Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | June 19, 2021

Scroll to top

Top

Siamo il Paese dei Grillo e dei Celentano - Diritto di critica

Siamo il Paese dei Grillo e dei Celentano

Ormai ci siamo ridotti a loro, ai Beppe Grillo e agli Adriano Celentano. Entrambi con una caratteristica in comune: si dilettano nel dire la loro – quasi fossero verità rivelate – e si atteggiano a capipopolo di un’Italia senza timone. Si resta imbambolati davanti alla televisione a sentire comici e cantanti che sparano a zero su tutto (in alcuni casi profumatamente pagati con soldi pubblici), salvo quasi mai indicare una soluzione concreta alla distruzione che resterebbe se quanto dicono venisse messo in atto.

Grillo, ad esempio, negli ultimi giorni è quotidianamente sulle agenzie con frasi che ribadiscono la “morte dei partiti”, infelici cadute di stile sulla mafia, attacchi ai media. Lui, che da sempre rifiuta il confronto a favore dei monologhi e dei comizi.

A sottolineare come il fulcro del problema non siano Grillo, Celentano e quanti parlano alla pancia degli italiani è stato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: “Per uscire dalla crisi – ha detto – bisogna recuperare la fiducia in noi stessi e recuperare la fiducia degli altri. Compito del governo e delle varie formazioni politiche, in questa fase politica così complicata e fuori dagli schemi, provare le vie di rigenerazione della politica di cui abbiamo assolutamente bisogno”.

In questo Paese immobile, infatti, non solo siamo passati da De Gasperi, Moro e Berlinguer a Grillo e Celentano, ma continuano ancora e nonostante tutto ad esercitare il più antico vizio italico: la pigrizia, quella tendenza a delegare ad altri l’impegno, salvo poi astenersi dal votare e lamentarsi di tutto ciò che non funziona. Ma dalla sedia di casa. Magari ascoltando il Grillo di turno che tanto piace a chi vuole sentirsi dire che tutta la politica fa schifo – come dire che tutti i siciliani sono mafiosi. E’ una manipolazione – o il Celentano in salsa Sanremese che con tranquillità – alla faccia del pluralismo e della democrazia – invoca la chiusura di questo o quel giornale (“rei” di avergli pestato i piedi qualche giorno prima).

Quello che manca agli italiani è la capacità di impegnarsi nel concreto per cambiare le cose. E invece no: “la politica fa schifo quindi non mi candido, non voto, non cerco di riformare il sistema con l’apporto di idee e contenuti di cui sono capace”. Sono scuse, giustificazioni prive di senso, pretesti per restare immobili e delegare ad altri. Quello che serve è tornare ad essere cittadini consapevoli, mettendo da parte la lamentazione facile e il dito puntato, alla prima occasione. Altrimenti ci meritiamo Grillo, Celentano e le loro lezioni di disfattismo.

Twitter @emilioftorsello

Comments

  1. caro emilio datti all’ippica abbandona la politica

  2. Cercoquelloonesto

    Non accetto lezioni di vita da uno che ha contribuito a creare una falsa opinione pubblica.
    Sono anni che Grillo avverte del DEFAULT dei paesi dell’euro, quando gli altri dicevano che andava tutto bene…
    L’Italia è 75° nella libertà di stampa che ha contribuito a disinformare il cittadino fino a renderlo solamente passivo.
    Il vento sta cambiando e alle prossime elezioni il MOVIMENTO 5 STELLE(formato da cittadini incensurati,rifiuto rimborsi elettorali,solo 2 mandati,ecc.)farà il BOTTO anticipando quello che succederà alle prossime politiche.
    Togliendovi i finanziamenti editoriali,daremo un pò di respiro agli italiani imbrigliati dalla stampa partitocratica che tiene in vita questi zombie 75enni della malapolitica italiana.

