte le soluzioni e poi vedi. è sempre un’influenza.Non rischiare

      • Lorenzo

        Si è sempre un’influenza… come quella del 2008 che ha provocato solo in Italia circa 9000 morti… Parliamoci chiaro signori.. se un’individuo è sano, sta bene e conduce un’alimentazione completa non credo che muoia per un’influenza… Inoltre il vaccino è previsto per una ristretta fascia d’età… gli anziani sembrerebbero immuni perchè già in passato l’hanno passata un’influenza simile.. (chissà xchè?)
        Inoltre porgo alla vostra attenzione questo sito che parla di più morti causate dal VACCINO che non dal virus stesso!!!

        http://www.funerali.org/?p=2511

        Infine aggiungerei… Ma se io al momento della vaccinazione mi voglio far firmare dal medico che la esegue una dichiarazione in egli stesso si assume le proprie responsabilità di eventuali effetti collaterali del vaccino o cmq dannosi, me la firmerebbe secondo voi??? ahahahhah

        • Caro Lorenzo..probabilemte diciamo la stessa cosa. Era quello che intendevo. Bisogna valutare ogni possibilità a seconda di ogni individuo. A presto.
          Per il resto hai ragione, sia per il medico, che per i vaccini con effetti “indesiderati” gravi.

        • Patrizio Tassone

          Lorenzo,
          il tuo medico valuta i pro e i contro, ma se pensi che si voglia rovinare la vita per star dietro ai tuoi deliri, forse hai capito male, non fa l’assicuratore di professione, e la vita è la tua.
          Il tuo atteggiamento è quello di quei pedoni che si buttano a capofitto sulle strisce pedonali senza guardare, perché hai il codice della strada dalla tua parte: peccato che quando sei sotto ad una macchina, è il tuo dolore che senti, ed è la tua vita a rischio.

          Ci sono casi in cui il rischio del vaccino è assolutamente ingiustificato. Ci sono altri casi in cui il vaccino è il male minore, in quando una eventuale influenza darebbe esiti nefasti.

          Immagino che tu sia un dottore e tu sappia queste cose: ma ho come l’impressione che tu e la medicina siate ortogonali.

          • Lorenzo può non essere un esperto in materia, ma esprime perplessità e dubbi che possono avere tutti e possono essere condivisibili o meno.
            Non avevo letto il commento nidificato altrimenti avrei risposto prima, dato che ho la “fortuna” di avere una mamma infermiera.

            In ogni caso, dall’ironia forzata di questo tuo commento, alle battute un pò aspre di poc’anzi, temo che tu sia un pò troppo “agguerrito”.
            Se sei ben informato sui fatti, e vuoi condividerli, un approccio più pacato e più tranquillo aiuterebbe nella comprensione degli aspetti che metti in evidenza. Grazie, buona giornata

            • Patrizio Tassone

              Diego, uno delle cose stupende del giornalismo collaborativo è poter esprimere dubbi e commenti, ma GUAI a spacciare propri convincimenti senza metterci davanti un disclaimer che quelle sono TUE IDEE non supportate da alcuna valenza medica.
              Diverso è il caso se, di quell’argomento, io sono un esperto, e quando offro un consiglio è a ragion veduta.

              Dire NO al vaccino, a prescindere, è inculcare in chi legge – pensando di avere dall’altra parte un esperto – un concetto sbagliato. Non si fanno 6 anni di medicina + anni specializzazione + altri anni di tirocinio per poi farsi sbeffeggiare da gente che la medicina non sa neppure dove sta di casa, e ha la sola FORTUNA di stare bene di salute e di non averne bisogno.

              Secoli fa si moriva per una carie ai denti, anche se l’alimentazione era piena di vitamine e sali minerali, proteine, carboidrati.
              Oggi una carie non fa più paura, ma per favore, ognuno stia al proprio posto e parli di quello che sa, per rispetto di chi, di quelle medicine, ha bisogno per vivere.

