Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | November 22, 2018

Scroll to top

Top

Se il sindaco "anti-cinesi" di Prato ha problemi con la sua fabbrica in Cina - Diritto di critica

Se il sindaco “anti-cinesi” di Prato ha problemi con la sua fabbrica in Cina

Un proverbio cinese dice che è «su una piccola pietra che inciampò l’imperatore». In questo caso la pietra è un fabbrica tessile a Shanghai e l’imperatore è il suo maggior azionista, il sindaco di Prato Roberto Cenni. Una settantina di operai della Txy, società controllata dall’italiana Sasch hanno infatti scioperato perché «da mesi senza stipendio», inviando in oltre una lettera alle autorità di Roma «perché li aiutino a recuperare gli stipendi che la ditta non ha pagato».

Una situazione che per alcuni, come il pidiellino Mazzoni è persino di matrice politica: «Non esistendo in Cina il diritto di sciopero, è più che legittimo il dubbio che la manifestazione dei lavoratori a Shanghai contro la Sasch si sia svolta con la tacita approvazione del regime».  Nel febbraio di quest’anno addirittura l’ambasciatore cinese Sun Yuxi mosse dure critiche sia al sindaco pratese che alla Lega Nord :

«Sono stato informato dell’intervento delle forze dell’ordine con elicotteri, cani e decine di poliziotti e carabinieri e ne sono dispiaciuto. Il centro tessile cinese di Prato è uno dei più grandi in Europa ed è un dato di fatto che quando i cinesi arrivarono negli anni ’80 le imprese pratesi erano sull’orlo del fallimento, quindi possiamo dire che i cinesi hanno contribuito e contribuiscono allo sviluppo dell’economia locale e nazionale. Sono al corrente del grande problema della contraffazione che viene largamente e severamente combattuta anche dal governo cinese. Quello che chiediamo è che le autorità italiane agiscano sulla base dell’uguaglianza e che su questo non contrastino anche le altre comunità. Contro gli atti illegali si deve agire, ma le imprese che lavorano nel rispetto delle leggi devono essere difese e garantite».

Il problema della crisi del tessile nella città e provincia di Prato aveva già fatto scalpore più di un anno fa, tanto da spingere Michele Santoro nel confezionare una puntata di Annozero su misura. Una serata “speciale” che ricevette addirittura i complimenti in diretta («vero servizio pubblico») dell’ospite in studio, il viceministro Roberto Castelli. Nei mesi successivi (giugno 2009) ci furono le elezioni comunali e per la prima volta dopo 63 anni Prato si ritrovò con un sindaco di centrodestra, l’industriale tessile Roberto Cenni, vittorioso con la lista “Berlusconi per Prato”. La campagna elettorale fu  molto sentita, anche a livello nazionale con l’arrivo del concittadino ministro Andrea Ronchi che parlò di una «Chinatown pratese inaccettabile». Il premier Berlusconi descrisse il suo candidato come «un uomo del mondo del lavoro, un imprenditore molto capace» e per le vie della città furono affissi manifesti elettorali con  la foto di Cenni accanto al candidato sindaco del Pd con scritto «Martini+Carlesi=cinesi» (rispettivamente ex sindaco Pd e candidato sindaco del Pd n.d.r.). Nel settembre 2009 sempre la Sasch decise di spostare tutta la sua produzione in Cina, scatenando la protesta dell’opposizione locale e nello specifico dell’Idv:

«La notizia che la Sasch, l’azienda del sindaco Roberto Cenni, abbia chiesto la cassa integrazione per altri nove dipendenti oltre ai nove della settimana scorsa ci lascia molto perplessi e ci preoccupa non poco . L’Italia dei Valori intanto esprime solidarietà  agli operai posti dalla Sasch nell’anticamera del licenziamento e per tutti quegli altri delle aziende dell’indotto che si troveranno a perdere il lavoro per la decisione dell’azienda del sindaco di trasferire in Cina  la realizzazione di centomila capi di abbigliamento. L’Italia dei Valori ritiene inoltre che la decisione della Sasch sia fortemente negativa proprio perché è di proprietà del sindaco della città. Il segnale che viene lanciato verso quegli industriali che invece stanno lottando con  tutti i mezzi per salvare la propria azienda e non licenziare i propri dipendenti, è un segnale di pessimismo e di debolezza. Se è lo stesso sindaco a non credere nella ripresa e a non investire in città, chi dovrebbe farlo?».