  3. Luca Salvatore

    No questo articolo non fa assolutamente luce sulla questione.
    La verità è che ci siamo ridotti da almeno 30 anni a gente come berlusconi, gasparri, d’alema, craxy, andreotti, … Questa è la vera realtà!
    Grillo è il megafono di un movimento fatto da cittadini dove CHIUNQUE a patto di essere incensurato e non inscritto ad alcun partito può partecipare, proporre, discutere e votare le sue idee in forma aperta, condivisibile e democratica. Ha sicuramente sfruttato la sua popolarità per pubblicizzare tale movimento e per fotuna che almeno lui lo ha fatto mettendoci la faccia.
    Quindi sarebbe giusto dire che ora ci siamo ridotti a riportare il potere nelle mani del popolo poichè coloro che abbiamo delegato per anni si sono rivelati solo dei Ladri e dei Buffoni!
    Riguardo la frase: salvo quasi mai indicare una soluzione concreta alla distruzione che resterebbe se quanto dicono venisse messo in atto.
    La “distruzione” è già in essere. Questo paese è morto e sta solo aspettando di tirare le quoia se continua così. Il tessuto economico e sociale è ormai degradato se non scomparso!!! Se prima con una crescita nella norma avremmo potuto sperare di ripagare il debito in 10 anni. Oggi non ce la faremo nemmeno in 100. E infatti i banchieri tecnici che ora ci governano cominciano a capirlo solo ora che senza la crescita i vari pareggi di bilancio non verranno mai raggiunti se non estirpando le ricchezze accumulate negli anni dai vari cittadini, sopratutto quei pochi che detengono la maggior ricchezza.
    Il fatto è che nemmeno una nuova crescita esasperata ci riporterà fuori dalla crisi. Poichè questo tipo di ideologia ci sta portando all’autodistruzione. Abbiamo raggiunto il benessere, ora dobbiamo semplicemente mantenerlo e migliorarlo ove possibile senza dimenticare quei settori ormai snobbati perchè poco redditizi o perchè facenti parte di un mondo che si pensa non debba esistere più: agricoltura, cura del territorio, …
    Il quanto dicono è un programma scritto e in continua evoluzione. Se lei Emilio pensa di avere idee migliori si iscriva al movimento e metta in campo le sue grandiose idee. O si aspetta che le tirino fuori personaggi tipo bersani Alfano e Casini?
    E non si venga a dire che è l’evasione che ci ha portato alla crisi nera poichè in almeno trenta anni i suddetti personaggi e loro amici non hanno mai fatto nulla per contrastarla a livello morale, legislativo ed esecutivo.
    Non faccia cadute lei di stile sulle parole decontestualizzate sulla mafia urlate da Grillo. Chiunque capisce che sono parole di provocazione. E poi vogliamo andare sulle cifre? Quanti morti  sta facendo la mafia negli ultimi due anni? Quanti Equitalia nello stesso periodo di tempo per la disperazione che incute nelle persone. Almeno la prima è un organismo completamente fuorilegge che va contro lo stato e quindi contro i cittadini. Ed Equitalia che agisce completamente all’interno della legge a chi va incontro? Allo stato? ma lo stato non sono i cittadini?

    Luca Salvatore

  4. virginia invernizzi

    abbasso Grillo

  5. Questo Emilio Torsello è soltanto uno dei tanti cadaveri che continuano a scrivere stronzate a destra e a manca. Ce ne fossero di Grillo e di Celentano… bisognerebbe clonarli.

    • Deberlusconizzato

      Beh già siamo passati al CLown milionario che avrebbe buttato al cesso i “politici politicanti” e un minorato mentale leghista che agitando il cappio in parlamento voleva sbattere in galera tutti i politici del “magna magna” romano. Che differenza c’è con il nuovo Clown, il Grillo dei grulli?

      Poca o nessuna,si cavalca la mediocre plebe italica propensa alla coglionaggine.
      Il programma… le proposte…. grillo aveva visto…. grillo aveva detto… e aveva fatto. La litania degli analfabeti della protesta, si fanno dettare le cazzate e ci credono ma non aprono ne un giornale ne il proprio cervello. Avanti così, verso il basso, da Berlusconi a Grillo.

      • Barbabietola

        L’elettorato è quello: che si scelga Berlusconi, Bossi o Grillo l’elettorato resta sempre semplliciotto e facilmente impressionabile alla demagogia, al populismo e alle parole grosse. Povera italietta alla costante ricerca di ducetti..

  6. Raffaele Santangelo

    ma dannazione quelli sono uomini di spettacolo ! E’ di tutto rispetto che loro non si buttino in politica, come hanno fatto altri, ognuno al suo posto ! con le loro competenze ! Io voglio vedere alle elezioni gente con laurea in scienze politiche possibilmente. Grillo e Celentano, come tanti, sono ben consapevoli della merda che ci tirano i politici e i media servitori. 

    • Giulio

      Beh…hai anche ragione: sono uomini di spettacolo, ed in assoluto e’ condivisibile la frase “ad ognuno le sue competenze”.
      Ma…ogni frase deve essere posta in un contesto.

