Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 16, 2021

Scroll to top

Top

Yara Gambirasio, Meredith Kercher, Chiara Poggi: che fine hanno fatto le indagini? - Diritto di critica

Yara Gambirasio, Meredith Kercher, Chiara Poggi: che fine hanno fatto le indagini?

Un noto avvocato penalista novantenne un giorno mi disse: “l’Italia è il Paese in cui chi è colpevole spesso viene scagionato e chi è innocente finisce in carcere”. Commentava l’ennesima – clamorosa -assoluzione. L’Italia – aggiunsi in quell’occasione – è anche il Paese delle inchieste frettolose, preoccupate di salvare la reputazione davanti alle telecamere. E’ il Paese dei tanti – troppi – casi irrisolti.

L’assassinio di Yara Gambirasio, di Meredith Kercher, di Chiara Poggi, di Sara Scazzi, solo per citare alcune morti che ancora invocano giustizia e lasciar fuori le stragi degli anni Settanta e Ottanta che in molti casi non hanno colpevoli né mandanti, l’elenco sarebbe troppo lungo. Per non parlare delle sentenze che fanno discutere, in alcuni casi poco limpide e affatto incerte. La prossima probabile assoluzione, ad esempio, potrebbe essere quella per l’omicidio di via Poma: a parte la chiacchiera da bar, è evidente che a carico di Busco gli indizi sono pochi e inconsistenti.

Dopo l’ennesimo omicidio senza colpevole – l’assoluzione di Alberto Stasi – uno dei “casi mediatici” più famosi degli ultimi anni, dunque, ci si aspetterebbe un cenno, una dichiarazione da parte dell’associazione nazionale magistrati o da chi per lei. E invece tutto tace. E per prima resta senza voce quell’oggettività necessaria e fondamentale con cui si dovrebbe guardare alla Giustizia. Complice certa retorica berlusconiana, ci si divide ormai in fazioni per andare contro i magistrati o – all’opposto – per santificarli, nell’incapacità politica di comprenderne gli errori e le mancanze che pure ci sono. Grazie a provvedimenti come le intercettazioni, il processo breve, quello lungo, e tutta la serie di leggi ad personam tentate e a vario titolo approvate, l’opinione pubblica è stata divisa in tifoserie: o con me o con Mammona. Proprio la Giustizia – intesa come complesso organico di forze dell’ordine e magistratura – andrebbe invece costretta a guardarsi allo specchio, senza sconti né scuse, e a riformarsi in modo serio.

Al governo Monti questa missione, da attuare con lo stesso rigore e concretezza con cui si è guardato alla manovra. Ne va del futuro dell’Italia.

Comments

  1. Penny Ford

    E’ una vergogna che Amanda Knox e Sollicito vogliano “fare soldi” della morte di Meredith Kercher. Tutti dovrebbe boicottare i libri per solidarità verso la famiglia della povera ragazza ammazzata.
    PAF

  2. Vittorio

    I casi irrisolti di di Yara Gambirasio, Chiara Poggi, Sara Scazzi, hanno talmente colpito la sensibilità dell’opinione pubblica, che hanno dato la sensazione di continui insuccessi delle forze dell’ordine. Non dimentichiamo però che oltre  questi casi irrisolti ce ne  tanti altri brillantemente risolti dalle forze dell’ordine, di cui si è anche parlato in TV come, ad esempio, la strage di Erba, l’assassinio del piccolo Tommaso, l’arresto di Erica e Omar; sono recentissimi gli arresti nel napoletano degli assassini del giovane veterinario appartatosi con la sua ragazza e dell’ assassino della vecchietta uccisa nella sua abitazione; per non parlare dei numerosi casi di violenza carnale dove i responsabili, spesso stranieri,  sono stati arrestati anche  una volta fuggiti all’estero. Non dimentichiamo gli arresti dei brigatisti che tutt’oggi sono in galera, parlo della Lioce e via dicendo. Dimostrare che una persona è responsabile di un omicidio non è facile. A mio avviso le forze dell’ordine si comportano fin troppo bene.