In tutto questo c’è da chiedersi perché nuovamente l’uso politico di una paura, in questo caso “l’invasione cinesi”,  abbia reso possibile l’incredibile: far diventare simbolo della “lotta ai cinesi” un industriale che è stato uno dei pionieri dello «sbarco italiano in Cina: fin dagli anni ’90 Sasch produce proprio nel Far East, tramite Txy e altre aziende collegate, una quota importante del proprio assortimento, poi commercializzato attraverso i negozi italiani».

La classica contraddizione che purtroppo è solo un granello di sabbia nella vita quotidiane del Belpaese, dove ci ritroviamo tutti i giorni un premier plurindagato che ci spiega cos’è la giustizia, un ministro che parla di istruzione ma che ha dovuto “emigrare” in Calabria per laureasi facilmente e svariati politici che parlano di sacrifici (della popolazione) mentre trascorrono vacanze dorate. Siamo o non siamo il paese della coerenza?

  • Maurizio

    Cosa dobbiamo aspettarci da questi emeriti rappresentanti della borghesia industriale del XXI secolo? Gli stessi disastri della stessa borghesia industriale che appoggiò Mussolini permettendogli di prendere il potere e di precipitare l'Italia in una tragedia insensata. Non siamo ancora all'uomo della provvidenza, ma poco ci manca…per intanto l'esercizio della doppia faccia gli riesce benissimo, da un lato fanno finta di detestare i cinesi, dall'altro ci fanno lauti e vantaggiosi affari dimenticandosi, guarda caso, quelle piccole quisquilie che si chiamano stipendi da fame da pagare ai lavoratori cinesi della propria fabbrica trasferita in Cina (chissà perchè)?

    • sauro conte

      mi dice il sig. Maurizio da dove prende queste buffe e laute notizie è perchè mai si ostinano a guardare in faccia alla realtà senza criminalizzare e politicizzare ogni evento a secondo della convenienza. Per mio semplice piacere di curiosità , vorrei pregare il grande democratico sig.Maurizio di rispondere a le successive poche domande per poi farsi delle ragioni da spiegare a tutti Noi.
      1- Il sig. Maurizio è Pratese?
      2 – Per Lui va bene che ci siano migliaia di Cinesi che (senza pagare le tasse ) fanno
      concorrenza alle ormai poche fabbriche del distretto di Prato?
      3 – Da quando tempo Le private aziende vengono amministrate dalle Opposizioni al
      sindaco di una città?
      4 – Il sig.Maurizio se trova altre persone a fare lo stesso suo lavoro ad un prezzo
      inferiore , come si comporta?
      5 – L'azienda della quale il sindaco detene quote di proprietà quanto vende all'est
      europeo , quanto nel nuovo continente , e quanto vende nei paesi asiatici?
      6 – Quali e quando mai dipendenti della suddetta azienda sono stati malpagati, sfruttati
      o abbandonati ?
      7 Il sig. Maurizio ci spiega quando guadagna e come fa a guadagnare tanto?
      attendiamo con ardore le risposte e le considerazioni?
      Se ci indica anche quale tessera porta in tasca , ci è gradito ringraziarla e salutarla

      Sauro Conte

      • Rong Liu

        Signor Conte, seconde lei, se negli ultimi vent'anni i pratesi non avessero affittati o venduti appartamenti e capannoni ai cinesi, oggi ci sarebbe una presenza così massiccia e radicata di cittadini orientali? Chi ha introdotto la concorrenza nel loro territorio? Non sono loro o meglio non siete voi stessi?!

        Rong Liu
        (una cittadina cinese che vive a Prato e che si ritiene un po' diversa dalla maggior parte dei suoi connazionali)

      • Rong Liu

        Signor Conte, seconde lei, se negli ultimi vent'anni i pratesi non avessero affittati o venduti appartamenti e capannoni ai cinesi, oggi ci sarebbe una presenza così massiccia e radicata di cittadini orientali? Chi ha introdotto la concorrenza nel loro territorio? Non sono loro o meglio non siete voi stessi?

        E' giusto che gli imprenditori facciano imprenditori, che però non si lamentino delle conseguenze delle loro scelta!

        Rong Liu
        (una cittadina cinese che vive a Prato e che si ritiene un po' diversa dalla maggior parte dei suoi connazionali)

  • tuttafuffa

    posso aggiungere anche made in italy/provenza per il turismo?

  • DAVIDE HU

    CARRO”
    ROBERTO CENNI .

  • Pingback: Anonimo()