      Intanto ci sono gia’ (e ci sono stati) “uomini di spettacolo” in parlamento: Barbareschi, Cicciolina e Moana…quindi non vedo la differenza, se non il fatto che ne Grillo ne Celentano andranno mai in parlamento ma persone (per lo piu giovani) che la pensano come loro.
      Poi prendi Reagan in america, pure lui era un attore ! ma per la sua parte politica, e’ considerato tuttora il presidente piu cazzuto che abbiano mai avuto(a prescindere dai suoi risultati, che non sono in grado e non voglio commentare), mentre chi gli e’ succeduto (Bush, Clinton) ha fatto figure di M…. piu o meno come il Berlusca qui da noi.

      Ma soprattutto, anche Grillo e Celentano sono cittadini italiani, e per quanto non ci piaccia la loro opinione hanno il diritto(garantito dalla costituzione) di dire la loro e la possibilita’( garantito dalla loro popolarita’) di dire la loro.

  7. Gustavo

    Almeno loro ci mettono la faccia, tu metti una e-maile ”  Twitter @emilioftorsello ” che non vuol dire nulla,c’è bisogno di qualcuno che si proponga per cambiare, dicci come cambiare questa società proponi le tue idee, dicci quello che vorresti sia utile per noi tutti a parità di giustizia di politica sociale, di essere veramente vicino alle persone, c’è bisogno di un lider allora proponiti mettiti in gioco e son sicuro che sarai preso in considerazione forza ‘ EMILIO’ mettiti in gioco come loro, molti sono in attesa di una persona  nuova che si propone in una nuova politica, spiega i tuoi ideali le proposte di come cambiare questa ITALIA gestita da questi politici, dai se hai le P…… fatti avanti

  8. Ferraroangelo

    ….caro Torsello tutti abbiamo idee e opinioni diverse ed e’ giusto cosi…..ma personalmente quando leggo pensieri o commenti di persone che la pensano come te….davvero ci resto male…..e’
    assurdo e irreale in piu aggiungerei molto preoccupante il fatto che continuate costantemente a vedere cose che non esistono…..
    Ma veramente pensate che noi,il popolino italiano,siamo cosi deficienti????
    Voi non fate altro che insultarci con la presunzione fi sapere per certo quello che e’ giusto o sbagliato.
    Praticamente ci state bollando come dementi e ti posso garantire che gli italiani anche se non sono quelli attivi di una volta,anche se siamo su un unica terra ma con culture e usanze diverse sappiamo bene la differenza tra un disonesto e un onesto!!!!
    Come sappiamo molto bene che Grillo e tutti gli altri sono comici che esprimono idee e pensieri che uno puo condividere o no….Grillo non obbliga nessuno ad andare a vederlo lui fa ….spettacolo…..dicendo comunque cose vere oltre che a battute….. Quindi se come dite voi lui e semplicemente un comico perche non fate altro che attaccarlo???? Se dicesse solo stronzate e se nessuno degli interessati a la coscienza sporca,di cosa vi dovete tanto preoccupare??? Io la penserei esattamente come voi se Grillo fosse qui in Australia a fare quei comizi perche sarebbero davvero solo cazzate e nessuno lo andrebbe a vedere.
    Si,io figlio unico ho lasciato famiglia e amici a 25 anni 4 anni fa perche sono stanco di un paese gestito da persone che la pensano come te e che non hanno nessun rispetto per i loro stessi fratelli.
    Sono stanco di sentire le vostre infinite finte promesse perche la vita credo debba essere vissuta con dignita da TUTTI…..nessuno qui pretende di essere ricco….ma solo di vivere dignitosamente e di far vivere anche i propri figli una vita migliore non peggiore……come ultima cosa caro amico ti dico anche che siete solo fortunati ad avere noi italiani come popolo perche altri vi avrebbero gia rotto il culo tanto tempo fa…….buona fortuna

  9. EmilioFabioTorsello

    Una sola risposta per voi tutti: PER FORTUNA il M5STELLE è ben altra cosa da Beppe Grillo. E’ composto da cittadini onesti e motivati che credono nella politica. Beppe Grillo, invece e purtroppo, resta quello di sempre: un populista capopopolo. E di lui, non del M5Stelle, parla l’articolo. Leggere prima di commentare.

