Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | September 17, 2021

Scroll to top

Top

Cari grillini, io esigo che voi sappiate - Diritto di critica

verona   I Grillini festeggiano al Porto Mancino  Foto Sartori FotolandCari grillini,

adesso che siete diventati nostri dipendenti – come per anni ha detto Grillo di tutti i parlamentari – io esigo che voi sappiate. Io pretendo che voi sappiate come funziona lo Stato, dove sia il Senato (che poi è altrimenti noto come Palazzo Madama, notazione a uso e consumo del neosenatore intervistato da LaZanzara), come si elegga il presidente della Repubblica, come funziona la macchina istituzionale, come si licenziano le leggi, come funzionano le Commissioni parlamentari, i Gruppi, le votazioni, quando si pone il voto di fiducia. Insomma: esigo che siate competenti.

E non lo esigo per rompervi le palle, per farvi le pulci, per criticarvi. Ma proprio perché prima di voi è stata eletta tanta, troppa gente incompetente, cialtrona, messa lì per caso, che adesso si gode a sbafo i nostri soldi pubblici e le mie tasse. Ecco, se davvero sarete voi – come molti dicono – a fare la differenza: IO ESIGO CHE SIATE COMPETENTI. Come diceva Grillo: sarete tutti nostri dipendenti.

Eppure, ieri un vostro neosenatore ha candidamente confessato: dovrò studiare perché non credevo di essere eletto. E allora mi chiedo: l’avete preso per un gioco divertente? Ecco: siete stati eletti. E adesso? Vi intrufolerete di soppiatto nelle librerie universitarie chiedendo i bignamini di Diritto Costituzionale in tempo per la fiducia?

Curioso, infine, che molti vostri elettori sul web scrivano: “dopo trent’anni di incompetenti, adesso ben venga la gente comune e voi che vi aggrappate ai loro errori lo fate solo per screditarli”. Eh no, cari miei. Se io voto una persona, questa persona – proprio in nome del cambiamento che dicono di incarnare – non dev’essere incapace e ignorante come i predecessori, se davvero i grillini parlano di cambiamento, allora questo deve iniziare dalle conoscenze di base dell’assetto istituzionale dello Stato, dagli strumenti. Come si fa ad andare in Parlamento, a pensare e programmare leggi o riforme, se non si sa nemmeno come queste dovranno essere discusse, votate, messe in atto?

Ecco, proprio in nome della differenza che il MoVimento 5 Stelle vuole segnare rispetto al passato, io esigo che i neoparlamentari del MoVimento 5Stelle conoscano a menadito la materia che andranno a trattare, che sappiano come si vota, come si elegge il Presidente della Repubblica, come si scrive una legge e come funzionano i meccanismi di Camera e Senato. E non per rompergli le uova nel paniere, ma perché non voglio più vedere l’ignoranza in Parlamento, come è stato per lo più in questi trent’anni appena passati: con uno o due che decidevano e la massa dei deputati che zitta votava.

Twitter@emilioftorsello

Comments

  1. Anche secondo me l’articolo è un po’ troppo duro.
    Ma io criticavo l’incompetenza dei politici prima, e proprio dal M5S, proprio perché composto da persone giovani e volenterose e oneste pretendo di più.
    Se poi questo mi etichetta come [inserire insulto a caso favorito dai grillini] chi straca*** se ne frega.

    Mi fanno morire poi quelli “il M5S ha un’elevata percentuale di laureati”
    Vi ricordo che anche Razzi e Scilipoti sono, probailmente, laureati.
    La laurea non fa la cultura, questa sì che è puzza sotto il naso.

  2. Cari grillini, non mi risulta siate stati eletti per essere come i peggiori parlamentari che abbiamo avuto (che non sono tutti, e chi dice il contrario è un ignorante). Non basta essere diversi, occorre essere MIGLIORI. E se non sapete neppure che fra le vostre competenze c’è anche quella di eleggere il Presidente della Repubblica o che un governo, senza la fiducia delle due camere, semplicemente non può essere, siete degli INCOMPETENTI e, a dar retta al vostro capo, dovreste essere LICENZIATI. E un corso di 60 ore non basta per saperlo, devi avere respirato la politica da anni per sapere a fondo come funzionano le cose, molti di voi (non tutti) hanno affrontato e affrontano queste elezioni come se fossero una partita di Playstation. Ma qui c’è da governare un paese in difficoltà, non da decidere chi è il meno peggio, e se non sapete neppure dove siete messi e cosa sarete chiamati a fare la vedo molto grigia.

    • cara Pddina o Pdllnia o montina o chiunque tu abbia votato…. fino a prova contraria è grazie agli “esperti di politica”, quelli che “hanno mangiato pane e politica da bambini” se siamo in una situazione che tu vedi (beata te) solo grigia…

      non preoccuparti che quello che devono fare lo sanno e NOI elettori del M5S sappiamo benissimo che ci saranno delle difficoltà, sappiamo che i Nostri parlamentari sono inesperti su alcuni punti, ma mi sembra ridicolmente grottesco attaccarsi a piccolezze simili…

      • in realtà si tratta di una situazione generale. Non è così solo in Italia, ma si tratta di una situazione mondiale (o almeno del mondo occidentale). Purtroppo l’incompetenza della classe politica è solo una triste aggravante, se la colpa c’è, è da trovare nelle storture dell’economia di mercato. Per quanto odi quell’uomo, le fabbriche non chiudono perché Berlusconi (che di mestiere è imprenditore, ed è in coalizione con la lega, dove di politici di mestiere non ci sta neanche l’ombra) va a mignotte. Non solo. I politici di professione possono essere ottime persone, che aiutano gli eletti a svolgere il loro lavoro, ricordandogli o insegnandogli ciò che devono sapere. Lei che mestiere fa? Che diritto ha di criticare un percorso di studi e di carriera?