              • √εŋσм

                ci sono pediatri,neuropsichiatri,medici di base e medici specializzati che hanno lasciato morire una rgazzina di 11 anni perchè dopo mesi e mesi di sintomi non le hanno nemmeno prescritto una TAC mentre la madre aveva capito subito che serviva (non ci voleva un genio). se sei un pirla non ti bastano 4 lauree a coprire le tue vergogne.
                non fatevi vaccinare..meglio il “rischio” dell’influenza che quello del vaccino (soprattutto a lungo termine). poi ognuno può fare quello che vuole…

                • Patrizio Tassone

                  il penale è personale, come pure l’ignoranza.
                  Il vaccino è un rischio, sempre, come è un rischio montare le scale antincendio perché chi le monta, quelle scale, potrebbe pure cadere e morire.
                  Venom, sei un medico? Hai basi scientifiche sul quale basare quanto dici? Oppure è la tua opionine basata sul quel poco che hai letto in giro, e pure di contrastante?

                  Ovvio che ognuno farà quello che vuole, ma di solito ci si consiglia con un medico di fiducia, che si spera competente.

                  Da qua a declassare tutti i medici ci manca e ci corre, ed è proprio la teoria del “tutti uguali nessun colpevole” che fa tanto piacere a questo governo, per cambiare tutto e non cambiare niente.

                  • Patrizio, le critiche che tu hai sollevato sono l’opinione di alcuni lettori, non del blog e dei suoi autori. Sono sostanzialmente d’accordo sul fatto che bisogna informarsi parlando con un esperto, e non su “internet” o per sentito dire. La medicina non si può imparare per caso.

                    • Patrizio Tassone

                      @Diego, mai pensato di criticare il sito o gli autori, tra l’altro l’impostazione mi piace e pure la linea edioriale.
                      Per inciso ognuno può e deve esprimere le opinioni, vorrei solo maggiore attenzione nei post in modo che sia evidente a chi legge cosa è “documentato” e “scientificamente valido e riconosciuto” e cosa è una pura opinione.

                      Solo questo, se si è capito diversamente me ne scuso: ho visto troppi casi di gente che sta male che, se dovesse leggere di pseudo-cure esistenti, di complotti o di strade alternative, cercherebbe disperatamente di sapere di più, attaccandosi alla speranza e finendo spesso in mani sbagliate di santoni o pseudo-medici, come l’ubriaco si attacca al lampione per non cadere.

  16. @ Patrizio: io ho controllo solo sugli articoli, non sui commenti. Farei censura se impedissi ad una persona di dire ciò che pensa, anche sbagliando. E comunque penso che, qualora una persona si ritenga intelligente, leggendo un blog da più importanza all’articolo proposto piuttosto che ai commenti – opinioni – dei lettori. Sono io, in quanto autore, che devo preoccuparmi dell’inverso.

    • Patrizio Tassone

      @Diego, sicuramente. Ma infatti, se leggi il mio primo post, è stato “attivato” dalla tua risposta a Lorenzo, lui evidenziava la possibilità di un “complotto”, e tu hai dato il benestare all’idea dicendo che era condivisibile.

      Da un lettore ci si può aspettare anche un commento aspro, cattivo, di parte, ma se un coordinatore si esprime avallando un post si genera caos tra i lettori, e quella opinione diventa l’opinione di “tutti” nel blog.

      Tutto qua :-)

      buon lavoro e continuate così, siete giovani ma state facendo un ottimo lavoro.

      • Purtroppo avolte sono in ufficio (non mi mantengo con il blog) e la curiosità di leggere i commenti, unita alla cortesia di rispondere, mi induce a leggere troppo velocemente. Presto molta più cura nel documentarmi per gli articoli. Apprezzo la critica comunque, è il luogo adatto questo! :roll:

      • Lorenzo

        Caro Patrizio io mica ho sparato a zero su tutti o su qualcuno… ho semplicemente aperto lo scenario a possibilità del tutto plausibili. Per quanto riguarda il citare le fonti… bè siamo tutti dotati di cervello e chiunque può fare semplici ricerche su Google. Io se dico certe cose è perchè mi sono documentato ed informato, ma non da 1 sola fonte.. ma ho cercato il più possibile facendomi una mia idea e traendone delle possibili conclusioni.