    • Maverick100

      abbiamo letto, abbiamo letto. L’articolo è penoso. Quello si che è il festival del qualunquismo.
      Ti sei dimenticato di dire che è ricco, che aveva la ferrari e che nel 1981 ha avuto un incidente stradale per il quale è stato condannato e che la moglie ha scritto su facebook che senza lusso non vive.

  10. Marco

    ma pensa piuttosto a Berlusconi Dell’Utri Mastella Lusi Bossi e tutta quella banda di inquisiti nel Parlamento! Ben venga il M5S (e non Grillo che lui NON SI CANDIDA), se dice ciò che noi pensiamo e se fa azioni concrete (VEDI NELLE REGIONI PIEMONTE/LOMBARDIA/EMILIA ROMAGNA)…. sapete solo vedere quello che pare a voi….ma guardate i contuti!!! guarate il programma, le piazze piene ad ascoltarlo, le azioni fatte dagli attivisti nei vari consigli comunali e regionali. Poi potrete commentare e giudicare. E CERCATE DI INFORMARVI e dare VERA INFORMAZIONE ogni tanto.

    • sbycab

      … sono anche troppi per un articoletto che merita alcun commento…

  11. Manuel Zanaboni

    Questi sono i danni che fa l’educazione cattolica… ragionare con i parocchi e per sentito dire, senza analizzare minimamente le cose come stanno… i movimenti 5 stelle esistono solo perchè c’è grillo,capisco l’ipocrisia per evitare gli insulti ma il tuo: 
     “PER FORTUNA il M5STELLE – anche e soprattutto a livello locale – è ben altra cosa da Beppe Grillo. ” è semplicemente patetico! :)

    • IN TANTO è L’UNICO GRUPPO DI PERSONE CHE FA ENTRARE NELLA POLITICA/COMUNE/GESTIONE DEI SOLDI PUBBLICI DI TUTTI E DECISIONI IMPORTANTI PERFINO TE CHE SEI SOLO BRAVO A SCRIVERE STRONZATE DIETRO UN PC.
      QUINDI RINGRAZIA LA POSSIBILITà CHE DA 150ANNI NON SI è MAI VISTA E FAI QUALCOSA PER I TUOI CONCITTADINI, SE NON TI INTERESSA ALMENO, FAI QUALCOSA PER TE E CHI VUOI BENE…
      INSOMMA SVEGLIATI!

  12. Dorazi Marco

    Emilio, te l’ho scritto per messaggio e te lo confermo qua che condivido il tuo articolo in tutto e per tutto;  perchè sembra che ai grillini, appena viene attaccato il loro feticcio di pezza (Beppe Grillo) è peggio di aver fatto a pezzi una statua della Madonna. PER CARITA’, NESSUNO TOCCHI GRILLO, CHI LO CRITICA E’ UN VENDUTO. Ma che bella visione della democrazia che avete voialtri: mi sembra di essere tornato al fascismo, pensate un po’! Se l’unica risposta che vi viene in mente è quella di bollare un giornalista come “disinformatore”, allora non è solo colpa di Berlusconi se in Italia non c’è libertà di stampa… non credete?
     Sul fatto di non essere d’accordo, per carità quello è un diritto, ma più che esprimere un opinione sembra che la maggior parte si comporti più da tifoso ultrà.Qua sembra tutti che siano ILLUMINATI mentre chi non la pensa come loro sono solo dei fantocci: è per questo motivo che mai e poi mai darò credito ai vari grillo, celentano e sedicenti salvatori della patria. La risposta deve venire dal popolo, ma non da un popolo guidato da un comico, ma dalle idee di tutti che si mettono insieme e ragionano INSIEME una soluzione, cosa che voi evidentemente non fate, e se la fate è solo con persone che la pensano come voi. Allora fatevelo dire: siete esattamente uguali ai partiti italiani che tanto disprezzate. Distinti saluti!

    Ps: se qualcuno vuole discutere di questo argomento con me, io sono sempre pronto al confronto, appassionato ma civile nei termini.

    • Fanatismo ideologico il suo. Pericoloso… per lei steso! Lei è un incapace di analisi e non conosce il Diritto! Il feticcio è nella sua testa bacata e non si permetta di offendere le scelte di ognuno. Le scelte che ha fatto lei finora, siano state esse di Destra, Centro o Sinistra ( PD) hanno contribuito a creare  il becero fantoccio mafioso e il DANNO ALLA SOCIETA’. Prima di pensare… si sciacqui anche la bocca! Si rilegga e si accorgerà di quale gossip è capace.

