Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | July 26, 2021

Scroll to top

Top

Anche al Senato gli stage saranno gratuiti - Diritto di critica

Anche al Senato gli stage saranno gratuiti

C’è la crisi. Sì ai tagli. Ma al Senato, dove i parlamentari non hanno minimamente intenzione di dimezzarsi lo stipendio, a rimetterci sembra sia l’ultima ruota del carro: gli stagisti. Infatti, secondo fonti interne, sembra che per il 2012 i tirocini saranno gratuiti.

E pensare che gli stage del 2011 erano comunque retribuiti 250 euro lordi al mese per i tirocinanti residenti a Roma e provincia e 420 per i non residenti. Poca roba ma meglio di nulla. Secondo fonti del Senato, “dal 2012 i giovani neolaureati non prenderanno nulla”. Solo voci di corridoio; il bando per il prossimo anno ancora non è uscito, ma la notizia sembra praticamente certa.

Matteo (nome di fantasia), uno stagista che a breve concluderà il tirocinio, è preoccupato per il suo futuro: “Gli altri anni dopo lo stage, di solito, l’amministrazione del Senato offriva un contratto biennale da consulente. Quest’anno non se ne parla proprio”. Insomma, stage gratis per i nuovi arrivati, mentre i vecchi possono tranquillamente tornare a casa. Infatti, prosegue Matteo, “mancano i fondi”. O meglio, “visto che i fondi sono pochi, tagliamo quelli che a noi interessano meno…tanto qualcuno che farà il tirocinio gratis lo troviamo lo stesso. Siamo pur sempre al Senato”, si sarebbe così confidato un impiegato dell’ufficio risorse umane con un altro stagista.

Così, in attesa della conferma attraverso il nuovo bando che uscirà nei prossimi giorni, il Senato sembra voler imitare il Ministero degli Esteri: i giovani lavoratori non vengono pagati. In fondo, come avrebbe detto senza vergogna l’impiegato delle risorse umane, qualcuno pronto a lavorare senza retribuzione si trova. Con la speranza di far crescere il proprio curriculum o di ottenere una qualche futura collaborazione retribuita. Illusioni, niente di più. Come è un’illusione che dal Parlamento venga la soluzione al precariato giovanile. Se proprio ministeri e camere sono i primi utilizzatori di manodopera gratuita, come possono vietare, come è recentemente avvenuto in Gran Bretagna, i tirocini gratuiti?