  3. Non si nasce professori, ma visto che la stragrande maggioranza è laureata, studiate e approfondite la materia per cui sarete chiamati, intanto leggete la carta costituzionale e provate a metterla in pratica ….

  4. PaoloRibichini

    Scilipoti è laureato

  5. ‘na parola…

  6. cele

    ma quante cazzate dice sta gente, che mi frega a me se uno sa dove è il senato, o da quante persone è composto il governo, io l’ho votato solamente perche spero faccia il bene della gente comune, professori ne abbiamo avuti tantio e molti sono ancora la, e con tutta la loro sappienza sono riusciti solo a mandare a fanculo sta nazione.

    tra uno che conosce bene le leggi e me lo mette nel culo e uno che è ignorante ma fa il mio bene, scusatemi, ma preferisco il secondo.

  7. hahaahaha, ma dov’era tutta questa indignazione quando quel decerebrato di Gasparri dichiarò pubblicamente che non leggeva “tutte” le leggi che firmava perché tanto non le avrebbe capite… haaaaa ma certo… quelli si sa che son così…

  8. e basta chiamarli grillini

  9. Giusta questa esigenza, quello che è meno giusto perché non si è sempre preteso, ce lo vogliamo domandare. che tutti possono essere eletti lo prevede la costituzione. in democrazia è così, non solo i professori di diritto costituzionale possono andare a governare. e se dicono di mettersi a studiare, è già un passo avanti.

  10. bla bla bla, i soliti articoletti del cazzo… Pensate che gli altri che stanno lì da talmente tanto che puoi riconoscere le loro poltrone dall’impronta del culo siano “nati imparati”??? Dobbiamo continuare con l'”apprendista con esperienza cercasi”, per poi lasciare il posto ai soliti che sono così esperti da averci mandato sull’orlo del disastro??? Fate una cosa, chiudete questa pagina inutile o, quantomeno, impedite a certa gente di scrivere boiate pensate tra una capatina al cesso e l’altra

  11. avete trovato uno che sarà pure ignorante come dite voi ma smettetela di
    fare dell’erba tutto un fascio! è per questo da oggi non vi seguirò più
    visto sono giorni che scrivete sempre le stesse mink! se avete visto le presentazioni la maggior parte erano laureati, umili, gente semplicissima, giovani, nessun professionista oratore! smettetela con ste polemiche e se vi sentite migliori proponetivi! c’è molta gente in gamba in giro che però non vuole proporsi ed allora si finisce col trovare solo la persona ignorante… però non è detto che l’ignorante sia anche un disonesto e che non possa crescere;) vi ricordo che fin’ora abbiamo avuto solo gente colta e ignoranti LADRI e DELINQUENTI. Preferirei cento ignoranti onesti a cento colti disonesti perchè ciò che ha distrutto e continua a distruggere questo paese è la DISONESTA’! Ma non è neanche questo il caso visto che il M5S è il partito con maggior numero di laureati…

  12. quelli di prima non solo erano incapaci ed ignoranti ma se non ve ne siete accorti c’erano tanti che rubavano ! Loro lo sapevano dove era il palazzo madama perchè non si possono scordare dove avevano mangiato a sbafo !
    Quelli che mangiavano se ne sbattevano dell’Italia l’importante era che avevano i privilegi ! Vitalizi compresi ! In poche parole si legalizzavano le loro ruberie con apposita legge ! Non scordiamoci che L’Italia è arrivata alla situazione attuale per i partiti che hanno governato ! Praticamente i nostri DISONOREVOLI
    Loro si che sapevano come farsi approvare le leggi e andavano a braccetto quando c’era de magnà

  13. ilmionickname

    che ridicoli …avete votato per decenni perfetti anonimi da ogni punto di vista,, allo stesso tempo i “soliti ignoti ladri” mafiosi corrotti …che vi rubavano la marmellata davanti agli occhi…ora siete li a fare gli esigenti … gli informati… …ridicoli…

    e dire che dovremmo volere tutti il bene di tutti…

    ripeto…. RIDICOLI !!!…. ..

  14. ilmionickname

    Condivido in pieno…. !!! Bravo !

  15. electricalgp

    Incredibile se tutto il giornalismo nazionale,si fosse scagliato sulla vecchia partitocrazia così come sta avvenendo per il movimento probabilmente non saremmo ridotti in queste condizioni, ormai lo sport nazionale è il tiro al “grillino” con trasmissioni e articoli tutti volti a screditare l’unica e ultima speranza di questo miserando paese ma non importa la fiducia che pongo in questa nuova realtà va oltre questi ultimi miseri colpi di coda di un sistema ormai alla frutta.