    • Gotticristiano

      Buongiorno,
      credo che il movimento 5 stelle debba lavorare ancora parecchio per farsi conoscere,ma è sulla strada giusta.In quanto alla sua opinione,condivido solo gli spunti da “tifoso ultrà” e la necessità di un  risveglio del popolo.
      Mi azzardo a dire che le grandi rivoluzioni hanno bisogno di leaders.

  13. Spero di  no , ammiro Celentano  come  artista , e’ una pagina della storia  canora  Italiana, grillo mi piace come comico  è un artista del palcoscenico  , le contestazioni ,le riflessioni di Celentano mi piace ascoltarle ,  MA LA POLITICA E’ UN ALTRA  COSA ,CON QUESTI PARLAMENTARI  POSSIAMO FARE  SATIRA ,CRITICA  E CONTESTAZIONI ,TI DANNO SPAZIO E MODO ,  MA LA POLITICA  E’ UNA COSA SERIA ABBIAMO BISOGNO DI PERSONAGGI  SERI CHE RIPORTANO  IL PAESE  AD UN LIVELLO  COMPETITIVO  CON UNA POLITICA  DI RIGORE  E SOBRIETA’  .  

  14. Ares883

    l’italia ha ciò ke si merita… dopo i trans e le pornostar, ke male fà al paese un comico ke alle prossime politiche salirà in parlamento? abbiamo politici che fanno i politici di professione (ma fanno ridere e rubano) magari un comico farà ridere e basta…… ke tristezza questo paese

  15. Bob Cosmo

    chi ha scritto l’articolo, è seduto sulla sua scrivania, come già altre persone, senza alzarsi, senza la curiosità di voler vedere una realtà che fortunatamente stà cambiando e che non ha più a che fare con quella che veramente si può chiamare antipolitica, fatta di “a mia insaputa”…
    a questo tipo di scrivani, piacciono le persone che non si muovono e giudicano, sennò si sarebbe accorto che dietro a a grillo c’è una realtà molto più ampia fatta di partecipazione disinteressata e fatta di democrazia fatta di confronti e decisioni, fatta di volontariato e di sostegno della società civile… 
    ora la sveglia è suonata… 
    buon giorno

  16. IL TIMORE DI DOVER LAVORARE

    Non conosco l’identità ideologica di chi ha scritto questo commento, ma è la summa del tradizionalmente nulla che da sempre la Politica esprime. Inoltre si arroga comprensioni di pensiero come se la verità assoluta fosse in lui e sproloquia come i Casini, d’Alema e Alfano docet. L’articolista è talmente calato in una forma mentis statica e istituzionalizzata della peggiore tradizione del pensiero moralista che ho la sensazione che abbia paura che cambiando le “cose politiche”, qualcuno non potrà più essere un assistito o parassita e mantenuto, ma che dovrà tirasi su le maniche e lavorare per mangiare, così come è stato alle spalle dei creduloni e in buonafede fessi! Ho la sensazione che si cominci a nutrire questi timori!

  17. ant_ant

    Celentano no eh…perfavore. Giusto chi dice di non confonderli nè di fonderli i due.
    Grillo lo farei provare molto volentieri a sedere in parlamento. Non è solo un segno di protesta contro la classe politica, non ci credo che i cittadini votino solo per questo. Ma Grillo è attualmente l’unico che ragiona con le teste del popolo.
    Sorriderei se il M5S fosse il primo movimento nazionale ma vorrei anche gioire se le sue parole, i suoi concetti, si realizzassero in concretezza durante un’ipotetica legistlatura. 

  18. Gigi

    Quello che manca agli italiani è la capacità di impegnarsi nel concreto
    per cambiare le cose. E invece no: “la politica fa schifo quindi non mi
    candido, non voto, non cerco di riformare il sistema con l’apporto di
    idee e contenuti di cui sono capace”. Sono scuse, giustificazioni prive
    di senso, pretesti per restare immobili e delegare ad altri. Quello che
    serve è tornare ad essere cittadini consapevoli, mettendo da parte la
    lamentazione facile e il dito puntato, alla prima occasione. Altrimenti
    ci meritiamo Grillo, Celentano e le loro lezioni di disfattismo.

    Quelli del 5S sono andatti a votare, altro che antipolitica, muovete il culo e incominciate a lavorare parassiti, caro Torsello sta finendo la pacchia!!
    Immagino che “diritto di critica” lo prenda qualche aiutino dallo stato per sparare le boiate che scrive

  19. Alessandro

    Già il solo fatto di fare accomunare Beppe Grillo e Celentano dimostra una cosa delle due: la mala fede o l’ignoranza delle cose da parte dell’articolista. Pessimo.

