Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | October 27, 2021

Scroll to top

Top

Bersani, Casini e Alfano: un pranzo nuziale per salvare l'Italia - Diritto di critica

Bersani, Casini e Alfano: un pranzo nuziale per salvare l’Italia

Sposati per forza. Bersani, Casini e Alfano festeggeranno tra poco il loro matrimonio. Combinato, ovviamente. Mario Monti officerà la cerimonia. Anzi, è stato lui stesso ad obbligare i tre rivali ad unirsi pubblicamente in un pranzo che si terrà a Palazzo Chigi tra poche ore. Parola d’ordine: ridare fiducia ai mercati finanziari.

Monti non basta. Siamo stati troppo fiduciosi che l’arrivo del professore alla guida del Paese avrebbe potuto cambiare la situazione. Due giorni fa S&P ha declassato l’Italia che per la prima volta si ritrova con un debito pubblico da “serie B”. Non è bastata una manovra “impressionante” o il pacchetto di riforme che verrà presto discusso in Parlamento. Non sono bastate le parole di stima di Merkel e Obama. Per il governo e soprattutto per l’Italia la tempesta è tutt’altro che passata.

Il futuro incerto. Il motivo? Di una semplicità sconfortante: oggi c’è Mario Monti, domani chi ci sarà? Per questo i mercati finanziari sono prudenti. L’Italia è certamente sotto attacco, ma se fossi un investitore estero avrei comunque paura ad investire acquistando debito pubblico del Belpaese. La storia insegna: dai primi anni novanta si alternano governi che fanno e governi che distruggono. Dal primo governo Amato ad oggi c’è stato un susseguirsi di esecutivi talvolta in grado di ridurre la spesa pubblica, altre volte di incrementarla a dismisura. Il video di Oscar Giannino può farci capire bene cosa è successo.

 

Cosa vuole fare l’Italia da grande? Quindi, se oggi c’è Monti, domani ci sarà qualcun altro. Affidabile? Spendaccione? È difficile dirlo. Ma in realtà spetta ai cittadini stabilire chi governerà nei prossimi anni. E, finché il popolo italiano non prenderà coscienza della necessità di ridurre il debito e di rendere questo paese simile ad una democrazia occidentale da quell’ibrido capitalista/marxista che è oggi, non andremo lontano e continueremo a navigare a vista. È l’ora che l’Italia decida cosa vuole fare da grande.

Per ora Alfano, Casini e Bersani contro i propri interessi elettorali, si incontrano insieme, alla luce del sole. Il messaggio ai mercati finanziari è uno solo: “Monti ha la nostra piena fiducia”. Basteranno queste parole ha far cambiare idea ai mercati finanziari su una classe politica che ha sempre pensato ai propri affari di bottega e poco o per nulla all’interesse del Paese?