Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | December 3, 2021

Scroll to top

Top

Il ragazzo che assaggia polvere bianca: l'assurda campagna di Roma Capitale contro la cocaina - FOTO - Diritto di critica

Il ragazzo che assaggia polvere bianca: l’assurda campagna di Roma Capitale contro la cocaina – FOTO

Occhialoni anni Ottanta e look non certo trendy, un ragazzo assaggia polvere bianca. Nell’intento di chi ha pensato lo spot anticocaina dell’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze di Roma Capitale diffuso – si legge in alto a destra – il 18 dicembre scorso e costata ai contribuenti 1850 euro (secondo quanto comunicatoci dall’Agenzia stessa via Twitter), lo spettatore dovrebbe subito capire che non si tratta di droga ma dell’innocuo zucchero a velo di quel pandoro messo di lato – quasi scansato. Peccato che graficamente la polvere bianca si trovi proprio sotto la parola “Cocaina” e che il ragazzo – con espressione divertita e look un po’ bamboccione – venga immortalato nel tipico gesto che fin troppo spesso si vede fare nei film: assaggia polvere bianca.

Ma non è tutto. Il ragazzo della fotografia, infatti, dovrebbe addirittura impersonare il prototipo di chi rinuncia alla cocaina: che non sia stata una scelta vincente è di tutta evidenza.
Un ultimo passaggio riguarda l’hastag scelto per promuovere la campagna sui social (#moltomeglio): anche in questo caso non viene veicolato alcun messaggio relativo alla rinuncia alla droga.
Viene quindi da chiedersi il senso di questo spot che vorrebbe contrapporre – proprio sotto Natale – lo zucchero a velo del pandoro alla cocaina. Con slogan poco chiari e un ragazzo – dall’aria triste e anni Ottanta – intento ad assaggiare polvere bianca, uno sfondo e un tavolo di panno rosso che sembrano quelli di un party appena concluso, tutto ciò che resta di un catering.

 

foto_comune