Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | March 3, 2015

Scroll to top

Top

Mondo

Cesare Battisti potrebbe essere ”deportato” dal Brasile

3 marzo 2015 |

Cesare Battisti dovrà lasciare il Brasile e tecnicamente dovrà essere “deportato”. E’ quanto scrivono fonti di stampa brasiliane, riportando anche il provvedimento del giudice federale. Secondo quanto scrivono i media, infatti, proprio la condanna ricevuta in Italia renderebbe irregolare la permanenza di Cesare Battisti sul suolo brasiliano. L’avvocato difensore di Battisti ha intanto annunciato ricorso […]Read More

L’atroce destino dei bambini di Fukushima

16 febbraio 2015 |

Da oltre un anno, nel distretto giapponese di Fukushima, il divieto per i bambini di giocare all’aria aperta per più di un quarto d’ora (mezz’ora per i più grandi) è stato rimosso; ma nella maggior parte delle scuole gli insegnanti, pressati dai genitori impauriti, continuano a seguire le direttive imposte dopo lo scoppio alla centrale […]Read More

La Libia è nel caos ma l’Europa ha le mani legate

16 febbraio 2015 |

La situazione nel nord della Libia è sempre più preoccupante; i jihadisti dell’ISIS hanno preso il controllo della città costiera di Sirte nella notte tra giovedì e venerdì. I segnali di un’avanzata dei terroristi del Califfato c’erano già da tempo, come dimostra l’attacco del 27 gennaio scorso al Corinthia Hotel di Tripoli. >> LO SCENARIO: […]Read More

Quando gli Usa salvarono la Germania tagliando il suo debito

10 febbraio 2015 |

La Grecia insiste sul pagamento dei debiti di guerra da parte di Berlino. Fu proprio grazie alla loro riduzione che oggi la Merkel guida la quarta potenza economica del mondoRead More

Ora Tsipras preoccupa Obama

5 febbraio 2015 |

Il nuovo premier greco, messo alle strette dall’Europa, potrebbe lasciare la Nato e guardare a MoscaRead More

Boko Haram, l’Onu apre gli occhi sull’orrore in Nigeria

2 febbraio 2015 |

Non più solo Nigeria, non più solo un Paese nel cuore dell’Africa, e quindi “trascurabile” da parte delle grandi potenze e delle loro strategie. La guerra contro gli estremisti islamici di Boko Haram coinvolge ora il vicino Camerun, e l’esercito del Ciad, giunto in aiuto un paio di settimane fa al confine tra i due […]Read More

Il tempo del dolore: Charlie Hebdo sospende le pubblicazioni

1 febbraio 2015 |

di Rossella Assanti Charlie Hebdo si ferma, questa volta è ufficiale. Non è per i proiettili, non è per paura che interrompe le pubblicazioni, come ha spiegato la responsabile delle comunicazioni Anne Hommel: “Non è una rinuncia o un arretramento davanti alle minacce islamiste, ma un semplice problema di stress, di stanchezza della redazione provata […]Read More

Inside Kobane, le prime foto dalla città liberata

29 gennaio 2015 |

Macerie, rovine ovunque ma volti sorridenti, sguardi liberi. E poi i colori delle bandiere curde, i kalashnikov in spalla e non più puntati in lontananza, i giornalisti che si muovono liberi in città e riprendono . Le prime immagini di uka Kobane libera arrivano dall’agenzia AFP che pubblica alcune fotografie in un post. E mentre […]Read More

Egitto, l’ennesima strage silenziosa per Piazza Tahrir

26 gennaio 2015 |

Piazza Tahrir quattro anni dopo. Ancora un bollettino di guerra in quella che doveva essere una giornata di commemorazione della rivolta del 25 gennaio 2011, quando migliaia di egiziani scesero in piazza per chiedere la democrazia, e un nuovo Egitto. Ufficialmente il governo di Al-Sisi nei giorni scorsi aveva vietato la manifestazione a causa del […]Read More

Kobane a un passo dalla liberazione

26 gennaio 2015 |

Un quartiere: tanto mancherebbe alla completa liberazione della città di Kobane dai miliziani dell’Isis. Nella giornata di ieri, infatti, ha iniziato a girare la notizia che le Unità di Protezione Popolare curde (YPG e YPJ) avrebbero quasi completamente respinto i miliziani del Califfato e ripreso possesso della città, divenuta negli ultimi mesi il simbolo della […]Read More