        Del resto per chi ha memoria e chi invece giovane come me deve documentarsi, sa benissimo che già nel recente passato si è speculato sulle vaccinazioni e sono morte delle persone a causa loro. Si sa dei vaccini mortali somministrati ai militari o degli orrori accaduti nei paesi in via di sviluppo a causa dei vaccini gratuiti che sterilizzavano di fatto le donne! O le sterilizzazzioni di massa adoperate in varie parti del mondo da parte degli USA.. Queste non sono parole al vento ma fatti realmente accaduti e moralmente inaccettabili.. e guardi bene che questi eventi non sono di secoli fa.. sono eventi che ci riguardano. Oltretutto ci sono programmi mondiali di sterilizzazzione di massa che sono attivi… ovviamente la gente comune non deve saperlo. Basta cercare su Google la parole “Eugenetica”…

        Si legga solo questo documento e veda da chi è stato redato… è stato declassificato negli anni ’90.. per rendersi conto che le persone che ci governano pensano a noi come numeri non come vite umane.

        http://www.scribd.com/doc/13490420/National-Security-Study-Memorandum-200-Italiano

        http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=1243

        buona lettura.

  17. Luisss

    Per Lorenzo. Ti sbagli… il mondo non gira solo “per denaro”. Il “denaro” è un tramite con il quale si ha POTERE. Ed è il POTERE quello che fà girare il mondo.

    • Lorenzo

      Giustissimo Luisss.. appunto il mondo gira attorno al denaro.. tramite il quale si arriva al potere. ;)

  18. √εŋσм

    ma tu caro patrizio tassone sei un medico?sei un coordinatore?perchè non scansioni la laurea e tutti i certificati e ce li invii?hai almeno 2 master?fai il ricercatore e se si dove?
    odio le persone che si fidano dei ruoli.seguendo questa logica dovrei fidarmi anche del presidente del consiglio perchè lui è laureato ed è il presidente (votato da trilioni di persone)e io sono un povero pirla al suo cospetto.o no?

    • Patrizio Tassone

      Caro Venom, si critica indipendente dalla laurea o dal titolo.

      Ma, e qua serve solo un po’ di attenzione, non affermo di conoscere verità assolute o ricette magiche e non induco a pensare che io abbia la soluzione. Io non svelo complotti senza prove, e non induco a pensare che tutti siano ugualmente incompetenti.

      Quando sei malato, IO cercherò di fidarmi del mio medico, e non del mio panettiere. Se tu vorrai fidarti del panettiere, fai pure. IO dal panettiere ci vado a prendere le focacce calde, che non andrei a comprare dal medico perché potrebbe farle peggio del panettiere.

      Vediamo se gli esempi terra terra aiutano la comprensione.

      • √εŋσм

        beh,allora vai dal medico e non pretendere di trovare le risposte che vorresti in un blog dove nessuno è medico, veicolando la tua opinione come se fosse assoluta:) se non ti piace l’idea del complotto o non so che altro non pretendere che il “coordinatore” la pensi allo stesso modo.

      • Lorenzo

        Caro Patrizio come mai non hai confutato più la mia tesi? Eppure sono passati ben 3 mesi dal mio commento.. ci vuole così tanto per documentarsi un pochino?

        Ahh giusto.. io e la medicina cosa siamo? Siamo ortogonali giusto? ahahhahah
        Cmq spero tu ti sia vaccinato.. almeno hai dato un senso ai tuoi commenti.
        Già che ci stai se devi proprio rispondermi datti una letta anche al Codex Alimentaruis e vedi cosè.
        BUONE FESTE e tanti auguri che ne hai bisogno.

        • Patrizio

          avevi una tesi?mi chiedi se mi sono vaccinato? non hai capito proprio niente allora… e forse è il caso che tu ti rilegga i post, perché mi sa che ti sono sfuggiti assai.

          • Lorenzo

            Lei ha solo fatto esempi, ha fatto notare agli altri che se chi commenta non dimostra di possedere le basi scientifiche o ricopre un ruolo adeguato nella società non può essere ascoltato.
            Parla di IDEE non supportate da alcuna valenza medica… Ed è proprio qui l’errore a mio avviso.
            La medicina odierna su cosa è fondata scusi? Le ricerche chi le finanzia scusi? Non sono forse le CASE FARMACEUTICHE? I fondi a chi vanno scusi? Le CASE FARMACEUTICHE cosa sono scusi?
            Crede che se un giorno uno ricercatore scopre una cura a base di erbe comunissime che curi mali gravi con i quali oggi le CASE FARMACEUTICHE guadagnano miliardi di dollari l’anno, possa venire preso in considerazione da tali MULTINAZIONALI?
            Crede che tale cura possa avere le adeguate sperimentazioni e le successive approvazioni dal “mondo scientifico” per divenire CURE CERTIFICATE e non essere bollata per CURA ALTERNATIVA ???

