Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | May 14, 2021

Scroll to top

Top

Il nuovo inno del Pdl è un plagio degli Articolo31? J-Ax: "denuncio Berlusconi" - Diritto di critica

Il nuovo inno del Pdl è un plagio degli Articolo31? J-Ax: “denuncio Berlusconi”

di Francesco Formisano

Il nuovo inno del Pdl è un plagio? Ancora deve essere intonato per la prima volta ed è già sotto una tempesta di polemiche. La canzone – che un Berlusconi raggiante ha fatto ascoltare ai vertici del partito – infatti, somiglia molto a un noto brano degli articolo 31, ovvero “Gente che spera” tratto dall’album Domani smetto del 2002.

“Noi siamo il popolo della libertà, gente che spera, che lotta e che crede nel sogno della libertà” recita il ritornello del nuovo inno del partito più numeroso in Parlamento, oppure ancora “gente che non si arrende e non si arrenderà”, “che resisterà” e sono tante altre ancora le analogie con la canzone dei rapper milanesi. Ed è stato proprio J-ax, in nottata, a lanciare le prime accuse di plagio dal suo profilo twitter dopo che sempre un utente del social network “cinguettante” l’ha avvisato del presunto plagio: “J-Ax @jaxofficial: Domani denuncio Berlusconi.Buonanotte.Incredibile ca**o”, scatenando le proteste sia dei fan degli articolo 31 che degli altri internauti.

A quel punto è partita una caccia alla battuta e insulti verso l’ex premier, accusato come minimo di mancanza assoluta di creatività e fantasia, per non parlare di altri tweet che sottolineavano l’aspetto ridicolo dell’intera vicenda. Nonostante le proteste, però, dagli ambienti del Pdl non è giunta alcuna nota di smentita né giustificazione; un silenzio che avvalora ancor di più le tesi su un possibile – seppur minimo – copia e incolla. A breve, infine, è atteso un comunicato dello stesso J-Ax sulla questione, mentre la parola J.ax è diventata un trend topic su twitter e, purtroppo per l’artista, non per meriti prettamente artistici.

Argomenti