Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | March 6, 2021

Scroll to top

Top

Lombardi (M5S): ''Il Presidente della Repubblica deve avere 50 anni? Dove sta scritto?''

RAVAGLI - MOVIMENTO 5 STELLE: CONFERENZA DEI CAPIGRUPPO DI CAMERA E SENATOPer l’elezione del Presidente della Repubblica “Oddio, una certa età anagrafica non mi pare sia scritta in Costituzione”. A dirlo è la capogruppo alla Camera del Movimento 5Stelle, Lombardi, intervistata da Radio Radicale. La giornalista le fa invece notare che sì, un’età minima c’è ed è di cinquant’anni. Al che la Lombardi tenta di svicolare sottolineando che la Costituzione non prevede l’età di settant’anni che invece a suo giudizio è l’età media dei presidenti della Repubblica fino ad oggi.  “Oddio – aveva però esordito – una certa età anagrafica non mi pare sia scritta in Costituzione”. ASCOLTA L’INTERVISTA

Argomenti

Comments

  1. Davide

    Infatti, nella costituzione non c’è scritto “una certa età anagrafica” ma “di età maggiore a 50 anni”, la domanda è stata imprecisa, innescando l’equivoco, è palese che la Lombardi avendo capito un’istante dopo, che la giornalista si riferiva alla costituzione e non all’età media, si corregge, dimostrando di essere consapevole della regola dell’età. Ascoltate l’audio originale, e vi farete un’idea di come vengono distorti i sensi delle notizie, con un titolo semplificativo.

  2. Luigi When

    scusami, Davide, ma questa è la seconda volta che lo dice: ha già affermato che secondo lei il presidente della repubblica dovrebbe essere un giovane. E anche quella volta a me che un po’ di costituzione mastico venne da chiedermi: “Ma questa donna sa che il presidente della repubblica deve avere almeno 50 anni?”. Il fatto è che, come si conferma da questa intervista, lei NON lo sa. Punto e basta. Il resto è arrampicarsi sugli specchi. Protervia e ignoranza: se scopriamo pure che è disonesta, possiamo derubricare il cosiddetto Movimento a un’altra eroica classe politica da cacciare a calci in c***.

    Evviva il “nuovo” che avanza. E i suoi cantori, altrettanto “nuovi”.