            Questa era la mia tesi Sign. Patrizio.. Ho capito benissimo che è daccordo sulla prima parte della mia tesi, ma vede la sua tesi che molte persone importanti si siano curate con i metodi odierni è ininfluente.. Il vero POTERE è ben oltre le persone importanti di cui ha parlato lei.. una sola CASA FARMACEUTICA o una BANCA CENTRALE non sa che potere hanno difronte ad un BERLUSCONI o un semplice OBAMA. Sono solo burattini in mano ai poteri forti.. è questo che non riesce a recepire il popolo.
            Tempo fa si moriva per una stupida carie? Si è vero… MA OGGI SI MUORE PER BEN MOLTE PIU’ COSE…
            TANTI SALUTI E BUON ANNO!

            • Patrizio

              Lorenzo, non hai ancora capito, mi pare tu sia duro.
              Nessuno ha detto che il vaccino non sia un business. Nessuno ha detto che le case farmaceutiche non siano lì a lucrarci, è il loro business.

              Da qua a sostenere che sia tutto un imbroglio, che il vaccino non funziona senza portare mezza documentazione scientifica, con chiacchere da bar, è dannoso, inutile e, personalmente, pure stupido.

              C’è sempre la tesi del complotto, dal duomo nel capo a berlusconi alla tragedia delle due torri: un proverbio dice che chi ha in mano un martello pensa che tutto sia un chiodo. Chi è complottista dentro, vede complotti ad ogni angolo della strada.

              La sua tesi è una non tesi: è una accozzaglia di idee strampalate messe lì che si adattano ai casi vari, a seconda di come gira il vento.
              E’ stato sufficiente lo schifo fatto dietro alla cura anticancro di di bella: cazzate, e non è stata bollata subito come una cazzata proprio per gente come te, che vedono complotti.

              Se ci fosse una cura, verrebbe fuori, nessuno ha il potere di nasconderla: non è la formula magica che nasce in sogno, servono tante persone a lavorare, e ognuna di queste dovrebbe stare zitta.
              Per un complottista è normale: per gente che cura i malati come missione no.

              La differenza tra le due visioni è tutta qua, e purtroppo non mi pare tu possa comprenderla, sei troppo impegnato a cercare complotti sotto al tappeto.

              Buone feste.

              • Lorenzo

                La mia accozzaglia di idee strampalate sono supportate dalle DENUNCIE IN FRANCIA CONTRO IL VACCINO dell’influenza Suina, dalla denuncia di un MINISTRO POLACCO contro il suddetto vaccino, dai casi di morte procurata sempre da codesto vaccino.

                COME HO RIPETUTO PIU’ VOLTE, PER FORTUNA ESISTE GOOGLE, FARE RICERCHE E’ SEMPLICISSIMO quindi è semplice trovare o meno riscontri alle teorie.

                Cura DI BELLA una cazzata?? Chi lo disse scusi?? L’ordine degli Oncologi Italiani guidati da quel mafioso di Veronesi?? ahahhahah
                Si informi sulla sperimentazione DI BELLA attuata dall’allora ministro Rosy Bindi per poter validare la cura..
                Esiste un rapporto del Nucleo anti-sofisticazione dei Carabinieri firmato dai marescialli Ciro Spiniello e Antonio Barrasso, che disse che 1048 pazienti assunsero “un farmaco potenzialmente imperfetto e non più possedente le caratteristiche terapeutiche iniziali.. quindi la sperimentazione fu INQUINATA. inoltre le dosi furono volutamente sbagliate…Ovviamente tutto fu messo a tacere e uno scienziato del calibro di DI BELLA messo al bando.

                Complimenti sign. Patrizio, se la sua informazione è di così elevato spessore non oso neanche nominarle il Dott. NACCI per carità.. neanche capirebbe di chi parlo.

                Cmq è come dice lei sicuramente non si preoccupi.. Io sono solo un complottista che si documenta e cerca di capire la realtà, lei è solo uno che deve giudicare e puntare il dito.. proprio come fanno gli Italioti Berlusconiani che vedono comunisti dappertutto, anche oggi che il comunismo non esiste neanche più in Cina. La telelobotizzazione può creare questo e molto altro ancora.. BUONA FORTUNA.

