Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Diritto di critica | August 11, 2022

Scroll to top

Top

Pdl shock, precipita sotto il 20% nei sondaggi. Berlusconi: “Serve un’idea” - Diritto di critica

Pdl shock, precipita sotto il 20% nei sondaggi. Berlusconi: “Serve un’idea”

Una caduta inarrestabile. Il Pdl sta lentamente scendendo sotto il 20%. Lo dicono i sondaggi interni. Così, a via dell’Umiltà l’aria sta diventando irrespirabile. Non sono sufficienti nemmeno i provvedimenti del governo Monti, che dovrebbero favorire il centro-destra, a ridare fiducia agli elettori. Ed in molti, nel partito, chiedono una svolta.

Con Monti per salvare l’unità del partito. La causa è in parte legata all’appoggio al governo del professore di Varese. Le tasse, le liberalizzazioni e la lotta all’evasione fiscale non è ben vista da una parte dell’elettorato del Pdl. Ma non c’è alternativa. E questo Berlusconi lo sa bene. La prima fiducia a Monti era dettata dalla necessità di arrestare le forze centrifughe nel partito. Trenta, forse quaranta parlamentari, erano pronti ad abbandonare il gruppo del Pdl per entrare nell’Udc. Oggi, tuttavia, la situazione interna del partito non è migliorata. Le “fronde” sono raddoppiate. Per questo Monti è l’unica strada per tenere uniti i due gruppi parlamentari.

Fiducia ai minimi storici. Così, mentre le varie anime del Popolo delle Libertà cercano una sintesi intorno al governo tecnico, la fiducia nel partito è ai minimi storici. Alle prossime elezioni amministrative il Pdl rischia di prendere meno del 20%. Ma qualcuno nel partito è convinto che il risultato finale sarà più vicino al 10% che al 20. Segno che il marchio, dopo l’uscita di scena di Berlusconi, non tira più. Allora bisogna cambiare: nome, facce, simbolo. Quando? Il giorno dopo del voto amministrativo del 6 e 7 maggio.

“C’è bisogno di un’idea”. Nel Pdl lo sanno: non si può perdere altro tempo. Bisogna anticipare Pierferdinando Casini, pronto a candidarsi come leader di una nuova casa dei moderati. Secondo fonti del Pdl, è altamente probabile che il leader cattolico annunci lo scioglimento dell’Udc a bocce ferme; nel momento in cui si avranno i risultati definitivi del voto amministrativo. Forte del sicuro debole risultato del Pdl, avrà la forza di chiamare a sé in questo nuovo progetto anche alcune fronde del Pdl.

Berlusconi corteggia il terzo polo, ma Casini non molla. Berlusconi sa bene che dovrà giocare in anticipo dando vita ad un nuovo progetto. Giocherà certamente una delle sue carte preferite: “Vinciamo solo quando sono in prima linea”. Sarà la giustificazione alla sicura débâcle elettorale. Tuttavia tutto questo potrebbe non bastare per conservare la leadership dell’area moderata. Il Cavaliere già da qualche settimana sta cercando di incamminarsi lungo la strada del disgelo con Gianfranco Fini, per limitare i danni almeno nella città di Palermo. Ma la ricorsa al Terzo polo non sta dando i frutti sperati. Berlusconi sarebbe disposto a lasciare Palazzo Chigi a Casini, in cambio della candidatura a Presidente della Repubblica. Ma il leader Udc sembra non essere disposto a scendere a questo compromesso: “L’unità dei moderati è un valore diverso da chi in questi anni ha coltivato il populismo e la demagogia”.

Comments

  1. Daniele Giglio


    in cambio della candidatura a Presidente della Repubblica”? E per quale motivo dovremmo avere un simile delinquente a capo dello Stato?

  2. Cercoquelloonesto

    Nooooooooo…il Porconano presidente della Repubblica Noooooooooooo!!!!!!!!!!!

  3. Lorenzo Franceschini

    Ma statevene tutti a casa che tanto fate schifo uguale.

  4. Armando Lauri

    Sarà, ma il contesto istituzionale, politico e perfino storico a mio giudizio lascia prevedere, per il Colle, nel 2013, la riconferma di Napolitano. E anche con ampio margine di parlamentari neo-eletti di variegati schieramenti.L’obiezione per la quale “dal dopoguerra una rielezione alla Presidenza della Repubblica non è mai avvenuta” non mi sembra forte, di questi tempi. Armando Lauri

  5. Serelimir

    Serve una nuova idea? E perchè anzichè cambiare nome, simbolo e altre amenità del genere non cambiate residenza? Potreste trasferirvi tutti e mille in qualche bella prigione e lasciare liberi i palazzi

  6. M Bonura

    @Daniele Giglio: semplice, il presidente della repubblica non è votato dai cittadini ma dal parlamento. Se pensi di cosa si è occupato il parlamento in questi ultimi anni e quali porcate ha votato, capisci perchè B. Voglia diventare presidente della repubblica

  7. Fadi70

    Ancora a 20% ? sicuro che non è 2,0% ???

  8. SEFONRG

    M5S AL 7,5 % SI VOLAAAAAA
    UDC DI CASINI AL 7 % ALTRO CHE TERZO POL(L)O…..

  9. alessandrobrogi

    Berlusconi e la sua pletora di servi venduti dei vari Gasparri,LaRussa… devono sparire dalla politica!
    W IL TERZO POLO CON FLI+UDC!!!! QUESTO E’ IL VERO CENTRODESTRA!!

    • Cercoquelloonesto

      Terzo polo?Ma se non sbaglio questi non erano amichetti del Porconano?
      Ma fammi il piacere…

  10. marcosimeone

    Senza più Fini il Pdl è ormai solo una scatola di SERVI sciocchi senza valore….

  11. Cingapao

    Continuate a sostenere Monti e la sua politica di espropri nei confronti del ceto medio e sparirete. Penso che a questo punto gli Italiani apprezzerebbero la neutralizzazione del pseudo professore e della la sua banda che  mirano solo a fare  cassa con una tassa insostenibile come l’IMU  stanno mettendo sul lastrico  i meno abbienti, i pensionati non di stato. Di ricavare soldi da chi ha pensioni o stipendi superiori a 100000 euro non se ne parla? Le pensioni di chi non è coinvolto in politica arrivano a stento, ben che vada ,  a 1500 euro mensili. Come fate ad autorizzare Monti a pretendere IMU, super IMU, tassa dei rifiuti calcolata sulla base dell’IMU ed a lasciarlo sproloquiare ad ogni ora su tutte le televisioni difronte ad una platea di persone che (per lo meno quelle oneste) hanno finito i soldi e stanno pensando al suicidio o alla insurrezione?