  20. Ibsen Clark

    Articolo totalmente superficiale. Il dramma vero sta nel fatto che chi lo ha scritto non lo ha scritto per coprire la distruzione istituzionale finanziaria ed economica della Repubblica Italiana, perché egli non è un membro della casta, ma aimé è il tipico risultato della scuola italiana che insegna a ripetere a papera tutto quanto fa apparire “accolturati”. Non condivido alcune soluzioni dei Grillini, ma deve essere chiaro che non tutti i critici della situazione attuale dichiarano (come fanno i Grillini): “meno soldi allo stato e meno soldi alle banche “, non tutti hanno il coraggio di dire la verità sullo strozzinaggio di Equitalia, che nulla ha a che vedere con la riscossione democratica civile e legale delle tasse dovute.

  21. Yabbe

    questo articolo è il tentativo palese di rattoppare i rapporti con i cittadini…..grillo spara ed è vero, ma è solo grazie a lui che ora so cos’è il signoraggio, ora so cosa prendono i partiti di rimborsi elettorali, ora so quante leggi bipartisan sono state fatte negli anni, ora so quanti soldi si investono in guerra!
    se aspetto informazioni dai giornali che prendono lo stipendio dai partiti sto fresco!
    sono lombardo e da cittadino onesto che sono, ora vedo la speculazione che è stata fatta intorno al cemento…PEREFERISCO FARE UN SALTO NEL BUIO COL MOVIMENTO A 5 STELLE PIUTTOSTO CHE RIDARE IL VOTO A QUESTA POLITICA CHE MI HA TOLTO IL FUTURO, VIVERE OGGI IN ITALIA CON 1200 EURO AL MESE NON MI DA PROSPETTIVA!
    Buona gionata

  22. Mr 5 stelle

    Ormai ci siamo ridotti a loro, ai Beppe Grillo e agli Adriano Celentano…. mi è bastato solo leggere questo per qualificarla, il resto non l’ho letto perchè non mi interessa.
    Ormai il paese era ridotto  a quelli come lei, o prezzolati o ignoranti, o sparasentenze senza approfondimenti. Per fortuna sono arrivati questi ragazzi a 5 Stelle, informatissimi, puliti, NON PAGATI che lavorano solo per amore. DIFFIDARE DA CHI CHIEDE SOLDI O CARRIERA PER FARE POLITICA.

  23. B Comillo

    Per fortuna che ci sono i Grillo e Celentano………..roba da leccarsi le dita e le orecchie in confronto ai politicanti da strapazzo corrotti e che finanziano indegnamente la carta straccia che quotidianamente imbratta le edicole………….con i relativi (HA..HA..) giornalisti da strapazzo………
    TUTTI A CALCI NEL CULO SENZA PIU’ UN SOLDO…..CAPITOOOO????

  24. Dejan 90

    il solito caso italiano di cane legato al guinzaglio del padrone ke gli da l’osso…

  25. Andrea

    Quindi siamo dei  coglioni perche’ non adiamo a votare, ma siamo anche coglioni se andiamo votare Grillo…Magari nel prossimo articolo indicaci la strada per la salvezza, che sicuramente non e’ quella di un “comico” ma quella delle solite MERDE che siedono in parlamento e che negli ultimi 30 anni hanno mandato in rovina un paese.

  26. PeG

    Ma ha mai davvero ascoltato quello che dice Beppe Grillo? Dice esattamente le cose che lei scrive. Che è ora di dire basta a chi si lamenta e non fa nulla. Che è ora di diventare protagonisti della politica e non subirla passivamente. Che è ora che tutti … TUTTI … i cittadini si impegnino per migliorare le cose.

  27. Masiet4

    Grillo è una persona per bene. Trovarne altri cosi in parlamento è un impresa titanica! Quindi è meglio che vada a cercare la fonte dei nostri guai da un altra parte.

  28. Peppe

    mister emilioftorsello hai toppato alla grande, continua a sguazzarci tu in questa sporca politica fatta dai partiti tradizionali, continua ad illuderti tu delle tante promesse, chiacchiere, analisi e buoni propositi detti da chi, per troppi anni, ci sta prendendo in giro pensando al giorno di accredito del suo stipendio da parlamentare …