                • Patrizio

                  Prima di documentarti, ripassa un po’ l’ortografia.

                  Poi pienati la bocca di chiacchere: come ho già detto, non si studiano 9 anni di medicina perché basta google per imparare 4 minchiate.

                  Ma purtroppo il problema della democrazia è che gente che non ne sa niente può parlare a vanvera, e gente che legge non si pone il problema di verificare le fonti.

                  Addirittura Di Bella sarebbe un ostaggio del complotto: wow… non sono riusciti a trovare 1 caso di 1 paziente guarito, neppure prima della sperimentazione pubblica.

                  Ah e ovviamente Di Bella era lontano anni luce dall’essere un oncologo.

                  un po’ come quelli della fusione fredda: erano fisici? no chimici.

                  Avanti così, la scienza accetta di tutto: peccato che poi chi ha ragione emerge. E chi no sta muto in un angolo, e viene osannato solo dai cretinari complottisti.

                  Basta mi hai proprio stancato, anche la pazienza ha un limite.

                  • Patrizio

                    Prima di documentarti, ripassa un po’ l’ortografia.

                    Poi pienati la bocca di chiacchere: come ho già detto, non si studiano 9 anni di medicina perché basta google per imparare 4 minchiate.

                    Ma purtroppo il problema della democrazia è che gente che non ne sa niente può parlare a vanvera, e gente che legge non si pone il problema di verificare le fonti.

                    Addirittura Di Bella sarebbe un ostaggio del complotto: wow… non sono riusciti a trovare 1 caso di 1 paziente guarito, neppure prima della sperimentazione pubblica.

                    Ah e ovviamente Di Bella era lontano anni luce dall’essere un oncologo.

                    un po’ come quelli della fusione fredda: erano fisici? no chimici.

                    Avanti così, la scienza accetta di tutto: peccato che poi chi ha ragione emerge. E chi no sta muto in un angolo, e viene osannato solo dai cretinari complottisti.

                    Basta mi hai proprio stancato, anche la pazienza ha un limite.

                    che poi nelle singole ricerche ci siano intuizioni o qualcosa di positivo e accettabile è un discorso, ma che si spacci la singola terapia come “risolutoria” e quando non funziona si dà la colpa al complotto, beh, è tutto da vedere.
                    Ci sono medici in Cina che fanno trapianto di cellule staminali per curare N malattie, e c’è pieno di gente che blatera che funzionano… senza test, senza sperimentazione, solo con la pubblicità e il passaparola, al pari dei santoni che abbondano anche qua in italia.

                    la scienza è una cosa diversa.

                    • Lorenzo

                      L’ortografia incorretta o corretta è derivata dal fatto che scrivo veloce e non perdo tempo a rileggere.. non appelliamoci a queste cose inutili si rischia di tornare bambini..
                      Come sempre non si è documentato purtroppo.. perda almeno 5 min. del suo tempo per documentarsi prima di appellarsi solo all’ortografia altrui la prego.

                      DI BELLA l’ho chiamato SCIENZIATO appunto perchè lo era.. non ho parlato ne di oncologo ne di medico, legga con attenzione per favore.
                      Non ho detto che chi studia 9 anni di medicina possa essere surclassato da chi legge 4 cose su google. Lo sta dicendo lei però e non ne comprendo il motivo.

                      Si sbaglia grossolanamente nei dire: “peccato che poi chi ha ragione emerge.”
                      Emerge chi ha l’appoggio del potere e chi ha un’idea remunerativa. La ragione se non è economicamente remunerativa non emerge mai può esserne certo.

                      Non ho mai spacciato la “cura DI BELLA” per cura risolutoria.. lo sta affermando lei però, e non ne comprendo anche qui il motivo.

                      Per ritornare alla ragione che emerge sempre.. anche Nikola Tesla aveva ragione sulla radio, sull’elettricità gratuita per tutti, sulla corrente alternata, sul WI-FI.. è morto povero sign. Patrizio.
                      Lo scienziato più importante dello scorso secolo è morto da straccione e sa perchè??
                      Non glie lo dico.. tanto lei dall’alto della sua conoscenza saprà sicuramente il perchè. SALUTI

  19. A me non piace essere paranoico ma quest’articolo della Amurri mi ricorda qualcosa….e può solo farmi piacere…comunque :D
    http://antefatto.ilcannocchiale.it/post/2325064.html