Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | January 16, 2022

Scroll to top

Top

Doppio incarico, la norma nascosta nel ddl "Salva Sallusti"

Salvate il soldato Sallusti. In Parlamento il disegno di legge per cancellare la galera per diffamazione a mezzo stampa ha ripreso a correre spedito. Non tanto, probabilmente, per gli insulti che il direttore de Il Giornale ha rivolto alla classe politica (“politici ipocriti e codardi che non sono in grado di decidere nulla”), ma perché qualcuno ha visto bene, a destra, di inserire o, meglio, di nascondere nel disegno di legge una norma che permetta ai presidenti di provincia di candidarsi in Parlamento.

Salvare Sallusti e qualche poltrona. Tutto sta nel sub-emendamento 1.1000/19 che recita: “All’emendamento 1.1000, dopo il comma 1 aggiungere il seguente: “1-bis. Al primo comma dell’art. 7 del D. P. R. 30-3-1957 n. 361 sono soppresse le lettere a) e b)”. Qualcuno si aspetterebbe la soppressione di qualche norma vecchiotta che regola il mondo della stampa. Tutt’altro. Il subemendamento elimina due divieti di ineleggibilità in Parlamento. Ecco cosa prevede l’art. 7 del decreto del 1957: “Non sono eleggibili: a) i deputati regionali o consiglieri regionali; b) i presidenti delle Giunte provinciali”. Il punto a) è stato soppresso dalla Consulta, ma è rimasto in vigore fino ad oggi il punto b).

Il papocchio dei commi. Ma che c’entra l’eleggibilità di un presidente di provincia con la norma salva-Sallusti? Nulla. Ma la libertà di stampa si difende anche così: inserendo norme che attengono ad altri ambiti, sperando che nel grande calderone nessuno se ne accorga. Ma c’è, nel subemendamento anche un secondo comma: “Le disposizioni delle lettere a) e b) del primo comma dell’art. 7 del DPR 30-3-1957 n. 361 non si applicano per i parlamentari in carica”. Due commi che sono in realtà in conflitto tra di loro, come si può leggere. Forse per colpa di un po’ di confusione in commissione o forse per l’intervento di mani diverse: la prima intenzionata ad abolire i divieti per tutti, una seconda per far sì che la norma non si applichi a chi è già presente in parlamento.

La norma salva eletti. Infatti, in Parlamento qualche deputato che, in barba alla legge, è anche presidente di provincia c’è. Tra questi Domenico Zinzi dll’Udc, presidente della provincia di Caserta (la stessa da cui proviene Coronella, il firmatario del subemendamento e in cui Pdl e Udc governano insieme). Nel dicembre 2011, Zinzi dichiarò di aver già optato per la Provincia e di aver affidato la propria lettera di dimissioni da deputato a Pierferdinando Casini. Ma poi tutto è finito nel dimenticatoio.

Le incredibili coincidenze. Ma intanto, se la norma non dovesse passare, vari presidenti di provincia non ci hanno pensato due volte e hanno rassegnato le proprie dimissioni per correre per un seggio a Montecitorio. Si sono dimessi il presidente della provincia di Biella e deputato leghista, Roberto Simonetti e Maria Teresa Armosino, deputata del Pdl, e presidente ad Asti. In seguito anche Luigi Cesaro, presidente della provincia di Napoli, ha lasciato l’incarico, mentre Guido Podestà, presidente della provincia di Milano sembrava fino a qualche giorno fa a seguire gli altri colleghi. Dicono di averlo fatto per protestare contro i tagli del governo. Ma tutti hanno dato le dimissioni prima del termine massimo per potersi presentare in lista alle elezioni politiche. Un’incredibile coincidenza.

Argomenti